I produttori greci festeggiano il successo del raccolto storicamente basso

Agricoltori e mugnai in Grecia hanno ottenuto 56 premi al 2024 NYIOOC World Olive Oil Competition dopo il peggior raccolto degli ultimi dieci anni.
I produttori greci hanno ottenuto 56 premi su 108 partecipanti al 2024 NYIOOC World Olive Oil Competition. (Foto: Skoutari)
Di Costas Vasilopoulos
Maggio. 28, 2024 11:25 UTC

Il raccolto deludente di quest'anno in Grecia non ha impedito agli olivicoltori e ai frantoiani del paese di produrne alcuni i migliori oli extravergine di oliva del mondo.

Sconfiggendo ogni previsione, i produttori greci hanno colto l'occasione e hanno vinto 56 premi (26 d'oro e 30 d'argento) su 108 partecipanti al concorso 2024. NYIOOC World Olive Oil Competition.

La produzione greca di olio d'oliva è diminuita inferiore a 150,000 tonnellate nell'anno di raccolto 2023/24, un minimo record e meno della metà delle 340,000 tonnellate dello scorso anno.

Vedi anche:Il miglior olio extra vergine di oliva dalla Grecia

Agricoltori e mugnai hanno citato il clima irregolare, che ha interrotto il modello stabilito di coltivazione dell'olivo nel paese, e si è diffuso mosca di frutta d'oliva infestazioni come causa principale della diminuzione quantitativa e, in alcuni casi, qualitativa.

"L'anno scorso è stato l'anno più impegnativo che abbiamo mai affrontato", ha affermato il produttore cretese Panagiotis Tsiriotakis di Organici dell'Acropoli, che ha vinto due Gold Awards per i monovarietali Koroneiki.

"A differenza della generazione di mio nonno, quando il tempo era affidabile e costante, abbiamo dovuto affrontare cambiamenti climatici come mai prima d'ora", ha aggiunto.

I produttori di Creta e della penisola del Peloponneso, la spina dorsale dell'industria greca dell'olio d'oliva, hanno rivendicato la parte del leone dei riconoscimenti all'edizione di quest'anno NYIOOC con 32 premi.

AMG Karabelas dalla regione di Ilia, nella penisola, hanno superato il clima avverso che ha dominato la regione quest'anno per celebrare due Gold Awards e un Silver Silver Award al Word Competition.

i-migliori-concorsi-di-olio-d'oliva-produzione-in-europa-i-produttori-greci-celebrano-il-successo-fino-ai-tempi-di-raccolto-storicamente-bassi-dell'olio-d'oliva

Le alte temperature primaverili e il clima umido durante tutto il raccolto sono state alcune delle sfide affrontate da AMG Karabelas per ottenere una qualità pluripremiata. (Foto: AMG Karabelas)

Alexis Karabelas ha affermato che le condizioni meteorologiche irregolari, tra cui la pioggia eccessiva in primavera e il clima caldo al momento del raccolto, hanno costretto l'azienda a cambiare tattica e a raggiungere ancora una volta i suoi elevati standard di qualità.

"Abbiamo dovuto effettuare test frequenti per ottenere i risultati desiderati", ha affermato. "Avendolo fatto quest’anno, crediamo che potremo vincere anche negli anni a venire”.

Il produttore del Peloponneso ha vinto due Gold Awards per il Laurel & Flame Fresh, un monovarietale di Tsabidoelia, e la sua miscela Olympia IGP per il terzo anno consecutivo. È stato premiato anche il premio della compagnia I Miti di Olimpia.

"Siamo lieti anche perché i Miti dell'Antica Olimpia, un olio extravergine di oliva Koroneiki che abbiamo presentato al NYIOOC per la prima volta, ha vinto un Silver Award nella competizione”, ha detto Karabelas.

A Creta, dove alcune delle aree di produzione dell'isola hanno registrato un drammatico calo del 60-70% nella produzione di olio d'oliva, il ritorno dei concorrenti Skoutari più Raccolto cretese ha superato un raccolto impegnativo per vincere premi all'edizione di quest'anno NYIOOC.

Situati sui lati opposti dell'isola – Skoutari sul lato orientale vicino a Lasithi e Cretan Harvest sul lato occidentale vicino a Chania – entrambi i produttori hanno dovuto affrontare il clima secco dell'isola e i parassiti delle olive durante la raccolta.

i-migliori-concorsi-di-olio-d'oliva-produzione-in-europa-i-produttori-greci-celebrano-il-successo-fino-ai-tempi-di-raccolto-storicamente-bassi-dell'olio-d'oliva

Dopo l'annata impegnativa del raccolto 2023/24, i produttori hanno affermato che la situazione prima del 2024/25 sembra essere più promettente. (Foto: raccolta cretese)

"Il tempo è diventato imprevedibile, con forti venti e clima caldo in aprile e maggio che incidono gravemente sul processo di allegagione degli olivi ", ha affermato Maria Sgourou di Skoutari. "A parte le manifestazioni della mosca della frutta, anche la campagna 2023/24 è stata molto secca. La siccità è una delle nostre maggiori preoccupazioni nella parte orientale di Creta”.

Tuttavia, il Gold Award che Skoutari ha vinto per il quarto consecutivo anno ha contribuito enormemente ad alleviare il peso del raccolto impegnativo.

pubblicità
pubblicità

"Vincere il premio ci ha riempito di orgoglio per il nostro percorso dinamico ma anche di gratitudine per i nostri compagni di viaggio”, ha affermato Sgourou. "Fedeli al nostro impegno di offrire la massima qualità, continuiamo il nostro impegno con ancora maggiore tenacia”.

Da parte sua, Cretan Harvest ha celebrato un Silver Award nel concorso per un delicato olio extravergine di oliva Koroneiki, anche se con alcune sfide legate all'ardua stagione agricola 2023/24.

"La stagione è stata molto impegnativa, con la mosca della frutta e il gloeosporium che hanno influito sulla quantità e sulla qualità degli oli d'oliva cretesi ", ha affermato il proprietario Stamatis Madariotakis. "Tuttavia, la NYIOOC il premio riconosce il nostro duro lavoro per mantenere i nostri elevati standard nella produzione di olio d'oliva.

Madariotakis ha aggiunto che il raccolto 2024/25 sembra promettente, con i fiori dell'olivo che si sviluppano bene.

Altri esperti prevedono un miglioramento della resa dell'olio d'oliva in Grecia nel 2024/25, a condizione che l'allegagione delle olive continui senza ostacoli.

"Una forte fruttificazione è chiaramente visibile sugli ulivi di tutto il paese, portando il prossimo raccolto di olio d'oliva tra le 200,000 e le 220,000 tonnellate ", ha affermato Vasilios Frantzolas, assaggiatore di olio d'oliva e consulente di qualità.

"Tuttavia, in alcune zone, i fiori dell'olivo seccano a causa dell'intensa siccità, unita all'assenza dell'ulivo richieste ore di relax lo scorso inverno, dovrebbe renderci cauti”, ha aggiunto. Dovremmo avere un quadro migliore del prossimo raccolto di olio d'oliva entro la metà di giugno.

A Lesbo, la terza isola più grande della Grecia e un'altra delle tradizionali regioni produttrici di olio d'oliva del paese, la produzione è crollata a 3,000 tonnellate in questa stagione da oltre 10,000 tonnellate nel 2022/23.

i-migliori-concorsi-di-olio-d'oliva-produzione-in-europa-i-produttori-greci-celebrano-il-successo-fino-ai-tempi-di-raccolto-storicamente-bassi-dell'olio-d'oliva

Falcon si prende cura di 40,000 ulivi di 12 varietà sull'isola di Lesbo. (Foto: Falco)

Nonostante il pessimo raccolto dell'isola, falco di Sigri, sulla costa occidentale dell'isola, ha trionfato con tre Gold Awards, ripetendo il successo dello scorso anno al Concorso Mondiale.

"È così importante essere premiati al prestigioso concorso di New York dopo un anno così difficile ", ha affermato Nana Kanakaki, responsabile della sezione olio d'oliva dell'azienda. "I tre Gold Awards al 2024 NYIOOC sono la naturale continuazione dei premi ricevuti da Falcon lo scorso anno”.

L'azienda ha trasformato un'area precedentemente deserta in un vasto uliveto di 40,000 ulivi di non meno di 12 diverse cultivar di olivo, comprese le varietà autoctone Adramytini e Kolovi.

Falcon ha vinto i premi del Concorso Mondiale per tre monovarietali di olive Kalamon, Kolovi e Adramytini.

Kanakaki ha affermato che l'inverno mite e la mosca della frutta, che ha fatto sentire la sua presenza abbastanza presto sull'isola, hanno richiesto approcci non convenzionali alla produzione di olio d'oliva.

"Per evitare qualsiasi impatto serio sui nostri oli d'oliva, abbiamo iniziato la raccolta alla fine di agosto per produrre il nostro olio extra vergine di oliva raccolto precocemente e ad alto contenuto di polifenoli ", ha affermato. "Cerchiamo costantemente di promuovere il nostro olio d'oliva attraverso un approccio diverso in termini di qualità e sostenibilità, come l'uso minimo di acqua e l'esclusione dell'ossigeno atmosferico dal processo di produzione per ottenere la massima qualità.

"Siamo così felici che i nostri sforzi e il nostro duro lavoro vengano riconosciuti nel tempo”, ha concluso Kanakaki.


pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati