I produttori dell'Asia orientale mostrano una qualità pluripremiata sul palcoscenico mondiale

I produttori cinesi e giapponesi si sono uniti per vincere dieci premi al 2024 World Olive Oil Competition.

Olive Times sta lavorando per promuovere lo sviluppo economico nelle zone rurali della Cina centrale attraverso la coltivazione dell'olivo e la produzione di olio d'oliva. (Foto: Olive Times)
Di Paolo DeAndreis
Maggio. 28, 2024 12:07 UTC
199
Olive Times sta lavorando per promuovere lo sviluppo economico nelle zone rurali della Cina centrale attraverso la coltivazione dell'olivo e la produzione di olio d'oliva. (Foto: Olive Times)

Ogni anno, i produttori provenienti da regioni olivicole non tradizionali sfruttano i riflettori dei concorsi internazionali per dimostrare che l'alta qualità olio extravergine d'oliva non è esclusivamente dominio del bacino del Mediterraneo.

Agricoltori e mugnai dell'Asia orientale ancora una volta è salito alla ribalta, con produttori provenienti da Cina e Giappone che si sono uniti per guadagnare dieci premi da 12 partecipanti al 2024 NYIOOC World Olive Oil Competition.

Siamo molto orgogliosi di questo risultato. Il nostro obiettivo è coniugare l’olio d’oliva con le tradizioni culinarie giapponesi. Il nostro obiettivo è continuare a diffondere la cultura dell'olivo in stile giapponese.- Ryhoei Mineo, CEO, Mineo Nouen Itonamisha

Due produttori della Cina centrale si sono uniti per vincere tre premi su quattro al concorso di quest'anno.

Tra questi c'era tempi d'oliva, che ha ottenuto il terzo Silver Award consecutivo per il suo marchio Whispering Flowers, un delicato monovarietale Ezhi‑8.

Vedi anche:Copertura della competizione mondiale 2024

"Siamo entusiasti di vincere di nuovo", ha affermato Jane Gong, fondatrice di Olive Times. "Guardando al futuro, speriamo di crescere e assicurarci un Gold Award il prossimo anno”.

Whispering Flowers è prodotto da Shanghai Olive Light Biotechnology per Olive Times, a iniziativa comunitaria per alleviare la povertà a Lognan, un distretto nella provincia cinese centrale del Gangsu.

"Gli ulivi furono introdotti a Longnan nel 1975 per combattere l'erosione del suolo, ma dovettero affrontare sfide dovute alla bassa domanda e all'insufficiente marchio e supporto tecnologico, con conseguenti benefici economici limitati per gli agricoltori locali ", ha affermato Gong.

Tuttavia, un rinnovato interesse per l'olio d'oliva benefici alla salute nelle grandi città ha rivitalizzato l’industria e ha stimolato il progetto Olive Times.

Il progetto Olive Times sta espandendo i propri impianti di frantoio e diversificando la propria gamma di prodotti per soddisfare le esigenze del mercato.

"Stiamo progettando di sviluppare nuovi prodotti a base di olio d'oliva. Per raggiungere questo obiettivo, dobbiamo aumentare le nostre risorse”, ha affermato Gong.

i-migliori-oli-di-oliva-concorsi-produzione-asia-produttori-dell'est-asiatico-mostra-la-qualità-premiata-sul-palcoscenico-mondiale-olive-oil-times

Maedaya Olive ha superato sbalzi di temperatura estremi per guadagnare un Gold Award per un monovarietale Mission. (Foto: Maedaya Olive)

Sebbene negli ultimi due anni la regione sia stata risparmiata da significativi impatti meteorologici sulla produzione di olio d'oliva, le sfide future potrebbero derivare dalle condizioni di mercato.

"Una delle difficoltà che affrontiamo è l'aumento del prezzo dell'olio d'oliva, che potrebbe influenzare la domanda complessiva ", ha affermato Gong.

I successi di questa stagione per i produttori cinesi includono anche un Gold e un Silver Award per Mianning Peaktop Tecnologia agricola a Liangshan, nel Sichuan, che confina a sud con la provincia del Gansu.

Peaktop nasce da un'idea del suo presidente, Lin Chunfu, che pianta ulivi Arbequina, Koroneiki e Arbosana dal 2011.

La tenuta di Chunfu ha ampliato la produzione di olive negli anni successivi e ora gestisce quasi 2,000 ettari di ulivi, rendendo l'azienda il più grande produttore di olio d'oliva della Cina.

Mentre le tre cultivar di olivo mediterraneo rimangono il fulcro della sua produzione, l'azienda sta sperimentando anche altre varietà 21.

pubblicità
pubblicità

Peaktop ha vinto il Gold Award per il suo marchio Mutual Beauty, un Koroneiki biologico di media intensità, e un Silver Award per il suo marchio Aiolio, un altro Koroneiki biologico di media intensità.

Dall'altra parte del Mar Cinese Orientale, agricoltori e mugnai del Giappone si sono uniti per vincere sette premi su otto partecipanti al Concorso Mondiale.

I vincitori giapponesi provenivano da tutto il paese e includevano quelli di lunga data NYIOOC partecipanti e alcuni produttori che celebrano le vittorie del debutto.

Vedi anche:I migliori oli extravergini di oliva dal Giappone

Nella sua NYIOOC debutto, Fattoria del raccolto ha vinto un Gold Award per il suo marchio Virgin Valley, una miscela di cultivar di origine italiana tra cui Frantoio, Pendolino, Leccino e Taggiasca.

Questo olio d'oliva di livello mondiale proviene da un progetto sostenibile inizialmente concepito per rivitalizzare un'area trascurata.

"Otto anni fa, abbiamo lavorato duramente per recuperare i terreni agricoli abbandonati che erano diventati foresta e convertirli in un uliveto", ha affermato Yoshinori Shikamoto, il fondatore dell'azienda.

i-migliori-oli-di-oliva-concorsi-produzione-asia-produttori-dell'est-asiatico-mostra-la-qualità-premiata-sul-palcoscenico-mondiale-olive-oil-times

Il fondatore di Harvest Farm, Yoshinori Shikamoto, ha celebrato un premio per il debutto al Concorso Mondiale per una miscela composta da varietà italiane. (Foto: Harvest Farm)

"Siamo molto lieti di ricevere un premio così prestigioso”, ha aggiunto. "Questo riconoscimento ci incoraggia a continuare a produrre olio d'oliva di alta qualità.

Harvest Farm coltiva 17,000 ulivi Frantoio, Leccino, Pendolino e Taggiasca sull'isola di Awaji, vicino a Osaka, nel Giappone centrale.

La campagna 2023/24 ha prodotto un raccolto fruttuoso. "Abbiamo grandi speranze anche per la nuova stagione, poiché la fioritura è abbondante", ha detto Shikamoto.

"Per ridurre al minimo l’uso di pesticidi, intraprendiamo sforzi significativi, come falciare accuratamente l’erba per ridurre le opportunità di parassiti”, ha aggiunto.

Uno dei compiti più impegnativi in ​​azienda è la lotta all'olivo scarabeo anoplophora.

"È un insetto nativo qui in Giappone. Le sue larve possono danneggiare i tronchi degli ulivi ", ha detto Shikamoto. "È un compito impegnativo identificarli e rimuoverli tutti dagli alberi. Se non lo facciamo, gli alberi potrebbero appassire. Pertanto ogni albero viene ispezionato e ogni traccia di larve viene rimossa”.

Non lontano da Awaji, sulla costa di Ushimado, Azienda olivicola nipponica ha trionfato ancora una volta al NYIOOC, vincendo due Gold Awards per i suoi marchi Ushimado e Ushimado Superior.

i-migliori-oli-di-oliva-concorsi-produzione-asia-produttori-dell'est-asiatico-mostra-la-qualità-premiata-sul-palcoscenico-mondiale-olive-oil-times

La Nippon Olive Company trae vantaggio dal clima mediterraneo di Ushimado per stabilire un'eredità di successo nel NYIOOC. (Foto: Nippon Olive Company)

"La gente del posto paragona la nostra regione al Mar Egeo, un omaggio a un clima che ricorda da vicino il Mediterraneo”, ha affermato Yasuhiro Yoshida, direttore di produzione della società.

La Nippon Olive Company acquista i suoi oli d'oliva da Tortosa, in Spagna, e dai suoi uliveti di dieci ettari nei giardini di Ushimado.

I suoi vivai forniscono ulivi ad agricoltori e privati ​​cittadini in Giappone. I due oli d'oliva pluripremiati sono miscele di cultivar spagnole, tra cui Lucca, Mission, Nevadillo Blanco, Manzanillo e Arbequina.

Dal 2019, Nippon Olive Company ha ha vinto dieci premi al Concorso Mondiale, nove dei quali erano Gold Awards.

Più a sud, Mineo Nouen Itonamisha a Etajima, nella prefettura di Hiroshima, ha vinto un Gold Award e Silver Award per il marchio Etajima Strong, una miscela con note distintive di tè verde, e il suo monovarietale Lucca.

"Siamo molto orgogliosi di questo risultato. Il nostro obiettivo è combinare l'olio d'oliva con le tradizioni culinarie giapponesi ", ha affermato Ryhoei Mineo, amministratore delegato dell'azienda. "Il nostro obiettivo è continuare a diffondere la cultura dell'olivo in stile giapponese ".

A quasi 600 chilometri di distanza, situato all'ombra del Monte Fuji, Fattoria Crea celebre vincendo un Gold Award per il monovarietale Coratina, quinto premio dell'azienda al World Competition dal 2019.

"Vincere un premio al NYIOOC è la testimonianza del duro lavoro svolto durante tutta la stagione. Siamo orgogliosi di essere valutati per la qualità in questa fase”, ha affermato Yasuko Nishimura, amministratore delegato dell'azienda.

i-migliori-oli-di-oliva-concorsi-produzione-asia-produttori-dell'est-asiatico-mostra-la-qualità-premiata-sul-palcoscenico-mondiale-olive-oil-times

Con l’espansione della produzione, la sfida per Crea Farm è continuare a mantenere elevati standard di qualità. (Foto: Fattoria Crea)

Man mano che gli uliveti dell'azienda sono maturati, la quantità di olive che producono è aumentata. Nell'anno raccolto 2023/24, l'azienda ha raccolto 300 tonnellate di olive, il che, secondo Nishimura, offre opportunità e sfide.

"Effettuiamo uno screening al 100% nel processo di segregazione e spremiamo le olive entro 24 ore dalla raccolta, ma riteniamo che razionalizzare il processo sia impegnativo ", ha affermato.

Non lontano da Crea Farm, nella prefettura di Yamanashi, Fuefuki Maedaya Oliva ha fatto il suo debutto al NYIOOC ed ha vinto un Gold Award.

"Siamo entusiasti di questa vittoria”, ha affermato il fondatore Keisuke Maeda. "Partecipando a NYIOOC, abbiamo voluto che i migliori assaggiatori di olio d'oliva del mondo valutassero il nostro prodotto. Avevamo bisogno della loro valutazione per capire la qualità che abbiamo raggiunto”.

La coltivazione dell'olivo è uno sviluppo recente nella regione e l'azienda sta esplorando i metodi migliori per contrastare il clima difficile.

Nei prossimi anni verranno piantate più cultivar di olivo e Maeda spera di espandere la cultura della pluripremiata produzione di olio d'oliva.


Condividi questo articolo

pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati