La siccità porta a previsioni di un raccolto debole in Argentina

La stagione della raccolta delle olive è iniziata in Argentina, ma gli agricoltori si aspettano basse rese e costi crescenti.
Archivi OOT
Può. 5, 2022
Ephantus Mukundi

Notizie recenti

Con l'inizio della raccolta delle olive in Argentina, gli agricoltori e gli esperti del settore stanno riconoscendo che il raccolto di quest'anno sta avvenendo in circostanze economiche e agronomiche molto complesse.

Di conseguenza, prevedono che il Raccolta delle olive 2022 potrebbe scendere fino al 20 per cento rispetto al 2020/21.

Quest'anno, abbiamo in programma di aumentare un po' il volume di produzione a causa dell'aumento della domanda di petrolio che abbiamo avuto. Quindi compriamo le olive.- Diego Calderón, direttore di stabilimento, Almazara SA

Inoltre, esiste la possibilità che le olive producano meno olio a causa di una prolungata siccità che ha interferito con la formazione di olio nella drupa, noto anche come lipogenesi.

L'Argentina, il più grande produttore di olive e olio d'oliva nell'emisfero occidentale, sta combattendo condizioni di siccità dalla seconda metà del 2021 a causa degli effetti di un'estate imprevedibile e del Fenomeno La Niña, che tende a causare siccità nella regione.

Vedi anche:L'Argentina riceve la sua prima indicazione geografica per l'olio d'oliva

L'Argentina ha più di 90,000 ettari di ulivi. La maggior parte degli uliveti si trova a La Rioja, Mendoza, San Juan e Catamarca. Queste regioni ricche di oliveti facevano parte delle aree più colpite dalla siccità.

I meteorologi temevano che il paese avrebbe sperimentato una ripetizione della grave siccità sperimentata nel 2017/18 che ha comportato perdite economiche di 3.23 miliardi di euro. Sebbene le piogge siano arrivate a marzo 2022, era troppo tardi poiché colture come olive, soia e mais erano troppo avanti nei loro cicli di sviluppo per beneficiare delle piogge.

pubblicità

Nonostante lo scarso raccolto, i produttori di olive e i frantoi sperano che i buoni prezzi delle olive e dell'olio d'oliva in parte dovuti agli impatti del Pandemia di covid-19 e l'invasione russa dell'Ucraina.

Quest'ultimo ha portato ad un grave carenza di olio di girasole, l'aumento della domanda di olio d'oliva in Europa e l'aumento del consumo interno, che attutirà gli agricoltori dagli effetti della siccità e da uno scarso raccolto.

"Abbiamo iniziato la produzione di olive della varietà Changlot questa settimana e continueremo presto con Arbequina ", ha detto a Diario de Cuyo Diego Calderón, direttore dello stabilimento di Almazara SA. "Quest'anno, abbiamo in programma di aumentare un po' il volume di produzione a causa dell'aumento della domanda di petrolio che abbiamo avuto. Quindi compriamo le olive.

"Le varietà con cui lavoriamo di più sono Arauco e Arbequina e, in misura minore, Coratina", ha aggiunto. "In termini di rendimento, stimiamo di avere qualcosa di simile al 2021 a partire dal 14 percento e finendo al 19 o 20 percento".

"Il mercato nazionale è in crescita ed è il maggior consumatore del nostro marchio Fontalba”, ha proseguito Calderón. "Lavoriamo anche con il Messico per una piccola parte”.

Negli ultimi anni, il settore olivicolo in Argentina ha dovuto affrontare una serie di sfide.

Nel 2021, il Ministero dell'Agricoltura ha dichiarato lo stato di emergenza e un disastro agricolo a San Juan, una delle principali regioni olivicole del Paese, a causa di inondazioni, gelate, grandine e piogge intense. Il danno alle olive è stato così grave che alcuni esperti del settore hanno previsto un calo della produzione a due cifre.

Dal olive oil produzione è ad alta intensità di manodopera ed energia, il settore si è anche ampiamente ritirato a causa della scarsa disponibilità di manodopera a lavorare negli uliveti. Inoltre, l'industria deve fare i conti con la crisi energetica dovuta alla scarsità di carburante generata anche dall'invasione russa dell'Ucraina.



pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti