`Un mercato del credito di carbonio in Italia fornisce nuovi flussi di entrate per gli olivicoltori - Olive Oil Times

Un mercato del credito di carbonio in Italia fornisce nuovi flussi di entrate per gli olivicoltori

Febbraio 7, 2022
Paolo De Andreis

Notizie recenti

Gli ulivi hanno un capacità straordinaria per catturare l'anidride carbonica dall'atmosfera e immagazzinarla nel suolo.

Un nuovo progetto in Italia prevede di premiare gli olivicoltori, promuovendo le migliori pratiche agricole e la sostenibilità offrendo al contempo alle piccole e grandi imprese una soluzione praticabile per compensare la loro impronta di carbonio.

Quando un'azienda riassume il volume del suo inquinamento (carbonio) alla fine dell'anno, può scegliere di compensarlo. Nel nostro quadro, ciò significa finanziare le qualità di risparmio di anidride carbonica degli olivicoltori.- Francesco Musardo, co-fondatore, Alberami

The Alberami quadro certificato consente alle aziende di acquistare crediti di carbonio da olivicoltori tradizionali.

Vendendo il loro bilancio di carbonio positivo, gli agricoltori ricevono una ricompensa finanziaria per ogni tonnellata di anidride carbonica che i loro boschi catturano dall'atmosfera. Ogni tonnellata equivale a un credito di carbonio e può essere venduta su quello che è noto come il "mercato volontario del credito di carbonio”.

Vedi anche:Perché gli Stati Uniti sono in ritardo rispetto ad altre nazioni occidentali sulla questione della tassa sul carbonio?

"L'acquisto di crediti di carbonio potrebbe essere utile quando una determinata attività potrebbe non ridurre sostanzialmente le proprie emissioni o lo fa solo in parte", ha detto Francesco Musardo, co-fondatore di Alberami Olive Oil Times.

Secondo l'Unione Europea, i mercati del credito di carbonio sono in piena espansione in tutto il mondo. Anche una serie di iniziative che mirano a razionalizzarle sono considerate il loro impatto significativo su emissioni di diossido di carbonio.

pubblicità

L'Osservatorio del mercato degli ecosistemi segnalati un aumento del 58% del valore globale di quei mercati negli ultimi 12 mesi, con un valore totale delle transazioni che ha raggiunto 870 milioni di euro.

Al Conferenza sul clima COP26 a Glasgow lo scorso novembre, i leader mondiali hanno confermato il loro interesse per i mercati delle emissioni di carbonio e hanno definito piani per una serie standard di regole.

Secondo un recente studio dall'International Emissions Trading Association e dall'Università del Maryland, quei mercati potrebbero stimolare 870 miliardi di euro di investimenti entro il 2050.

"Qualsiasi attività produttiva genera anidride carbonica", ha affermato Musardo. "Quando un'azienda riassume il volume del suo inquinamento [di carbonio] alla fine dell'anno, può scegliere di compensarlo. Nel nostro quadro, ciò significa finanziare le qualità di risparmio di anidride carbonica degli olivicoltori".

Un pezzo essenziale del mercato delle olive con anidride carbonica è la sua certificazione in attesa presso l'International Carbon Registry (ICR), che fornisce crediti di carbonio ICR.

Un'altra chiave del progetto è un popolare tecnologia blockchain provider, che garantisce l'integrità, la sicurezza e la riservatezza dei dati di Alberami. Una volta salvate nel sistema, le informazioni non possono essere modificate.

Nato nella città pugliese di Lecce – ground-zero in Italia mortale Epidemia di Xylella fastidiosa – Albertami punta a portarne un po' sgravio finanziario ad un settore che negli ultimi anni ha attraversato notevoli difficoltà.

La piattaforma di credito di carbonio ha appena aperto i suoi abbonamenti e dozzine di olivicoltori in tutta Italia se ne stanno accorgendo.

"Al momento, abbiamo solo circa 500 ettari di oliveti tradizionali registrati nel nostro sistema, ma le nostre metriche ci dicono che da oggi ce ne saranno più di 2,000 al mese", ha affermato Musardo.

Non appena quei numeri raggiungeranno un volume minimo determinato di uno o due milioni di piante, il mercato del credito di carbonio dell'oliva andrà in funzione; gli emettitori di carbonio potranno acquistare crediti e i coltivatori inizieranno a essere premiati.

Finora, il quadro ha attratto sia i piccoli coltivatori, che costituiscono la spina dorsale della produzione olivicola italiana, sia diverse aziende più importanti.

"Coloro che hanno aderito finora vanno da piccoli coltivatori di 1.5 ettari a fattorie più grandi di 150 ettari", ha affermato Musardo.

Per iscriversi, i coltivatori forniscono ad Alberami un'ampia varietà di informazioni sugli alberi e sui metodi di raccolta e trasformazione.

L'azienda chiede ai coltivatori l'ubicazione, l'età, la varietà e la quantità degli ulivi. Si informano inoltre sulla coltivazione, la raccolta, i metodi di macinazione e la fonte di energia dell'azienda. Infine, chiedono dettagli sull'obiettivo del olive oil produzione funzionamento – uso commerciale o domestico.

"Tutto questo viene preso in considerazione nel nostro algoritmo proprietario, che calcola i valori relativi alla cattura e allo stoccaggio dell'anidride carbonica", ha affermato Musardo.

"L'olivicoltura genera emissioni di carbonio proprio come qualsiasi altra attività, ma le caratteristiche dell'albero e il modo in cui viene coltivato producono, alla fine, un esito positivo per il carbonio", ha aggiunto. "Il ciclo vegetativo dell'olivo dura molti mesi durante l'anno, più della maggior parte degli alberi, e pratiche come la potatura lo rafforzano e si aggiungono alle sue qualità di cattura del carbonio.

"Produce anche olive, dove l'albero immagazzina parte di quell'anidride carbonica ", ha continuato Musardo. "Ciò finirà nell'olio d'oliva, offrendo così un ciclo di conservazione a lungo termine che supera di gran lunga quelli delle piante non fruttifere.

Secondo il Consiglio oleicolo internazionale (CIO), le opportunità per i pozzi di carbonio dell'olivo stanno crescendo. In media, ha scritto gli esperti del CIO, "un ettaro di ulivi annulla l'impronta di carbonio annuale di una persona "e l'attuale produzione globale di olio d'oliva potrebbe assorbire le emissioni di una città così grande come Hong Kong e i suoi sette milioni di abitanti.

È stato calcolato che un litro di olive oil produzione potrebbe catturare fino a 10.64 chilogrammi di anidride carbonica dall'atmosfera.

Una volta registrati come pozzi di carbonio, la capacità di sequestro del carbonio dell'oliveto di Alberami cambierà nel tempo e sarà misurata ogni anno.

"Per produrre crediti di carbonio positivi con il passare degli anni, i coltivatori dovranno implementare le loro attività agricole in modo che i loro boschi mantengano e facciano crescere le loro qualità di cattura del carbonio", ha affermato Musardo.

A tal fine, l'azienda fornisce agli agricoltori un elenco di buone pratiche che possono migliorare il profilo rispettoso delle emissioni dei loro boschi.

"Quell'elenco include il divieto di fertilizzanti, il suggerimento di consentire all'erba di crescere sotto gli alberi ed evitare l'aratura profonda e suggerisce persino di passare all'agricoltura biologica", ha affermato Musardo.

Secondo l'azienda, l'olivicoltura biologica è molto più gratificante in termini di credito di carbonio.

"Se coltivato con l'agricoltura convenzionale, il posizionamento tradizionale dell'olivo di un massimo di sei per sei metri può produrre fino a 10 o 12 crediti di carbonio ", ha affermato Musardo. "Lo stesso albero coltivato biologicamente assorbirà più di due o tre volte quella quantità. Ciò potrebbe fornire nuovi incentivi finanziari per passare al biologico a molti coltivatori".

Secondo dati pubblicato dall'Istituto dei Servizi per il Mercato Agroalimentare (Ismea), solo il 23 per cento degli oliveti in Italia è attualmente certificato biologico. Tuttavia, questa cifra supera di gran lunga altri grandi produttori, come España o Grecia.

"Questo ci dà un altro suggerimento sulle opportunità che si prospettano per il mercato del credito di carbonio degli olivi in ​​Italia ", ha concluso Musardo.



Olive Oil Times Video Serie

Advertisement

pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti