La burocrazia ostacola l'espansione di Olive Oil Proproduzione in Croazia, avverte il produttore

La pluripremiata produttrice Marijana Podrug vede un aumento della produzione e del potenziale turistico in Croazia, ma ha affermato che la burocrazia del governo si sta mettendo di mezzo.
OPG Podrug
di Nedjeljko Jusup
28 novembre 2022 15:21 UTC

Un numero crescente di donne croate si dedica con successo all'olivicoltura. Tra loro c'è Marijana Podrug di Piramatovac, una pittoresca cittadina della Dalmazia centrale.

Podrug è il proprietario di OPG Podrug, che comprende 1,600 ulivi da cinque a 150 anni su sette ettari.

"Il problema è che le olive sono sparse in 25 uliveti in altrettante località diverse. Ma puoi fare qualsiasi cosa quando vuoi”, ha detto Podrug Olive Oil Times.

Vedi anche:Profili del produttore

Con l'aiuto del marito Denis, dei figli Sara e Dino, della suocera Marica e degli amici di famiglia, Podrug sta completando il raccolto di quest'anno con uno shaker in mano.

"Il raccolto è eccellente e i frutti sono sani. È un piacere sceglierli", ha detto.

Podrug ha iniziato la raccolta all'inizio di ottobre e ha continuato a raccogliere giornalmente fino alla prima metà di novembre. I frutti sono stati trasformati lo stesso giorno presso l'azienda petrolifera Laća a Skradinski Polje.

"Siamo soddisfatti della resa e della qualità", ha affermato. "Quest'anno abbiamo ricevuto 40 tonnellate. Gli oli sono tutti extra vergini. Insieme al piccante e al lieve amaro, si esprimono aromi e fruttato.

OPG Podrug ha ottenuto vari premi in concorsi internazionali di olio d'oliva, tra cui un Silver Award al 2022 NYIOOC World Olive Oil Competition, il più grande concorso mondiale di qualità dell'olio d'oliva.

"I nostri oli hanno vinto per due anni consecutivi ", ha affermato, aggiungendo che i premi hanno portato a un aumento della domanda dei suoi oli d'oliva, che vengono venduti nel negozio di famiglia.

I premi sono l'ultimo capitolo della continua evoluzione dell'azienda di famiglia, di cui Podrug ha preso il controllo otto anni fa.

"Mio suocero, Milan, l'ha fondata circa 17 anni fa", ha detto. "L'ho rilevato e modernizzato con i fondi del programma di sviluppo rurale dell'Unione europea".

Prima di prendere le redini di OPG Podrug, Podrug gestiva in precedenza un'altra piccola impresa.

"Avevo un negozio per mamme e bambini e mio marito lavorava in una tipografia come grafico", ha detto. "Inoltre, avevamo una bancarella di famiglia che vendeva frutta e verdura, dove lavoravano mio suocero e mia suocera, e io e mio marito procuravamo merci per loro”.

Quando ha rilevato OPG Podrug, Podrug e suo marito si sono dedicati a tempo pieno a lavorare nella proprietà.

europa-profili-la-migliore-produzione-di-olio-di-oliva-la-burocrazia-ostacola-l-espansione-della-produzione-di-olio-di-oliva-in-croazia-il-produttore-avverte-i-tempi-dell-olio-di-oliva

Marijana e Denis Podrug

La coppia ha richiesto con successo un prestito per una piccola impresa e ha ricevuto 380,000 kune (€ 50,000). Con questo e con i soldi della propria attività, hanno acquistato nuove attrezzature e convertito tutti i loro terreni agricoli - comprese viti, alberi da frutto e un orto - alla coltivazione biologica.

Insieme con olio extravergine d'oliva, Podrug usa altri frutti per fare torte, marmellate e marmellate. Produce anche crauti e salse dai cetrioli, peperoni e pomodori che coltiva.

pubblicità

Vende tutti questi prodotti nel negozio di famiglia vicino all'ingresso del Parco Nazionale di Krka. A causa della posizione, la famiglia vende a molti turisti che visitano il parco.

"Abbiamo buone condizioni per lo sviluppo del turismo olivicolo ", ha affermato Podrug.

Vedi anche:Nonostante la siccità, la Croazia gode di un raccolto fruttuoso

I suoi sforzi per produrre olio d'oliva non sono passati inosservati. Tre anni fa, Podrug è stata riconosciuta per il suo spirito imprenditoriale e premiata come seconda classificata nella Giornata internazionale delle donne rurali, che ha coinciso con la Giornata mondiale dell'alimentazione.

europa-profili-la-migliore-produzione-di-olio-di-oliva-la-burocrazia-ostacola-l-espansione-della-produzione-di-olio-di-oliva-in-croazia-il-produttore-avverte-i-tempi-dell-olio-di-oliva

Marijana Podrug riconosciuta nella Giornata internazionale delle donne rurali

Non le mancano idee e piani per iniziare a ospitare degustazioni di olio d'oliva presso la fattoria per promuovere il turismo dell'olio d'oliva.

"La sala di degustazione più vicina si trova a Vodice, a 20 chilometri di distanza", ha detto Podrug, aggiungendo che vuole anche ospitare tour dei boschetti.

Tuttavia, prima di espandere le sue operazioni, Podrug ha bisogno di più capitale, che è stato difficile da ottenere.

"Sfortunatamente, questo è il terzo anno di attesa e la burocrazia sta giocando con la mia vita", ha detto.

Per garantire il successo della sua azienda agricola per le generazioni future, Podrug vuole anche acquistare più terra e piantare più ulivi. Tuttavia, anche le pratiche burocratiche necessarie per l'acquisto del terreno sono state molto lente e logisticamente impegnative.

Come risultato di quella che Podrug considera una burocrazia inefficiente, ha detto che il paese ne è pieno "capitale morto”, più di un milione di ettari di terreno incolto in Croazia.

Crede che se anche solo una piccola parte di questa terra fosse coltivata, sarebbe possibile aumentare drasticamente il croato olive oil produzione, consentendo al Paese di soddisfare una domanda interna di circa 1.5 litri pro capite all'anno.

Secondo i dati ufficiali, in Croazia ci sono 3,748,705 ulivi che producono ogni anno dalle 3,000 alle 4,500 tonnellate di olio d'oliva. Tuttavia, le cifre non ufficiali sono molto più alte, alcuni dicono quasi tre volte superiori alle statistiche ufficiali.

Podrug ritiene che l'aumento della produzione eliminerebbe la necessità di importare oli d'oliva più economici, cosa che, secondo lei, danneggia i produttori locali.

Ha affermato che molti oli d'oliva importati sono di qualità inferiore, persino adulterati, e ha esortato il ministero a condurre analisi di qualità delle importazioni per confermarlo.

"Sebbene non siamo autosufficienti nella produzione di oli d'oliva e non possiamo eguagliare le quantità e i prezzi dei grandi produttori, abbiamo una qualità di cui siamo orgogliosi ", ha affermato.

Podrug indica il performance dei produttori croati al 2022 NYIOOC come prova.

I croati hanno ottenuto 96 premi su 112 candidature, rendendo il paese il terzo di maggior successo in termini di premi totali e il maggior successo in termini di percentuale di vincita per qualsiasi paese che ha presentato più di tre oli.


pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti