Il più grande produttore brasiliano festeggia un raccolto trionfante

Prosperato ha goduto di un raccolto record e ha vinto quattro premi al World Olive Oil Competition.
Raffaele Marchetti
Giu. 25, 2022
Daniel Dawson

Notizie recenti

Il più grande del Brasile olive oil producer sta vivendo un anno record in più di un modo.

Situato nello stato sud-orientale del Rio Grande do Sul, Prosperato ha prodotto un record di 70,000 litri nell'anno del raccolto in corso e ha celebrato la vittoria di quattro premi, un altro record, al 2022 NYIOOC World Olive Oil Competition.

Troviamo ancora ogni giorno persone che non sanno che esiste l'olio d'oliva brasiliano. Il modo in cui possiamo arrivare a queste persone è con questo tipo di notizie, parlando di premi.- Rafael Marchetti, amministratore delegato, Prosperato

"Abbiamo iniziato la raccolta nella prima settimana di febbraio e abbiamo terminato la prima settimana di maggio, quindi sono trascorsi quasi 90 giorni", ha detto Rafael Marchetti, amministratore delegato dell'aziendo olive oil Times. "Non avevamo mai raccolto a maggio, quindi è stato il nostro raccolto più lungo".

Marchetti ha attribuito l'aumento del tempo al numero in costante aumento di olive prodotte dai suoi alberi in maturazione.

Vedi anche:Profili del produttore

Mentre l'azienda ha prodotto una maggiore quantità di olive nel 2019, una prolungata siccità ha significato che il contenuto di olio di quelle olive era molto più basso e ha comportato una produzione leggermente inferiore di 65,000 litri.

"Abbiamo alberi di tutte le età, dai quattro anni fino a quasi 15 anni", ha detto Marchetti. "Abbiamo più olive perché gli alberi ora sono più grandi".

pubblicità

Insieme ai suoi alberi che entrano nella maturità, Marchetti ha detto la sua comprensione di come produrre olio extravergine d'oliva anche in Brasile è maturato.

La combinazione di migliori tecniche agronomiche nei suoi due boschetti e migliori tecniche di molitura significa che può ottenere il massimo dai suoi alberi e dalle olive che producono.

"Non sappiamo tutto, ma stiamo imparando di più su come coltivare le olive nel nostro ambiente, come farlo potare correttamente, come utilizzare le nuove tendenze al momento giusto”, ha affermato. "E l'anno scorso abbiamo avuto anche un inverno molto freddo, che ha aiutato a produrre più fiori".

profili-produzione-sudamerica-il-miglior-olio-d-oliva-brasile-il-più-grande-produttore-celebra-un-trionfante-raccolta-olio-d-oliva-tempi

Raccolta delle olive a Prosperato

Rio Grande do Sul è uno stato di dimensioni medie in Brasile, leggermente più grande dell'Ecuador, che si estende dalla costa atlantica al confine occidentale con l'Argentina.

Prosperato ha due uliveti nello stato, uno in Costa Doce, appena a sud del capoluogo Porto Alegre vicino alla costa. L'altro è a Capaçava do Sul, che presenta un clima continentale più umido nel centro dello stato.

"Avere ulivi in ​​due regioni molto diverse ci ha fatto imparare più velocemente ", ha detto. "Abbiamo sempre qualcosa di nuovo da imparare. È così diverso da quello che stanno facendo in Europa perché il clima è così diverso. Quindi in pratica abbiamo dovuto imparare tutto da zero”.

L'azienda ha iniziato a produrre olio d'oliva nel 2013 dai suoi boschetti vicino a Porto Alegre dopo aver piantato i suoi primi ulivi nel 2011.

Prima di produrre olio d'oliva, Marchetti ha lavorato presso Tecnoplanta Forestal, un vivaio fondato dal padre 30 anni fa.

profili-produzione-sudamerica-il-miglior-olio-d-oliva-brasile-il-più-grande-produttore-celebra-un-trionfante-raccolta-olio-d-oliva-tempi

Vivaio presso Tecnoplanta Forestal

Mentre la maggior parte degli sforzi dell'azienda si sono concentrati sulla clonazione e sull'innesto di alberi di eucalipto per l'importante industria forestale della regione, ha affermato che l'azienda inizialmente ha piantato ulivi come prova di concetto per un potenziale cliente.

"La nostra olive oil produzione proviene tutto da ulivi piantati per mostrare agli investitori che era possibile produrre, coltivare ulivi e produrre un ottimo olio d'oliva ", ha affermato.

"A differenza di altri produttori qui in Brasile, quando abbiamo avviato questa attività, non abbiamo mai viaggiato in altri paesi per vedere come coltivano ulivi o producono olio d'oliva ", ha aggiunto Marchetti. "Abbiamo appena iniziato a piantare perché è ciò che la nostra azienda sa fare”.

Non sorprende che il proof of concept dell'azienda abbia funzionato. Marchetti ha affermato che Tecnoplanta continua a fornire ulivi ai produttori brasiliani, alcuni dei quali hanno vinto al NYIOOC con quegli stessi alberi.

Alla decima edizione del più grande concorso mondiale di qualità dell'olio d'oliva, Prosperato ha vinto quattro Gold Awards, portando il conteggio totale dei premi dell'azienda al NYIOOC a 13.

"Questi risultati sono speciali per noi, soprattutto perché non è solo un anno che abbiamo inviato e abbiamo ottenuto buoni risultati, ma stiamo dimostrando una certa coerenza”, ha detto Marchetti.

Tra gli oli vincitori ci sono i monovarietali Picual, Frantoio e Koroneiki, insieme a una miscela di olive Arbequina e Arbosana. Mentre gli altri hanno già vinto, questa è stata la prima volta che Marchetti ha presentato il suo olio Frantoio.

profili-produzione-sudamerica-il-miglior-olio-d-oliva-brasile-il-più-grande-produttore-celebra-un-trionfante-raccolta-olio-d-oliva-tempi

Foto: Prosperato

Crede che il numero crescente di premi, sia per se stesso che per altri produttori in Brasile, indichi che la qualità sta migliorando. Nel 2020 Prosperato è diventato il prima azienda ad esportare olio d'oliva in Brasile, che Marchetti ha attribuito al Best in Class Award 2019 al NYIOOC.

"È stato uno dei motivi principali per cui ciò è accaduto", ha detto. "[I consumatori] sono molto orientati ai premi".

Nel suo negozio, situato con il frantoio a Capaçava do Sul, Marchetti ha affermato che lo stesso vale per i vini regionali, con le bottiglie premiate che si vendono più rapidamente di quelle non premiate.

Una delle sfide più significative che Marchetti e molti altri produttori brasiliani devono affrontare è introdurre i brasiliani all'olio extravergine di oliva locale e convincerli a usarlo al posto del importazioni a lungo favorite dall'Europa.

"Il Brasile è così grande che anche qui nella nostra regione, troviamo ancora persone ogni giorno che non sanno che esiste l'olio d'oliva brasiliano ", ha affermato. "Il modo in cui possiamo arrivare a queste persone è con questo tipo di notizie, parlando di premi".

Sebbene l'aumento della base di consumatori nazionali di olio d'oliva in Brasile sia un problema più a lungo termine, Marchetti ne ha affrontati molti più immediati. Piace produttori del vicino Uruguay, ha avuto difficoltà a trovare le bottiglie.

Una combinazione di rallentamenti negli impianti di produzione del vetro in Cile, da cui molti nella regione si riforniscono di bottiglie di vetro, durante il Pandemia di covid-19, insieme all'accresciuta concorrenza con i settori del vino e della birra, significava olive oil proi riduttori erano spesso una priorità bassa.

profili-produzione-sudamerica-il-miglior-olio-d-oliva-brasile-il-più-grande-produttore-celebra-un-trionfante-raccolta-olio-d-oliva-tempi

Gli uliveti di Prosperato

"Per queste aziende che producevano bottiglie di vetro, il settore dell'olio d'oliva è davvero minimo ", ha affermato Marchetti. "Non è quasi nulla rispetto al vino e alla birra. Ecco perché stiamo affrontando i maggiori problemi con l'avere una fornitura normale".

Marchetti ha aggiunto che alla fine è riuscito ad acquistare alcune bottiglie di vetro dall'Italia, ma si aspetta che queste impiegheranno più tempo ad arrivare.

Insieme alla carenza di vetro, i produttori di Prosperato risentono anche dell'impatto dell'aumento dei costi di produzione, conseguenza delle continue interruzioni della catena di approvvigionamento globale, dell'inflazione e dell'aumento dei costi del carburante. "È solo un momento pazzesco in cui ci troviamo", ha detto Marchetti.

Un'altra eredità della pandemia di Covid-19, che ha ucciso più di 668,000 persone in Brasile, sono state le restrizioni poste in essere da alcuni stati per arginare la sua diffusione.

"Il nostro canale principale per la vendita di olio d'oliva è il nostro negozio che abbiamo proprio con il frantoio ", ha affermato Marchetti. "Durante la pandemia, abbiamo chiuso il nostro negozio”.

Tuttavia, da allora è stato riaperto e i volumi di vendita sono tornati ai livelli pre-pandemia. Nonostante questo ritorno alla normalità, Marchetti ha sfruttato la chiusura per migliorare la sua presenza online e ora ne sta raccogliendo i frutti.

"Abbiamo aumentato le vendite dal nostro negozio online", ha affermato Marchetti. "Stiamo investendo di più nel nostro marketing online. È molto diverso perché possiamo fornire direttamente ai nostri clienti invece di rivenderlo semplicemente ad altri negozi o supermercati”.


Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti