Lo scarafaggio potrebbe porre nuove minacce agli ulivi

I ricercatori hanno scoperto che gli ulivi sono l'unica specie di albero non-cenere vulnerabile all'attacco dello scarabeo di Emerald Ash Borer invasivo con conseguenze potenzialmente devastanti.

Giu. 19, 2017
Di Mary Hernandez

Notizie recenti

Un team di ricercatori dell'Ohio Wright State University ha scoperto che l'invasivo Emerald Ash Borer (EAB) è in grado di completare lo sviluppo sugli ulivi, rendendola la seconda specie di pianta non frassino ufficiale che può ospitare l'insetto. Mentre in precedenza l'EAB rappresentava solo una minaccia per foreste e paesaggi, quest'ultima scoperta rivela che potrebbe avere conseguenze negative per gli ulivi in ​​caso di invasione.

La ricerca sulla capacità di EAB di ricavare una casa dall'olivo coltivato (o Olea europaea) è stata guidata da Don Cipollini, professore di fisiologia vegetale ed ecologia chimica alla Wright State University.

I risultati sono stati pubblicati nel Journal of Economic Entomology. Si basa su studi precedenti avviati per la prima volta nel 2014, in cui il team ha esplorato i suoi attacchi al fringetree bianco (Chionanthus virginicus), che è un parente del frassino.

Gli ulivi coltivati ​​sono un parente stretto del fringetree bianco e sono noti per crescere in aree in cui sono stati coltivati ​​e coltivati ​​alberi di frassino sensibili. Negli studi iniziali, sono stati condotti test sull'albero utilizzando uova EAB provenienti da insetti senza precedente esposizione a fringetree di oliva o bianco al fine di rivelare il vero potenziale innato dell'EAB di utilizzare host alternativi senza avere un vantaggio adattativo.

L'attuale studio ha coinvolto i ricercatori che utilizzano la cultivar Manzanilla di olive e posizionano le uova direttamente sugli steli tagliati. È stato scoperto che le larve erano in grado di nutrirsi e crescere fino all'età adulta sull'albero, anche se non allo stesso livello di quello visto sulla maggior parte dei frassini nordamericani o frange bianche.

pubblicità

I risultati hanno rivelato che la gamma potenziale ospite di EAB è più ampia di quanto si pensasse in precedenza e se l'insetto è in grado di rilevare e utilizzare gli ulivi, potrebbe fare il salto per diventare un parassita del raccolto. Poiché gli ulivi sono già vulnerabili a diversi agenti patogeni e insetti, potrebbe renderli più vulnerabili all'EAB. Ciò renderebbe più probabile la sua potenziale diffusione e persistenza.

Secondo Cipollini, i risultati dell'EAB diventando un parassita dell'olivo richiederebbero un'azione seria da parte di tutte le parti coinvolte. "Se l'EAB è in grado di rilevare e utilizzare gli ulivi sul campo, potrebbe avere conseguenze negative sulla crescita e sulla produttività degli ulivi. Dovranno essere stabiliti protocolli di trattamento e gestione ", ha affermato.

"Se l'EAB non attaccherà le olive in assenza di frassini nell'area, la rimozione dei frassini diventa parte di una strategia di gestione. Le olive sono trattate chimicamente per alcuni parassiti. Se avranno bisogno di un trattamento pesticida separato per l'EAB, molti dei pesticidi sistemici usati per l'EAB sui frassini sarebbero fuori dal tavolo e altri trattamenti non sistemici dovranno essere ottimizzati. Se le olive possono davvero fungere da ospite sul campo, ci sarebbero anche importanti implicazioni normative ".

Cipollini ha affermato che il suo team sta attualmente ripetendo lo studio con diverse altre cultivar. Stanno anche esplorando l'attrazione e la volontà dell'EAB adulto di deporre le uova sugli ulivi, l'uso larvale del tessuto floema e le difese degli alberi e se l'EAB può completare la loro maturazione sessuale nutrendosi esclusivamente di foglie di ulivo.

Tuttavia, ha sottolineato che le influenze genetiche e ambientali potrebbero influenzare la vulnerabilità dell'olivo nei confronti dell'EAB e che erano necessari ulteriori test sulle interazioni tra EAB e olive coltivate commercialmente.



pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti