`Il costo dell'antracnosi - Olive Oil Times

Il costo di Anthracnose

Marzo 5, 2012
Julie Butler

Notizie recenti


Foto: olivediseases.com

Si chiede uno sforzo più concertato per combattere la devastante antracnosi della malattia dell'olivo, che la scorsa stagione ha causato danni per circa 53 milioni di euro (71 milioni di dollari) al settore dell'olio d'oliva nella sola regione italiana della Puglia.

La malattia fungina è stata segnalata anche in Portogallo, Spagna, Grecia, Tunisia, Serbia, Montenegro, Australia, Nuova Zelanda, Sudafrica, Brasile, Argentina e Uruguay e il trattamento principale - fungicida a base di rame - non è sempre efficace nel sopprimere esso.

Il deputato italiano al Parlamento europeo Sergio Silvestris, pugliese (Puglia), e l'australiana Vera Sergeeva, specializzata in parassiti e malattie dell'olivo, sono tra coloro che cercano una risposta più forte.

Silvestris ha recentemente chiesto in un'interrogazione scritta se il Parlamento europeo stanzierà i finanziamenti "monitorare la diffusione dell'epidemia e per misure preventive. "

"La malattia è causata da un fungo, i cui sintomi tendono ad apparire soprattutto nei frutti quando sono quasi maturi, ponendo un grave problema per la produzione. Le olive malate cadono prematuramente dagli alberi, con conseguente perdita di resa; quando vengono pressati producono un olio rossastro molto torbido e altamente acido di scarsa qualità ", ha detto.

pubblicità

Nella sua risposta, la CE ha affermato che poiché gli organismi che causano l'antracnosi dell'olivo - Colletotrichum gloeosporioides e C. acutatum - sono ampiamente distribuiti nell'UE, non sono ammissibili per la regolamentazione o un contributo finanziario nell'ambito del regime fitosanitario dell'UE. E date altre priorità urgenti e fondi limitati, la CE non ha previsto di stanziare finanziamenti specifici per la ricerca per il monitoraggio o la prevenzione della malattia, ha affermato.

Sergeeva ha detto Olive Oil Times che c'era bisogno di un gruppo internazionale di scienziati, specialisti del settore e olivicoltori altamente qualificati per unire gli sforzi sulla gestione dell'antracnosi. Il coordinamento delle prove sul campo aiuterebbe a prevenire la duplicazione della ricerca in diversi paesi e renderebbe la ricerca più produttiva. "Dobbiamo condividere le nostre conoscenze e lavorare insieme ", ha detto.

Che cos'è l'antracnosio e quanto è diffuso?

È meglio conosciuto per infettare i manghi, ma l'uva, l'avocado, il limone, l'arancia, la mandorla, la fragola, la mela e la papaia sono tra le altre colture colpite dall'antracnosi. I coltivatori australiani di pistacchi, ad esempio, si aspettavano un aumento l'anno scorso, ma invece, dopo che gli acquazzoni estivi hanno visto prosperare il parassita, hanno avuto un raccolto infernale, con le noci annerite dalla malattia fungina.

Sergeeva afferma che l'antracnosi è una malattia diffusa e grave nella maggior parte dei paesi olivicoli, che causa perdite significative di resa, scarsa qualità della frutta e dell'olio d'oliva. "In Spagna, si stima che la perdita complessiva di reddito netto per l'industria olivicola causata dai funghi Colletotrichum sia superiore a $ 93.4 milioni all'anno ", ha affermato.

"In Australia, la malattia colpisce fino all'80% delle olive in cultivar sensibili come Barnea, Manzanillo, Kalamata e UC13A6. In Portogallo, è molto comune e ha causato perdite fino al 100%, in particolare nella varietà ampiamente coltivata Galega, che è molto sensibile. "

"Nell'autunno 2006, sono state segnalate perdite significative da cultivar come Arbequina e Picual, precedentemente considerate moderatamente resistenti e ampiamente coltivate in tutta la penisola iberica ", ha affermato Sergeeva.

Sergeeva ha spiegato ciò che è noto e ciò che è ancora da capire sull'antracnosio.

Cosa sarebbe più utile per i produttori sapere di questa malattia?

Dr. Vera Sergeeva

Dr. Sergeeva: che l'infezione può persistere di stagione in stagione e che la sua incidenza dipende da fattori tra cui la varietà di olive, l'ambiente e la virulenza dell'agente patogeno. È stato osservato che condizioni calde, piovose, nebbiose e umide o forti inumidimenti sono associate a gravi epidemie di antracnosi. L'irrigazione eccessiva dovrebbe essere evitata nel bosco dove è presente l'antracnosio. L'obiettivo è prevenire le epidemie e lo sviluppo di gravi epidemie di inizio stagione.

Una varietà di oliva di origine italiana, spagnola, greca o israeliana non si comporterà necessariamente nello stesso modo in termini di qualità o quantità se coltivata in altre parti del mondo. In Australia, ad esempio, possiamo coltivare olive al di fuori di un tipico clima mediterraneo, ma con dei rischi.

Il trattamento con fungicidi è costoso o complicato?

I fungicidi a base di rame sono ora il principale metodo di controllo delle malattie ma non sono efficaci nel sopprimere la malattia da antracnosi nelle olive ad alta pressione.

La gestione della malattia è inoltre resa più difficile dalla presenza di diverse specie di Colletotrichum (C. acutatum e C. gloeosporioides) e recentemente una terza specie in Italia (C. clavatum). I boschetti colpiti possono avere una o entrambe le specie del patogeno presenti.

La copertura completa di alberi grandi e alti è difficile da ottenere; la spruzzatura non è molto efficiente e potrebbe non essere giustificata o fattibile. Sebbene il controllo possa verificarsi in alcune situazioni, l'antracnosi può ripresentarsi ogni anno e giustificare un trattamento continuato. E negli anni piovosi l'applicazione di trattamenti chimici può essere difficile.

Molti olivicoltori lamentano che i fungicidi a base di strobilurine sono molto costosi. Non tutti gli olivicoltori possono permettersi prodotti chimici costosi. E l'uso di Amistar è complicato per gli olivicoltori perché questo fungicida è fitotossico per alcune varietà di mele. Pertanto, a titolo precauzionale, Amistar non deve essere applicato quando esiste il rischio di dispersione a spruzzo sulle colture di mele vicine.

In alcune colture è stata segnalata resistenza ai fungicidi da strobilurina nelle popolazioni di antracnosi.

La potatura è efficace nella gestione della malattia da antracnosi?

Sì, può essere. Ramoscelli, peduncoli, peduncoli e ventose malati dovrebbero essere potati durante la stagione inattiva e rimossi dal boschetto e distrutti. La potatura è anche importante per massimizzare l'infiltrazione della luce solare e il movimento dell'aria all'interno dell'albero. Questo aiuta con il controllo naturale dell'antracnosio e riduce la pressione sul fungicida. L'idea è di cercare di impedire l'avvio del ciclo di vita o di interromperlo una volta avviato.

Le fasi di pre-fioritura (gemme) e fioritura (fiori) sono più critiche per l'infezione; tuttavia l'infezione si verifica anche durante l'allegagione. In questo caso, la spruzzatura sarebbe efficace nel ridurre l'antracnosio. Usa due spray, uno prima della fioritura e uno nei primi frutti.

Quali sono le priorità per la ricerca sull'antracnosio?

L'attuale pratica di applicare fungicidi per controllare la malattia da antracnosi non ha avuto successo. Ciò sembra essere dovuto a tempi di applicazione inefficienti e scelte sbagliate di fungicida. Mentre gli olivicoltori biologici non hanno praticamente scelta nella selezione di fungicidi, a parte alcuni tipi di rame, gli agricoltori non biologici hanno seguito un approccio irrazionale ai fungicidi. Pertanto, uno degli obiettivi chiave della gestione della malattia è sviluppare un approccio razionale al controllo della malattia. Tempi diversi di applicazione dei pesticidi e dei nutrienti devono essere testati per misurare la conseguente incidenza della malattia.

L'applicazione fogliare di nutrienti tra l'allegagione e il raccolto è una strategia di controllo relativamente nuova e necessita di ulteriori ricerche. Altre questioni che richiedono ulteriori studi includono l'impatto degli emendamenti del suolo con sostanze nutritive o compost sullo sviluppo di malattie fungine e l'interazione tra l'irrigazione e la malattia.

Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti