In vista di un raccolto eccezionale, i produttori libanesi dimostrano resilienza

I produttori si aspettano rese quasi record, ma continuano ad affrontare alcune delle condizioni di produzione di olio d'oliva più difficili al mondo.

La raccolta delle olive sta finendo a Solar Olives.-olive
Di Daniel Dawson
10 novembre 2022 14:48 UTC
1244
La raccolta delle olive sta finendo a Solar Olives.-olive

Tra turbolenze politiche ed economiche in corso, la raccolta delle olive sta iniziando in Libano e i produttori di tutto il paese prevedono un raccolto abbondante.

"Per quanto riguarda la quantità, quest'anno il raccolto è molto migliore ", ha detto Ibrahim Al Kaakour, il proprietario di Genco Olive Oil Olive Oil Times. "L'anno scorso c'è stata una siccità molto grande che ha ridotto sia la quantità che la qualità".

Siamo stati in grado di generare abbastanza denaro per sostenere i nostri costi in aumento, ma non abbiamo ricevuto aiuti dal governo... Non sono sicuro che ci sarà un punto di rottura.- Karim Arsanios, proprietario, Solar Olives

Al Kaakour acquista olive da tutti e quattro gli angoli del Libano per produrre le sue miscele, che esporta principalmente. Ha aggiunto che è ancora all'inizio della raccolta ma prevede di produrre da 40 a 50 tonnellate di olio d'oliva.

Le stime ufficiali della produzione non sono state pubblicate, ma i dati del Consiglio oleicolo internazionale mostrano che il Libano ha prodotto 21,500 tonnellate di olio d'oliva nel Anno del raccolto 2021/22, leggermente al di sopra della media mobile quinquennale di 19,200 tonnellate.

Vedi anche:Aggiornamenti del raccolto 2022

Al Kaakour e altri produttori intervistati do olive oil Times si aspettano che il raccolto di quest'anno superi quello dell'anno scorso e forse le 26,000 tonnellate prodotte nel Anno del raccolto 2020/21, il che renderebbe questo il secondo rendimento più alto dall'inizio delle registrazioni.

Al Kaakour ha attribuito il generoso raccolto a livelli più elevati di precipitazioni durante tutto l'anno, completati da piogge tempestive appena prima dell'inizio della raccolta delle olive in ottobre.

L'anno scorso in Libano non ha piovuto in modo significativo fino a dicembre, il che ha ridotto la quantità di olive che si sono sviluppate sugli alberi e la qualità dell'olio prodotto.

Ha detto Walid Mushantaf, co-proprietario di Bustan el Zeitoun, che si trova nel Libano meridionale Olive Oil Times che si aspettava uno dei suoi migliori raccolti.

attività-produttiva-europea-in-avanti-a-un-raccolto-eccezionale-i-produttori-libanesi-dimostrano-resilienza-tempi-dell'olio-d'oliva

I produttori di Bustan el Zeitoun si aspettano il miglior raccolto dell'ultimo mezzo decennio.

"Sicuramente abbiamo avuto difficoltà, ma questa stagione è una delle migliori degli ultimi quattro o cinque anni", ha detto. "Qualità e quantità sono buone”.

Ha anche attribuito il raccolto eccezionale alle piogge abbondanti e tempestive. Negli anni precedenti, la pioggia ha coinciso con la fioritura degli ulivi a maggio, che ha impedito l'impollinazione.

Dall'altra parte del Libano, Karim Arsanios, il titolare di Olive Solari, sta per completare la sua raccolta e prevede di produrre circa 3.5 tonnellate di olio d'oliva.

"Quest'anno è stato molto meglio dell'anno scorso in termini di quantità", ha detto Olive Oil Times. "Abbiamo ottenuto circa due o tre volte quello che abbiamo ottenuto l'anno scorso in termini di rendimento".

Arsanios è al suo terzo anno di produzione e ha affermato che anche la sua attività si concentra principalmente sulle esportazioni. Spedisce circa l'80% della sua produzione all'estero per portare in valute forti, inclusi dollari ed euro, per pagare le sue spese di produzione sempre crescenti.

Il principale tra queste spese è il costo dell'elettricità e del carburante. Ampie zone del Libano non hanno goduto di una copertura elettrica 1990 ore su - dagli anni '-. Di conseguenza, la maggior parte dei produttori si affida ai generatori per alimentare i propri mulini.

Ad aggravare le loro sfide, recentemente il fornitore di elettricità statale del Libano ha alzato i suoi prezzi per la prima volta in oltre tre decenni.

"Non riceviamo elettricità dalle centrali elettriche", ha detto Al Kaakour. "I mulini ora utilizzano i propri generatori e il prezzo è molto più alto rispetto all'ottenimento di elettricità dal governo".

attività-produttiva-europea-in-avanti-a-un-raccolto-eccezionale-i-produttori-libanesi-dimostrano-resilienza-tempi-dell'olio-d'oliva

Ibrahim Al Kaakour continua a spostare la sua attenzione sulle esportazioni.

Al Kaakour pagava dal governo 0.09 dollari per kilowattora. Ora quei prezzi sono più vicini a $ 0.20 per kilowattora per una o due ore di elettricità al giorno. Usando il suo generatore, Al Kaakour stima di pagare circa $ 0.60 per kilowattora.

"I costi sono saliti alle stelle, in particolare i costi energetici", ha confermato Arsanios. "Sono raddoppiati, addirittura triplicati, rispetto allo scorso anno".

pubblicità
pubblicità

L'aumento dei costi energetici rende tutto più costoso. Lontano dal suo mulino, Mushantaf fa affidamento sull'elettricità per alimentare il suo sistema di irrigazione. Si è lamentato del fatto che l'aumento dei prezzi di fertilizzanti e pesticidi ha anche reso la produzione molto più costosa.

A causa dell'inflazione dilagante in Libano, che sta registrando il secondo tasso di inflazione più alto a livello mondiale nel 2022, Mushantaf ha sostanzialmente rinunciato al mercato locale.

"Ci concentriamo principalmente sulle esportazioni perché il potere d'acquisto in Libano è diminuito drasticamente", ha affermato.

Secondo la Banca Mondiale dati, l'inflazione annuale dei prezzi al consumo è aumentata dal 3% nel 2019 al 155% nel 2021.

attività-produttiva-europea-in-avanti-a-un-raccolto-eccezionale-i-produttori-libanesi-dimostrano-resilienza-tempi-dell'olio-d'oliva

I prezzi dell'olio d'oliva dovranno aumentare in Libano per far fronte all'aumento esponenziale dei costi di produzione.

Mustantaf vendeva ai ristoranti e alle attività di catering locali, ma la drammatica diminuzione del turismo significa che la domanda da questi settori è evaporata. "L'unico modo per sopravvivere è trovare nuovi mercati al di fuori del Paese", ha affermato.

Al Kaakour ha aggiunto che anche i prezzi delle bottiglie di vetro e di altri materiali di imballaggio sono aumentati in modo significativo. "Per un paese che non produce bottiglie di vetro a livello locale, questo è un grosso problema", ha affermato.

A differenza delle loro controparti in Europa, gli olivicoltori arrabbiati hanno fatto pressioni con successo sui governi Spagna, Italy e Grecia per sussidi e altre forme di sostegno – non c'è aiuto dal governo in Libano.

La crisi valutaria significa che molti alti funzionari pubblici – la linfa vitale di qualsiasi burocrazia governativa funzionante – hanno lasciato il paese a frotte.

Per i produttori, questo significa aspettare mesi per ricevere le necessarie autorizzazioni all'esportazione da due ministeri separati, il che, secondo loro, li mette in una posizione di svantaggio competitivo.

"Siamo completamente abbandonati a noi stessi", ha affermato Arsanios, aggiungendo che si è sviluppato un forte senso di comunità tra i produttori mentre cercano di fornire assistenza che il governo non può.

Tuttavia, temono che le loro operazioni diventino insostenibili quando le crisi politiche e finanziarie del paese si avvicinano al quarto anno, anche se continuano a promuovere l'olio d'oliva libanese all'estero.

"Siamo stati in grado di generare denaro sufficiente per sostenere i nostri costi in aumento, ma non abbiamo ricevuto aiuti dal governo", ha affermato Arsanios. "Con il nuovo raccolto, dovremo riflettere quel costo per il cliente".

"Dovremo aumentare i nostri prezzi su tutti i prodotti, ma c'è solo così tanto che puoi trasmettere ai consumatori”, ha concluso. "Non so se ci sarà un punto di rottura".


Condividi questo articolo

pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati