Comprendere gli effetti positivi dell'olio extra vergine di oliva sulle malattie cardiovascolari

Le malattie cardiovascolari sono la principale causa di morte nel mondo. La ricerca collega il consumo di olio extravergine di oliva con una migliore salute del cuore.
Di Paolo DeAndreis
10 luglio 2024 15:11 UTC

Le malattie cardiovascolari sono la principale causa di morte a livello globale.

Le malattie cardiovascolari comprendono una serie di condizioni che colpiscono il cuore e i vasi sanguigni. Tra queste le più diffuse sono la malattia coronarica, la malattia reumatica e la malattia cerebrovascolare.

Vedi anche:Basics sull'olio d'oliva

Il Dipartimento della Salute dello Stato di New York ha recentemente riferito che circa 695,000 americani muoiono ogni anno per malattie cardiache, ovvero un decesso su cinque nel paese. A livello globale, l’Organizzazione Mondiale della Salute stima che le malattie cardiovascolari rappresentino il 32% di tutti i decessi.

Sebbene le malattie cardiovascolari siano innescate da vari fattori, tra cui la genetica, l’inquinamento e lo stile di vita, un numero crescente di ricerche collega il consumo quotidiano di olio extravergine d'oliva, la categoria dell'olio d'oliva di più alta qualità, riducendo significativamente il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari.

Le prove dell'impatto decisivo dell'olio d'oliva

Uno studio su larga scala condotto su migliaia di individui in Spagna nel corso degli anni 2010 ha dimostrato che l’aderenza al programma Dieta mediterranea e il consumo quotidiano di olio d’oliva riduce significativamente gli eventi cardiovascolari nei pazienti a rischio rispetto ad una dieta generica a basso contenuto di grassi.

Lo studio PREDIMED (PREvención con DIeta MEDiterránea), pubblicato sul New England Journal of Medicine, ha gettato le basi per ulteriori ricerche in tutto il mondo.

La Studio di sette Paesi, condotto a partire dagli anni '1950 negli Stati Uniti, in Finlandia, nei Paesi Bassi, in Italia, in Grecia, in Jugoslavia e in Giappone, ha confermato la ruolo critico dell’olio d’oliva e della dieta mediterranea nella riduzione delle malattie cardiovascolari.

Questo ampio studio epidemiologico ha coinvolto 12,000 uomini di mezza età, rivelando che il consumo quotidiano di grassi insaturi, come l’olio d’oliva, e l’adesione alla dieta mediterranea riducono significativamente i rischi di malattie cardiache.

Vedi anche:Saluti Notizia

Questi studi hanno confermato l’impatto significativo del comportamento alimentare sui livelli di colesterolo e su altre condizioni legate allo sviluppo di malattie cardiovascolari.

Come risultato di questi studi, negli ultimi decenni centinaia di pubblicazioni scientifiche hanno esplorato il ruolo unico dell’olio d’oliva nella salute umana.

Gli effetti benefici dell'olio d'oliva sono attribuiti principalmente al suo alto contenuto di grassi monoinsaturi. polifenoli presenti nell’olio d’oliva di altissima qualità, l’olio extra vergine di oliva, li migliorano ulteriormente benefici alla salute.

Il ruolo degli acidi grassi monoinsaturi (MUFA)

L'acido oleico, un acido grasso monoinsaturo (MUFA), è un componente fondamentale dell'olio d'oliva e gli vengono attribuiti molti dei significativi benefici per la salute associati al suo consumo.

"È importante notare che l'olio extra vergine di oliva è costituito dal 60 all'83% di MUFA ", ha affermato Bruno Tuttolomondo, professore ordinario di medicina interna all'Università di Palermo e direttore dell'unità di medicina interna con ictus presso l'Ospedale Policlinico di Palermo.

"La restante composizione comprende piccole percentuali di acidi grassi saturi, come l’acido palmitico e l’acido stearico”, ha aggiunto. "Insieme ai grassi polinsaturi vengono considerati i grassi monoinsaturi 'grassi buoni.'”

pubblicità
pubblicità

Secondo Tuttolomondo, la ricerca indica che un'alta percentuale di MUFA svolge un ruolo cruciale nella prevenzione delle malattie cardiovascolari.

"Questo perché i MUFA influenzano i livelli di colesterolo e LDL, riducono l’ossidazione delle LDL e influenzano la composizione delle placche aterosclerotiche, esercitando così un ruolo cardioprotettivo”, ha affermato.

LDL sta per una combinazione a bassa densità di grassi e proteine. È un tipo di colesterolo che può accumularsi nel flusso sanguigno e formare placche nelle arterie, causando aterosclerosi.

"I MUFA non sono gli unici componenti importanti dell'olio extra vergine di oliva, ma sono i più abbondanti ", ha affermato Tuttolomondo. "Solo questo qualifica l'olio extra vergine di oliva come uno dei 'grassi buoni.'”

I polifenoli sono fondamentali per la riduzione del rischio CVD

I polifenoli sono un gruppo eterogeneo di centinaia di sostanze presenti in molti alimenti.

L'olio extravergine di oliva contiene decine di questi polifenoli, rari e particolarmente preziosi per la loro elevata biodisponibilità.

Ciò significa che, una volta consumati, raggiungono le aree del corpo dove possono esercitare i loro effetti, tra cui potenti proprietà antiossidanti e antinfiammatorie.

"I polifenoli svolgono sicuramente un ruolo nella salute cardiovascolare e sono oggetto di importanti ricerche per la loro azione cardioprotettiva”, ha affermato Tuttolomondo.

Uno dei polifenoli più ricercati per il colesterolo e le malattie cardiovascolari è oleuropeina.

"Molti ricercatori, compreso il team di [Francesco] Violi dell'Università La Sapienza di Roma, lo sono studiando l’oleuropeina”, ha detto Tuttolomondo. "Hanno scoperto che l’oleuropeina aiuta a stabilizzare le placche lipidiche e a ridurre l’ossidazione delle LDL”.

"Hanno anche scoperto che modula l’impatto del diabete sulla salute vascolare e cardiovascolare”, ha aggiunto.

EVOO potrebbe migliorare la prevenzione del diabete

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Salute, 422 milioni di persone ne soffrono diabete a livello globale. La ricerca ha dimostrato che l’olio extra vergine di oliva e l’adesione alla dieta mediterranea possono ridurre significativamente il rischio di sviluppare la malattia.

Il diabete è collegato alle malattie cardiovascolari perché può portare a un eccesso di zucchero nel sangue, che può danneggiare i vasi sanguigni che alimentano il cuore. Questo danno può ridurre l’apporto di ossigeno e sostanze nutritive al cuore, aumentando significativamente il rischio di malattie cardiache.

"Da tempo l’impatto dell’olio extravergine di oliva sul diabete è stato valutato indirettamente”, ha affermato Tuttolomondo. "In numerosi studi, compresi quelli condotti dal mio gruppo di ricerca, abbiamo analizzato l’aderenza alla dieta mediterranea, che considera l’olio extravergine di oliva il grasso primario. È noto che l’adesione alla dieta mediterranea determina una minore incidenza di diabete”.

Vedi anche:Biofenoli in EVOO collegati a risultati migliori nell'obesità e nel prediabete

Inoltre riparazioni ha costruito su questi risultati. "Ora sappiamo che l’olio extra vergine di oliva e i fenoli come l’oleuropeina hanno effetti simili ad alcuni composti utilizzati nelle terapie del diabete, poiché aumentare la sensibilità all’insulina”, ha detto Tuttolomondo.

"Ora abbiamo prove evidenti del ruolo preventivo e della regolazione dei livelli glicemici mediante il consumo quotidiano e regolare di olio extra vergine di oliva, soprattutto se consumato per molti anni ", ha aggiunto.

"Sebbene non ci si possa aspettare di abbassare la glicemia semplicemente mangiando un'insalata con olio extra vergine di oliva, il consumo quotidiano, familiare e tradizionale di olio extra vergine di oliva si è dimostrato efficace nel ridurre la prevalenza del diabete ", ha osservato.

L’olio d’oliva è la scelta grassa più sana e gustosa

"Una delle qualità uniche dell'olio extra vergine di oliva è il suo sapore. Oltre ai suoi molteplici benefici per la salute, offre anche un gusto squisito”, ha detto Tuttolomondo. "Nessun altro grasso da cucina unisce proprietà organolettiche favorevoli a nutrienti benefici come l'olio extra vergine di oliva. È un piccolo miracolo, che unisce salute e gusto”.

Tuttavia, ha sottolineato che anche altri grassi possono apportare benefici alla salute umana.

"Considera i grassi polinsaturi come Omega‑3 e Omega‑6, che hanno dimostrato di svolgere un ruolo nella prevenzione delle malattie cardiovascolari. Tuttavia, nessuno di essi è paragonabile all'olio extra vergine di oliva nell'uso quotidiano ", ha affermato Tuttolomondo. "L’olio extravergine di oliva è il fulcro di ogni pranzo e cena di chi segue la dieta mediterranea”.

"Quando parliamo di Omega‑3 e Omega‑6 pensiamo ai grassi del pesce azzurro o agli estratti di mandorle. Anche se alcune persone mangiano cinque mandorle a pranzo, non è pratico basare una dieta sulle mandorle", ha aggiunto.

Vedi anche:I Sapori dell'Olio Extravergine di Oliva

I grassi salutari come l’olio di semi di zucca o di lino hanno profili benefici ma non offrono le stesse proprietà organolettiche dell’olio extra vergine di oliva.

"Sono grassi benefici, ma considera l'olio di semi di lino; non ha sapore, quindi non può motivare le persone attraverso il gusto”, ha detto Tuttolomondo. "Secondo me bisogna avvicinare le persone alla prevenzione facendo appello al loro senso del gusto”.

Nel frattempo, l’olio di avocado è stato oggetto di numerosi studi. "Dal punto di vista dell’appetibilità è praticamente insapore”, ha detto Tuttolomondo. "Contiene una quantità significativa di grassi polinsaturi, ma non credo che ci siano abbastanza studi sul suo contenuto polifenolico.

Quanto olio EVO dovrebbe essere consumato?

L’olio extra vergine di oliva dovrebbe essere consumato quotidianamente per trarne benefici per la salute.

Tuttavia, non tutti gli oli extravergini di oliva sono uguali. Mentre l’oleuropeina e altri polifenoli possono apportare benefici significativi alla salute umana, la quantità e il tipo di fenoli variano tra gli oli extra vergini di oliva.

"Il contenuto di polifenoli dipende da fattori tra cui cultivar, area di coltivazione, metodi di lavorazione e temperatura esterna", ha affermato Tuttolomondo. "Esiste una soglia di contenuto di polifenoli che caratterizza un olio extravergine di oliva di alta qualità.

Vedi anche:Suggerimenti per la selezione di oli d'oliva ad alto contenuto di polifenoli

"I polifenoli sono uno dei criteri per valutare l'olio extra vergine di oliva ", ha aggiunto. Per avere un effetto significativo, dovrebbe contenere non meno di 250-350 milligrammi per chilogrammo”.

"È stato ipotizzato che a livelli più alti di polifenoli corrispondano maggiori effetti cardioprotettivi”, continua Tuttolomondo. "Tuttavia, dovremmo sempre ricordare il ruolo chiave svolto dai MUFA, che sono il fondamento di tutti gli oli extra vergini di oliva.

Sebbene un consumo eccessivo di olio d'oliva possa portare a un apporto calorico eccessivo, i ricercatori hanno lavorato per definire le dosi giornaliere raccomandate di olio extra vergine di oliva.

"Molti studi indicano che 20 grammi di olio extra vergine di oliva possono ottimizzare i benefici della dieta mediterranea ”, ha affermato Tuttolomondo. "Ciò equivale a circa un cucchiaio e mezzo.

"Tuttavia, studi di intervento hanno valutato gli effetti cardiovascolari fino a quattro cucchiai al giorno”, ha aggiunto. "Considerando la regolazione del peso e l'apporto calorico complessivo, direi che più EVOO consumiamo, meglio è.


Conoscere le basi

Cose da sapere sull'olio d'oliva, dal Olive Oil Times Education Lab.

  • L'olio extravergine di oliva (EVOO) è semplicemente il succo estratto dalle olive senza alcuna lavorazione industriale o additivi. Deve essere amaro, fruttato e pungente e privo di difetti.

  • Ce ne sono centinaia di varietà di olive utilizzati per produrre oli con profili sensoriali unici, così come molte varietà di uva sono utilizzate nei vini. Un EVOO può essere prodotto con una sola varietà (monovarietali) o più (blend).

  • L'olio extravergine di oliva contiene sano composti fenolici. È stato dimostrato che sostituire solo due cucchiai di EVOO al giorno invece di grassi meno sani migliora la salute.

  • produzione olio extra vergine di oliva di alta qualità è un compito eccezionalmente difficile e costoso. La raccolta anticipata delle olive conserva più sostanze nutritive e prolunga la durata di conservazione, ma la resa è molto inferiore a quella delle olive completamente mature che hanno perso gran parte dei loro composti sani.



pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati