Uno studio rivela come la dieta mediterranea potrebbe contrastare il Covid-19

Una nuova ricerca ha dimostrato che i flavonoidi e l'idrossitirosolo contrastano alcuni degli impatti più letali del Covid 19, comprese le tempeste di citochine e l'infiammazione polmonare.
Di Paolo DeAndreis
1 dicembre 2022 13:16 UTC

Una nuova recensione completa studio mostra come seguire a Dieta mediterranea e consumare olio extravergine d'oliva potrebbe fornire una certa protezione contro i peggiori effetti di un'infezione da Covid-19.

Alcune prove suggeriscono che seguire la tradizionale dieta mediterranea potrebbe aiutare a prevenire l'infezione.

Rispetto ad altre diete, come la dieta occidentale, la dieta mediterranea sembra in grado di contenere l'infiammazione e inibire le conseguenze potenzialmente letali del Covid-19 come tempeste di citochine.

Vedi anche:Ricercatori spagnoli iniziano a sperimentare un trattamento a base di olive per il lungo Covid

La ricerca, pubblicata dal Journal of Physiology and Biochemistry, ha raccolto i dati disponibili sugli elementi chiave della dieta mediterranea, come i suoi composti fenolici, esaminando il loro potenziale impatto nella prevenzione o nel trattamento dell'infezione da Covid-19.

"In contrasto con i potenziali effetti benefici della dieta mediterranea, le diete occidentali sono correlate all'infiammazione sistemica, all'aumento dello stress ossidativo e alla minore risposta immunitaria, e quindi possono aumentare la gravità dei pazienti Covid-19 ", hanno scritto i ricercatori.

"Questi effetti sono dovuti al loro alto contenuto di grassi saturi, carboidrati raffinati e zuccheri e al loro basso contenuto di fibre", hanno aggiunto.

Nell'introduzione dello studio, i ricercatori hanno sottolineato come la dieta mediterranea sia stata accreditata in diversi studi precedenti per ridurre i rischi di sviluppare condizioni gravi comuni come la sindrome metabolica o le malattie cardiovascolari.

"Le prove attuali supportano i potenziali benefici che idrossitirosolo, resveratrolo, flavonoli come la quercetina, flavanoli come le catechine e flavanoni dell'ordine della naringenina potrebbero avere su Covid-19", hanno scritto gli autori.

Tuttavia, gli scienziati hanno riconosciuto che gli impatti di questi polifenoli comunemente trovati negli alimenti della dieta mediterranea su Covid-19 devono ancora essere provati.

Tuttavia, hanno scritto, "questi composti bioattivi mostrano attività biologiche che possono essere utili per prevenire questa infezione e/o per migliorarne la prognosi”.

I ricercatori hanno analizzato le proprietà dei polifenoli, come la loro attività antiossidante, che potrebbe controllare l'infiammazione e il rilascio di radicali liberi.

Più specificamente, i ricercatori hanno evidenziato come l'idrossitirosolo sopprima due enzimi: Matrix metalloproteinase‑9 (MMP‑9) e Cyclo-oxygenase‑2 (COX‑2). L'MMP-9 è considerato responsabile della diffusione dell'infiammazione ai polmoni.

Gli scienziati ritengono che MMP-9 e COX-2 svolgano un ruolo attivo nel causare la tempesta di citochine, una delle condizioni più mortali causate dal Covid-19.

L'idrossitirosolo è uno dei fenoli più rilevanti nell'olio extra vergine di oliva grazie alla sua capacità di proteggere i lipidi del sangue dallo stress ossidativo. È anche accreditato di proprietà antivirali.

I ricercatori hanno anche osservato in un ambiente di laboratorio che il resveratrolo, un polifenolo che si trova comunemente negli alimenti della dieta mediterranea, ha dimostrato la capacità di inibire i virus respiratori.

Uno dei motivi di questo impatto è la sua capacità di innescare il fattore 2 correlato al fattore nucleare eritroide 2 (Nrf2), che migliora le difese antiossidanti cellulari. Sia l'idrossitirosolo che il resveratrolo sono considerati cruciali nella modulazione delle difese Nrf2.

"L'attivazione di Nrf2 è stata postulata come un potenziale bersaglio terapeutico contro questa malattia poiché è noto che protegge da lesioni polmonari come lesioni polmonari acute o sindrome da distress respiratorio ", hanno scritto i ricercatori.

Gli autori dell'articolo ritengono che il resveratrolo potrebbe anche aiutare a prevenire l'eccessiva infiammazione e comportare ancora più benefici per i pazienti con condizioni comuni come l'aterosclerosi o l'ipertensione.

Anche i flavonoidi presenti nella dieta mediterranea sono stati studiati per i loro effetti potenzialmente benefici.

"L'antibatterico e proprietà antitumorali di flavonoidi sono ampiamente conosciuti. Inoltre, questi composti, comunemente presenti nella dieta mediterranea, hanno la capacità di sequestrare i radicali liberi", hanno scritto gli scienziati.

Mentre i flavonoidi potrebbero attivare la via Nrf2 e modulare il processo infiammatorio, i ricercatori hanno avvertito che sono necessari ulteriori studi per valutare tale potenziale.

I flavonoli come la quercetina potrebbero contribuire a prevenire il danno renale acuto causato da Covid-19, l'attivazione di macrofagi dannosi e la protezione del fattore Nrf2.

L'interesse per gli effetti antinfiammatori e antivirali della quercetina è dovuto anche alla sua ubiquità negli alimenti altamente associati alla dieta mediterranea, tra cui mele, uva e cipolle. "Rappresenta il flavonoide più abbondante nella dieta umana", hanno detto i ricercatori.

Nelle loro conclusioni, i ricercatori hanno evidenziato come la mancanza di prove dell'impatto dei polifenoli su Covid-19 dovrebbe essere affrontata e sono necessari ulteriori studi.

"Tuttavia, numerosi studi hanno dimostrato che queste molecole inducono effetti positivi su diverse alterazioni indotte da questa malattia in condizioni diverse dall'infezione da SARS-COV-2, come stress ossidativo, infiammazione e trombosi", hanno scritto.

"Questa informazione scientifica è preziosa e suggerisce che i composti fenolici della dieta mediterranea possano rappresentare un potenziale fattore protettivo nei confronti del Covid-19. Tuttavia, occorre prestare attenzione quando si collegano dati preesistenti a questa nuova infezione", hanno aggiunto i ricercatori.

"Oltre agli effetti benefici sugli esiti di Covid-19 mediati dai loro effetti antiossidanti e antinfiammatori, i polifenoli della dieta mediterranea possono agire anche attraverso altri meccanismi che non sono affrontati in questo articolo di revisione", hanno concluso.


pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti