L'aumento dei livelli di biossido di carbonio ridurrà il valore nutrizionale delle colture

Gli effetti dell'anidride carbonica mettono le popolazioni a rischio di perdere le proteine ​​alimentari disponibili nelle colture di base, aggravando le sfide della povertà in tutto il mondo.

Agosto 31, 2017
Di Isabel Putinja

Notizie recenti

Una nuova ricerca dell'Università di Harvard avverte che l'aumento dei livelli di anidride carbonica che contribuisce a riscaldamento globale potrebbe ridurre drasticamente il contenuto nutrizionale delle colture di base.

I ricercatori della TH Chan School of Public Health di Harvard che hanno condotto lo studio hanno concluso che se i livelli di biossido di carbonio continuano ad aumentare, il valore nutrizionale di colture come grano, riso, orzo e patate verrà ridotto. Ciò metterebbe le popolazioni dei paesi 18 in tutto il mondo a rischio di perdere oltre il cinque percento delle proteine ​​alimentari disponibili per 2050.

Questo studio evidenzia la necessità per i paesi più a rischio di monitorare attivamente la sufficienza nutrizionale delle loro popolazioni e, soprattutto, la necessità per i paesi di ridurre le emissioni di CO2 causate dall'uomo.- Samuel Myers, Università di Harvard

In numeri concreti, ciò equivale a 150 milioni di persone. I ricercatori sono arrivati ​​a questa cifra studiando i risultati degli esperimenti condotti sulle colture esponendoli a livelli elevati di anidride carbonica ed esaminando informazioni dietetiche globali, dati demografici e cifre che misurano la disparità di reddito.

Lo studio, pubblicato in Environmental Health Perspectives, ha rivelato che, se esposto ad alti livelli di anidride carbonica, il contenuto proteico del riso è diminuito del 7.6%, del 7.8% per il grano, del 14.1% per l'orzo e del 6.4% per le patate. Ciò presenta anche un rischio di diminuzione del contenuto di minerali di questi alimenti, come zinco, ferro e selenio, tutti elementi essenziali per la salute umana.

Secondo lo studio, il 76% della popolazione mondiale ottiene le sue proteine ​​dalle piante. Le regioni evidenziate come le più vulnerabili includono l'Africa subsahariana dove la carenza di proteine ​​è già un dilemma e paesi dell'Asia meridionale come l'India, dove riso e grano sono alimenti di base e la principale fonte di proteine.

pubblicità

In India, il 5.3 percento del contenuto proteico delle colture potrebbe andare perso, colpendo 53 milioni di persone.

In un comunicato stampa dell'Università di Harvard, Samuel Myers, ricercatore senior presso il Dipartimento di salute ambientale ha sottolineato che è necessario agire: "Questo studio evidenzia la necessità per i paesi più a rischio di monitorare attivamente la sufficienza nutrizionale delle loro popolazioni e, fondamentalmente, la necessità per i paesi di ridurre le emissioni di CO2 causate dall'uomo ", ha affermato.

"Le strategie per mantenere diete adeguate devono concentrarsi sui paesi e sulle popolazioni più vulnerabili e si deve pensare di ridurre la vulnerabilità alle carenze nutrizionali attraverso il supporto di diete più diverse e nutrienti, arricchendo il contenuto nutrizionale delle colture di base e allevando colture meno sensibili a queste Effetti CO2. "

L'anidride carbonica è uno dei gas serra che intrappolano il calore e contribuiscono al cambiamento climatico. Questo è stato il primo studio a quantificare gli impatti dell'aumento dei livelli di anidride carbonica a seguito del riscaldamento globale sul contenuto proteico delle colture di base.

I ricercatori sottolineano che l'aggiunta di più fertilizzanti alle colture non mitiga gli effetti negativi dell'anidride carbonica sulle proteine ​​vegetali, con la produzione e l'utilizzo di fertilizzanti che in realtà contribuiscono alle emissioni di gas serra.

La sostituzione delle proteine ​​vegetali con proteine ​​animali non è presentata come una soluzione neanche a causa della natura ad alta intensità di risorse dell'allevamento del bestiame. Al contrario, colture più resilienti come i legumi potrebbero essere un'alternativa, così come misure per affrontare una distribuzione alimentare più equa e ridurre la povertà.



Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti