Sostituire i grassi saturi con l'olio d'oliva salva vite, suggerisce la ricerca di Harvard

Le cause comuni di malattia e morte possono essere ridotte in modo significativo scambiando burro, margarina e maionese con olio d'oliva.

Gennaio 17, 2022
Di Paolo DeAndreis

Notizie recenti

I risultati della prima indagine a lungo termine sull'impatto di consumo di olio d'oliva negli Stati Uniti dimostrano che la maggior parte degli americani potrebbe trarre grandi benefici dalla sostituzione dei grassi saturi nelle loro diete con olio d'oliva e olio extra vergine di oliva.

Cause comuni di malattia o morte, come malattie cardiovascolari e respiratorie, diabete, cancro e disturbi neurodegenerativi legati all'invecchiamento cerebrale, sono ridotti fino al 20 o 30 percento dall'uso a lungo termine di olio d'oliva sano e insaturo.

La sostituzione di 10 grammi di margarina, burro, maionese o grasso di latte con la stessa quantità di olio d'oliva è stata associata a un rischio inferiore dell'34--% di mortalità totale e specifica per causa.- Marta Guasch-Ferre, ricercatrice senior, Harvard TH Chan School of Public Health

L'ultimo riparazioni pubblicato sul Journal of the American College of Cardiology da un team di scienziati del dipartimento di nutrizione della Harvard TH Chan School of Public Health, ha studiato per la prima volta l'impatto dell'olio d'oliva su un ampio campione del pubblico americano.

"In due ampi studi di coorte con un follow-up fino a 30 anni, le persone che hanno mangiato quantità maggiori di olio d'oliva hanno mostrato un rischio inferiore di mortalità per tutte le cause e per causa specifica rispetto alle persone che non mangiano mai o quasi mai olio d'oliva ", Marta Guasch-Ferre, ricercatore senior presso la Harvard TH Chan School of Public Health e coautore dello studio, ha detto Olive Oil Times.

Vedi anche:Benefici per la salute dell'olio d'oliva

Gli scienziati hanno utilizzato modelli multivariabili per esaminare i risultati dello studio sulla salute degli infermieri e dello studio di follow-up dei professionisti sanitari condotti tra il 1990 e il 2018, che ha coinvolto più di 60,000 donne e più di 31,000 uomini.

Tutti i soggetti erano liberi malattia cardiovascolare e cancro all'inizio dello studio. Le loro diete sono state valutate ogni quattro anni.

pubblicità

I ricercatori hanno scoperto che coloro che consumavano olio d'oliva più spesso avrebbero un rischio inferiore del 19% di morire per malattie cardiovascolari, il 17% per cancro e il 18% per malattie respiratorie.

Hanno anche scoperto che i decessi dovuti a malattie neurodegenerative sono diminuiti del 29%.

La ricerca evidenzia come anche una parziale sostituzione del consumo giornaliero di grassi saturi con l'olio d'oliva possa comunque portare benefici significativi.

"La sostituzione di 10 grammi di margarina, burro, maionese o grasso di latte con la stessa quantità di olio d'oliva è stata associata a un rischio inferiore dell'34--% di mortalità totale e specifica per causa ", ha affermato Guasch-Ferre.

Secondo i ricercatori, esiste una letteratura in crescita sui benefici della riduzione dell'assunzione di grassi animali e di grassi saturi a favore degli oli vegetali.

"Il messaggio principale è che i nostri risultati forniscono ulteriore supporto alle raccomandazioni per sostituire i grassi saturi e animali con oli vegetali insaturi, come l'olio d'oliva, per la prevenzione della morte prematura", ha affermato Guasch-Ferre.

Cultura dell'olio d'oliva e benefici per la salute dell'olio d'oliva non sono ancora diffusi nella cultura americana, mentre i grassi come il burro e la margarina sono una parte consolidata della dieta della maggior parte delle persone.

I ricercatori sperano che i loro risultati aiuteranno anche i pazienti e il pubblico in generale a comprendere meglio l'impatto significativo dei grassi più sani e come implementarli nelle loro diete.

"In effetti, il consumo di olio d'oliva era inferiore rispetto ad altri studi che ho condotto in precedenza sulle popolazioni mediterranee ", ha affermato Guasch-Ferre. "Inoltre, un'altra limitazione era che non potevamo differenziare gradi di olio d'oliva. "

Vedi anche:I tassi di demenza triplicheranno entro il 2050, secondo le ultime ricerche

"È noto che l'extravergine e il vergine sono una buona fonte di grassi sani, ma contengono anche elevate quantità di altri composti bioattivi come polifenoli e antiossidanti che hanno mostrato proprietà antinfiammatorie e antiossidanti", ha aggiunto.

"Nel nostro studio, abbiamo dimostrato che nei modelli statistici quando l'olio d'oliva stava sostituendo burro, maionese, margarina e altri grassi animali, era associato a un minor rischio di mortalità totale e mortalità per cause come cancro, malattie cardiovascolari o malattie neurodegenerative ", Guasch - continuò Ferrè.

Precedenti studi hanno dimostrato come il contenuto specifico di olio d'oliva possa influenzare la progressione del cancro e fungere da terapie terapeutiche.

Ad esempio, il National Cancer Institute lo è ricerca sull'oleocantale, un polifenolo, per il suo potenziale di aiutare a prevenire il cancro al seno. Lo sono anche i ricercatori dell'Università della Louisiana-Monroe studiare l'uso dell'oleocantale nel trattamento del tipo più mortale di cancro al seno.

Altre ricerche hanno dimostrato come il consumo di olio d'oliva potrebbe avere un impatto positivo sulle malattie neurodegenerative, come il morbo di Alzheimer, da prevenire l'accumulo di placca nel cervello

Le proprietà specifiche dell'olio d'oliva sono state prese in considerazione dai ricercatori di Harvard mentre studiavano la loro associazione con la riduzione della mortalità tra i consumatori di olio d'oliva.

"Diversi meccanismi potrebbero spiegare le associazioni", ha affermato Guasch-Ferre. "L'olio d'oliva è ricco di acido oleico ed è meno suscettibile all'ossidazione rispetto agli acidi grassi più insaturi. È stato anche osservato che l'olio d'oliva può essere favorevole effetti sulla disfunzione endoteliale, ipertensione, infiammazione, sensibilità all'insulina e diabete.

"Abbiamo esaminato l'impatto nel suo insieme e, soprattutto, gli effetti ipotetici della riduzione di altri grassi aumentando l'assunzione di olio d'oliva ", ha aggiunto.

In un editoriale di accompagnamento sul Journal, Susanna Larsson dell'Università di Uppsala in Svezia ha notato come siano necessarie ulteriori ricerche per comprendere appieno l'impatto dell'olio d'oliva sulla salute.

"Per riassumere, lo studio attuale e gli studi precedenti hanno scoperto che il consumo di olio d'oliva può avere benefici per la salute ", ha scritto. "Tuttavia, rimangono diverse domande. Le associazioni sono causali o spurie? Il consumo di olio d'oliva è protettivo solo per alcune malattie cardiovascolari (ad es. ictus e fibrillazione atriale) o anche per altre malattie importanti e cause di morte? Qual è la quantità di olio d'oliva necessaria per un effetto protettivo?"

"Sono necessarie ulteriori ricerche per affrontare queste domande", ha concluso.



pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti