Sei davvero quello che mangi, dice la scienza

In un periodo di tempo generazionale, ci sono prove fisiologiche che diventiamo effettivamente ciò che mangiamo.

Gennaio 10, 2017
Di Stav Dimitropoulos

Notizie recenti

Nel 1826 Anthelme Brillat-Savarin, un avvocato e politico francese che nondimeno divenne famoso come gastronomo, scrisse nel suo libro "Physiologie du Gout, o Meditations de Gastronomie Transcendante: " "Dimmi cosa mangi e ti dirò cosa sei ?.

Nel 1836, il filosofo e antropologo tedesco Ludwig Feuerbach scrisse la linea, "Un uomo è ciò che mangia ”, in un suo celebre saggio.

Victor Lindlahr, pioniere americano per la salute e la perdita di peso, si riverberò "Sei quello che mangi ”nel 1942, e negli anni '60, il movimento radicale degli hippy fece della stessa frase uno dei loro principali slogan per un'alimentazione sana.

Ciò che è stato afferrato empiricamente da tutte queste persone completamente diverse che vivono in tempi diversi è ora scientificamente fondato dai ricercatori dell'Università di Oxford. In una ricerca innovativa che è stata pubblicata sulla rivista Biologia Jenomenome.

Il Dipartimento di Scienze Vegetali dell'Università di Oxford ha svelato prove genetiche che le nostre diete possono influenzare le sequenze di DNA dei nostri geni e che la verità popolare di "Siamo ciò che mangiamo ”è supportato da prove fisiologiche concrete - sempre su scala generazionale.

pubblicità

Come ha spiegato Emily Seward, dottoranda presso il Dipartimento di scienze vegetali di Oxford Olive Oil Times, per verificare questa ipotesi i ricercatori hanno basato il loro studio su un sistema modello comprendente semplici gruppi di parassiti, parassiti eucarioti (Kinetoplastida) e parassiti batterici (Mollicutes). "I parassiti che condividono un antenato comune, ma per ragioni non del tutto ben comprese si sono evoluti per mangiare cibi molto diversi e infettare diversi ospiti ", ha detto Seward.

Utilizzando nuovi modelli matematici sviluppati dagli scienziati stessi, sono stati portati alla conclusione che diversi livelli di azoto, come si manifesta nella dieta di un parassita, hanno influenzato la composizione del DNA. I parassiti con diete a basso contenuto di azoto e ad alto contenuto di zuccheri sono stati contraddistinti da sequenze di DNA che facevano uso di meno azoto rispetto ai parassiti con diete ad alto contenuto di azoto e proteine.

I risultati hanno messo in luce la relazione scientificamente emergente tra metabolismo cellulare ed evoluzione. Hanno anche dimostrato che è possibile prevedere le diete di organismi simili analizzando la sequenza di DNA dei loro geni.

Soprattutto, lo studio ha dimostrato che adottando diverse diete possiamo davvero cambiare il nostro corredo genetico, ma (controllo della realtà) non così facilmente come vorremmo immaginare: sebbene possiamo diventare più sani passando a scelte nutrizionali più sane, noi non può manipolare il nostro DNA nella misura in cui le informazioni precedenti vengono completamente cancellate e sostituite da nuove, almeno nel corso della nostra stessa vita.

"Ci sono così tanti fattori che possono influenzare la sequenza del DNA di un organismo. Nella ricerca si parla di piccoli cambiamenti dietetici che si accumulano nel corso delle generazioni precedenti. È una cosa generazionale in quanto molte generazioni fanno piccoli passi verso il cambiamento della loro mappa genetica. Un cambiamento drastico non può avvenire in una vita. Puoi diventare più sano, ma non cambierai drasticamente il tuo DNA ", ha detto Seward.



pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti