1378

Saluto

Studio: i polifenoli nell'olio d'oliva aumentano la guarigione della pelle danneggiata

I polifenoli presenti nell'olio extravergine di oliva migliorano le capacità di guarigione dei fibroblasti, aprendo possibilità per nuove applicazioni di guarigione delle ferite.
Di Paolo DeAndreis
Maggio. 30, 2023 12:14 UTC

Una nuova studio scoperto che alcuni polifenoli nell'olio extravergine di oliva migliorano le azioni cicatrizzanti dei fibroblasti, cellule essenziali per la formazione dei tessuti connettivi.

I fibroblasti svolgono un ruolo cruciale nella riparazione della pelle danneggiata da lesioni o tagli. La ricerca, pubblicata su Nutrients, apre la strada al futuro utilizzo di applicazioni a base di polifenoli per curare la pelle ferita.

Abbiamo scoperto che quando esposti ai composti fenolici, i fibroblasti migrerebbero, il che significa che si sposterebbero per colmare il vuoto causato dalla ferita, favorendo la loro azione cicatrizzante.- Lucía Melguizo-Rodríguez, ricercatrice, Università di Granada

"I fibroblasti sono le cellule principali della pelle e sono coinvolte nella sua rigenerazione", ha detto Olga García-Martínez, coautrice dello studio e ricercatrice presso il dipartimento di scienze della salute dell'Università di Granado olive oil Times. "Sono essenziali per riparare la pelle danneggiata.

Lucía Melguizo-Rodríguez, un'altra coautrice e ricercatrice universitaria, ha aggiunto che i fibroblasti sono cruciali nella ricostruzione della matrice extracellulare.

Vedi anche:Saluti Notizia

"Rilasciano composti che tengono insieme tutti i componenti della pelle, sono la rete che tiene tutto insieme, ed è per questo che la loro azione è così rilevante ", ha detto Olive Oil Times.

Gli scienziati si sono concentrati su come il comportamento dei fibroblasti sarebbe influenzato dall'applicazione di idrossitirosolo, tirosolo e oleocantale, i polifenoli più diffusi nell'olio extra vergine di oliva.

"Questi tre fenoli sono stati scelti perché ricerche precedenti hanno dimostrato il loro comportamento interessante quando applicati a diverse cellule tissutali, come gli osteoblasti, le cellule ossee", ha detto García-Martínez. "Abbiamo individuato quei tre perché c'erano maggiori possibilità che potessero stimolare le cellule dei tessuti molli come i fibroblasti".

La ricerca ha evidenziato che quei composti fenolici stimolerebbero la crescita dei fibroblasti quando applicati.

"Questo è un risultato molto rilevante, poiché quando la pelle è ferita, stimolare lo sviluppo di un numero maggiore di fibroblasti porterebbe a una migliore guarigione", ha detto Melguizo-Rodríguez.

Tuttavia, questo non è stato l'unico risultato che hanno osservato, poiché i polifenoli hanno influenzato anche il comportamento dei fibroblasti in condizioni in vitro.

"Abbiamo scoperto che quando esposti ai composti fenolici, i fibroblasti migreranno, il che significa che si sposteranno per colmare il vuoto causato dalla ferita, avvantaggiando la loro azione cicatrizzante”, Melguizo-Rodríguez.

Inoltre, la crescita dei fibroblasti osservata dai ricercatori nell'ambiente di laboratorio non ha mostrato alcuna alterazione cellulare.

"Quando vengono applicate terapie di stimolazione della crescita cellulare, un potenziale risultato negativo è la crescita irregolare delle cellule stesse o mutazioni cellulari che potrebbero essere pericolose ", hanno spiegato i ricercatori.

Ecco perché gli scienziati hanno sviluppato un esperimento che evidenzia come la crescita cellulare stimolata dai polifenoli sia sicura.

"Uno degli esperimenti si è concentrato su questo e ha mostrato che le cellule non hanno alcun tipo di aneuploidia del DNA, il che significa che non mostrano alcun segno che quelle cellule potrebbero essere mutate", ha detto Melguizo-Rodríguez.

Gli scienziati hanno evidenziato come la loro ricerca faccia parte di un corpo crescente di studi incentrati sull'impatto dei polifenoli sui tessuti umani e sui profili cellulari. Precedenti ricerche hanno scoperto che altri fenoli nell'olio extra vergine di oliva stimolavano anche la proliferazione e la migrazione dei fibroblasti.

Vedi anche:I fatti sull'olio d'oliva e sulla cura della pelle

Altri studi hanno anche accennato al ruolo dei fenoli nella regolazione del processo di guarigione delle ferite e alla loro potenziale azione protettiva contro i cambiamenti legati all'età nei fibroblasti.

Tuttavia, la ricerca dell'uso dell'olio extra vergine di oliva come strumento efficace per guarire le ferite richiederà ulteriori studi.

pubblicità

"Al momento, stiamo studiando come le proprietà curative che rileviamo possano essere applicate con successo dove necessario", García-Martínez. "Esempi di soluzioni future potrebbero essere idrogel o creme”.

"Ora capiamo cosa succede quando si applicano i fenoli ai fibroblasti direttamente all'interno di un ambiente di laboratorio», ha aggiunto Melguizo-Rodríguez. "Nella vita reale, ad esempio con una ferita sulla pelle umana, le condizioni sono molto diverse”.

L'applicazione diretta di fenoli ai fibroblasti potrebbe essere difficile, poiché l'uso di olio extra vergine di oliva sulla pelle raggiungerebbe solo la superficie stessa della pelle stessa.

"Ci sono anche altre popolazioni cellulari [sulla superficie della pelle], quindi non puoi semplicemente applicare olio extra vergine di oliva sulle tue ferite; hai bisogno di una [nave] per trasportare i fenoli dove necessario ", ha detto Melguizo-Rodríguez.

"Il prossimo passo è progettare un meccanismo in laboratorio con il quale possiamo introdurre efficacemente i fenoli», ha aggiunto García-Martínez. "Una volta realizzato ciò, saremo un passo più vicini alla creazione di applicazioni di vita reale derivate dall'olio extravergine di oliva ",

I ricercatori hanno sottolineato che stimare quanto tempo ci vorrà per arrivare a quel passaggio è impossibile, poiché dipende anche dal finanziamento della ricerca.

Tuttavia, hanno spiegato che una volta raggiunto tale obiettivo, sarà necessario valutare l'esito dell'applicazione del nuovo rimedio.

"È importante definire e identificare i potenziali effetti avversi anche se non ci aspettiamo che si verifichino", ha affermato Melguizo-Rodríguez.

Anche lo sviluppo di un rimedio che offra nuove opzioni a medici, infermieri e pazienti che affrontano le ferite della pelle potrebbe essere ottenuto in modo sostenibile.

"Durante la lavorazione delle olive, le acque reflue ricche di polifenoli vengono comunemente scartate dopo la produzione di olio d'oliva ", ha concluso Melguizo-Rodríguez. "È interessante isolare i composti di cui abbiamo bisogno all'interno di una materia prima che al momento non è interessante per il mercato”.


pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati