`Dieta mediterranea ed esercizio fisico associati a una migliore salute intestinale negli anziani - Olive Oil Times

Dieta mediterranea ed esercizio fisico associati a una migliore salute intestinale negli anziani

Di Simon Roots
Maggio. 7, 2024 13:52 UTC

Una nuova studio pubblicato sull'American Journal of Clinical Nutrition ha scoperto che aderire ad un basso contenuto calorico Dieta mediterranea insieme all’attività fisica produce notevoli benefici cardiovascolari.

La ricerca suggerisce che questi cambiamenti nello stile di vita influiscono sulla salute cardiovascolare alterando la composizione batterica del colon e la produzione di metaboliti.

I risultati rappresentano un progresso sostanziale nella comprensione delle misure preventive contro malattia cardiovascolare, che rappresentano la principale causa di morte nei paesi sviluppati.

Vedi anche:Saluti Notizia

La dieta mediterranea è stata a lungo associata microbi intestinali positivi e metaboliti, ma il suo effetto sul metaboloma fecale è poco compreso.

La dieta mediterranea tradizionale prevede un elevato apporto di verdure, frutta, legumi e noci, un consumo moderato di pesce, un basso consumo di carne, un consumo moderato di alcol e olio extravergine d'oliva come fonte primaria di grassi.

Una maggiore aderenza alla dieta mediterranea è correlata a batteri e metaboliti intestinali benefici, attribuiti ad un aumento delle specie che degradano le fibre e alle risposte antinfiammatorie.

Tuttavia, i suoi effetti sul microbiota intestinale e sul metaboloma plasmatico non sono coerenti tra gli studi, con impatti non chiari sui fattori di rischio di malattie cardiovascolari.

Con l’ultimo studio, i ricercatori miravano a valutare l’impatto sulla perdita di peso di un intervento sullo stile di vita della durata di un anno basato su una dieta mediterranea a ridotto contenuto energetico con attività fisica (gruppo di intervento) rispetto a un ad libitum Dieta mediterranea (gruppo di controllo) su metaboliti fecali, microbiota e loro collegamenti con fattori di rischio di malattie cardiovascolari.

L’intervento ha interessato quattro metaboliti delle feci, composti principalmente da acidi biliari, ceramidi, sfingosine, acidi grassi, carnitine, nucleotidi e purine e metaboliti del ciclo di Krebs.

Lo studio ha coinvolto 400 partecipanti di età compresa tra 55 e 75 anni ad alto rischio cardiovascolare e i dati sono stati raccolti al basale e dopo un anno.

I ricercatori hanno scoperto che il gruppo di intervento ha mostrato una maggiore perdita di peso e un miglioramento dei fattori di rischio cardiovascolare rispetto al gruppo di controllo.

Questi cambiamenti erano associati ad alterazioni dei fattori di rischio di malattie cardiovascolari. Inoltre, alcuni generi di batteri intestinali sono risultati ridotti e la diversità alfa è aumentata nel gruppo di intervento.

I risultati dello studio hanno suggerito un'interazione tra dieta, metaboliti e microbiota intestinale. Mentre gli studi precedenti si concentravano sui metaboliti plasmatici o urinari, pochi avevano esplorato il metaboloma fecale.

I risultati dei partecipanti con obesità e sindrome metabolica hanno indicato riduzioni delle concentrazioni di colesterolo plasmatico e di acidi biliari fecali (metaboliti coinvolti nell'assorbimento dei nutrienti) dopo l'intervento di dieta mediterranea.

Vedi anche:La dieta mediterranea e l'esercizio fisico migliorano la memoria di lavoro nei giovani studenti

L’intervento ha arricchito i generi batterici intestinali legati al metabolismo degli acidi biliari e ha aumentato la cadaverina fecale, che è associata a una migliore sensibilità all’insulina.

I partecipanti al gruppo di intervento hanno mostrato riduzioni più significative dell’adiposità (accumulo di tessuto adiposo) e miglioramenti nel profilo lipidico e nei marcatori del glucosio.

Inoltre, diminuisce l'abbondanza di E. hallii ed Dorea spp. sono stati osservati nel gruppo di intervento, legati a cambiamenti nei metaboliti fecali e nei fattori di rischio cardiovascolare.

E. hallii è implicato nel metabolismo del glucosio e nella resistenza all'insulina, mentre Dorea spp. è associato a prediabete e livelli elevati di glucosio nel sangue.

I ricercatori hanno riconosciuto che lo studio presentava alcune limitazioni. I partecipanti erano adulti mediterranei più anziani con condizioni di salute specifiche, quindi generalizzare i risultati ad altre popolazioni potrebbe non essere appropriato.

Inoltre, il metodo di sequenziamento utilizzato nello studio limita la profilazione tassonomica al livello del genere, ostacolando la differenziazione tra batteri strettamente correlati e limitando la capacità di dedurre la funzionalità.

Tuttavia, lo studio presenta notevoli punti di forza. Nonostante il campione non rappresentativo, i risultati sono rilevanti per una parte significativa della popolazione globale ad alto rischio di malattie cardiometaboliche.

Il disegno controllato randomizzato ha consentito di stabilire la causalità e di valutare gli effetti dell'intervento, con aggiustamenti apportati per fattori confondenti significativi, riducendo il confondimento residuo. Sebbene il metodo di sequenziamento presenti dei limiti, è adatto per analizzare molti campioni.

Al di là dei risultati sulla salute individuale, i ricercatori hanno affermato che la comprensione dell’impatto di questi interventi sul microbioma intestinale fa luce sui meccanismi alla base del miglioramento dei biomarcatori cardiometabolici.

Sperano che questa conoscenza possa ispirare strategie mirate di sanità pubblica e raccomandazioni sanitarie personalizzate, adattando gli interventi sulla base dei profili microbiologici individuali per una prevenzione e una gestione più efficaci delle malattie cardiometaboliche.



pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati