La dieta Med è più efficace nella prevenzione dell'obesità rispetto ad altre diete, secondo uno studio

La revisione della letteratura ha rilevato che la convivialità della dieta mediterranea e la sua attenzione al consumo di grassi sani contribuiscono a renderla più efficace delle diete povere di grassi.
Verdure in una bancarella del mercato su una barca nel porto dell'isola di Egina in Grecia
Di Paolo DeAndreis
27 marzo 2023 14:10 UTC

Un'ampia revisione della ricerca accademica ha gettato nuova luce sul ruolo significativo della dieta mediterranea nella prevenzione dell'obesità.

Secondo gli autori di a studio pubblicato su Experimental Gerontology, un corpus significativo di studi, studi osservazionali e meta-analisi ha mostrato una maggiore riduzione del peso corporeo e dell'indice di massa corporea (BMI) rispetto ai risultati ottenuti attraverso l'adozione di altre diete.

Le persone che aderiscono alla dieta mediterranea tendono a perdere peso per un lungo periodo di tempo. Inoltre, mostrano che aderire alla dieta mediterranea di solito impedisce a qualcuno di diventare sovrappeso o obeso.- Ligia J. Dominguez, docente, Università di Enna facoltà di medicina e chirurgia

I ricercatori ritengono che altre linee guida dietetiche potrebbero trascurare alcune delle caratteristiche più importanti della dieta mediterranea.

"La maggior parte delle volte, quando si parla di alimentazione e abitudini alimentari, si tende a concentrarsi su aspetti molto specifici, come le calorie contenute in un alimento specifico”, Ligia J. Dominguez, docente presso la facoltà di Medicina e Chirurgia dell'Università di Enna e chirurgia, e coautore dello studio, ha detto Olive Oil Times.

Vedi anche:Saluti Notizia

"La dieta mediterranea ci insegna che c'è molto di più in una dieta sana rispetto al contenuto del cibo", ha aggiunto. "La dieta mediterranea comporta non solo cibo ma anche uno stile di vita mediterraneo”.

"Uno dei suoi aspetti principali è la socialità, che è una parte cruciale della dieta mediterranea”, ha continuato Dominguez. "Significa mangiare insieme, cucinare insieme e aggiungere un forte contesto sociale al pasto stesso, che potrebbe anche tradursi in mangiare di meno e scegliere cibo di qualità”.

Secondo il ricercatore, gli studi mostrano come l'attività fisica sia associata alla dieta mediterranea e agli aspetti sociali del mangiare aggiunge uno strato di positività che ha un impatto significativo sui pazienti.

"Uno stile di vita mediterraneo rappresenta un approccio multidimensionale, un antidoto a molti dei più comuni fattori scatenanti delle compulsioni alimentari, come vuoti emotivi o patologie specifiche", ha affermato Dominguez.

"Detto questo, indagare su grassi, sale, calorie e molti altri contenuti alimentari è, ovviamente, essenziale per comprendere la nutrizione", ha aggiunto. "Sulla base di tali indagini, le linee guida dietetiche in tutto il mondo hanno suggerito e propongono ancora diete a basso contenuto di grassi, in quanto tali diete riducono il consumo di grassi, che sono ricchi di calorie.

"Decenni dopo l'implementazione di tali linee guida, tuttavia, non vi è alcun segno che il pandemia di obesità viene ridotto", ha continuato Dominguez.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, più di un miliardo di persone sono obese, un aumento di tre volte negli ultimi 40 anni.

Nel 2016, circa il 13 per cento della popolazione adulta nel mondo era obeso, una condizione associata a molte malattie. L'obesità è considerata uno dei più rilevanti problemi di salute pubblica a livello mondiale.

"Questa tendenza dovrebbe dirci che le linee guida basate su diete a basso contenuto di grassi non funzionano", ha detto Dominguez. "Le persone in tutto il mondo non mostrano alcuna conformità a raccomandazioni così rigide”.

"Che si tratti di una dieta a basso contenuto di grassi o di una dieta che escluda i carboidrati, la maggior parte delle persone che cercano di seguire regimi dietetici così rigidi si ritrovano ad abbandonare dopo un breve periodo di tempo ", ha aggiunto.

Secondo Dominguez, quando i risultati della dieta vengono considerati per un periodo prolungato, gli studi mostrano come le differenze tra le diete a basso contenuto di grassi e quelle a basso contenuto di carboidrati si riducano notevolmente.

Dopo il successo iniziale nella perdita di peso, la maggior parte dei pazienti di tali regimi dietetici ritorna alle precedenti abitudini alimentari.

pubblicità
pubblicità

"A volte cadono persino vittime dell'effetto di rimbalzo quando abbandonano un regime dietetico, finendo per mangiare molto più di prima ", ha detto Dominguez.

"Prove e studi a lungo termine hanno dimostrato che la percentuale di pazienti che abbandonano le diete a basso contenuto di grassi e a basso contenuto di carboidrati è simile", ha aggiunto.

Gli studi dimostrano che un approccio diverso potrebbe produrre risultati diversi.

"Un modello nutrizionale sano ma anche gustoso e basato su prodotti freschi strettamente legati al territorio, come la dieta mediterranea, è molto più attraente per le persone", ha affermato Dominguez.

Secondo il ricercatore, uno dei motivi per cui molti nutrizionisti potrebbero aver trascurato la dieta mediterranea è dovuto al suo contenuto di grassi non regolamentato.

"La maggior parte delle raccomandazioni dietetiche in tutto il mondo fissano la quantità massima accettabile di calorie sotto forma di grassi a circa il 30 percento ", ha affermato Dominguez. "La dieta mediterranea si trova tra il 35 e il 45 percento.

Ha indicato che questa percentuale più alta di consumo di grassi raccomandato ha probabilmente avuto un impatto sull'adozione globale della dieta mediterranea per perdere peso.

"Tuttavia, tutti gli studi che abbiamo ricercato - meta-analisi, studi randomizzati o anche studi osservazionali - valutano tutti che la dieta mediterranea non provoca alcun aumento di peso”, ha detto Dominguez.

"Inoltre, tutti questi studi dimostrano che le persone che aderiscono alla dieta mediterranea tendono a perdere peso per un lungo periodo di tempo", ha aggiunto. "Inoltre, mostrano che aderire alla dieta mediterranea di solito impedisce a qualcuno di diventare sovrappeso o obeso.

Di conseguenza, Dominguez ritiene che sia più importante concentrarsi su quali tipi di grassi vengono consumati in una dieta piuttosto che su quanto grasso viene consumato.

"Non tutti i grassi sono uguali", ha detto Dominguez. "Olio extravergine d'oliva e le sue proprietà uniche giocano un ruolo chiave, in quanto ha un impatto altamente benefico grazie all'acido oleico monoinsaturo e ad altri contenuti chiave come polifenoli. "

Tuttavia, ha aggiunto che la consapevolezza degli impatti sulla salute dei diversi tipi di grassi sta aumentando nei campi della nutrizione e della perdita di peso.

"Sempre più spesso, l'attenzione si sta spostando dall'obiettivo di una rapida perdita di peso all'idea di stabilire un modello nutrizionale sano in cui la perdita di peso può avvenire in un periodo di tempo più lungo", ha affermato Dominguez.

"Tuttavia, la chiave del successo di un approccio così innovativo si è rivelata quella di proporre ai pazienti un modello alimentare più interessante e soddisfacente, destinato a favorire la compliance alimentare e portare risultati”, ha concluso.


pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati