I batteri nelle olive da tavola possono aiutare a eliminare i metalli pesanti durante la digestione

Gli stessi tratti genetici che consentono ai batteri Lactobacillus pentosus di sopravvivere al processo di fermentazione delle olive da tavola possono anche aiutare i microrganismi a bio-estinguere ed eliminare i metalli pesanti dannosi.

Batteri Lactobacillus pentosus al microscopio. Foto per gentile concessione dell'Università di Jaén
Di Daniel Dawson
19 dicembre 2019 10:27 UTC
1213
Batteri Lactobacillus pentosus al microscopio. Foto per gentile concessione dell'Università di Jaén

Un gruppo di ricercatori dell'Università di Jaén ha identificato un ceppo di batteri trovato in olive da tavola ciò può aiutare il corpo umano a biotestare i metalli pesanti durante la digestione.

Lactobacillus pentosus, i batteri responsabili del bioquenching, si trovano naturalmente nell'olivo. La sua presenza è amplificata durante il processo di fermentazione, attraverso il quale passano le olive da tavola per rimuovere il sapore naturalmente amaro della frutta fresca.

Questi batteri agiscono come una spugna che intrappola questi tipi di particelle, riducendone la disponibilità nell'apparato digerente ed eliminandoli attraverso le feci.- Hikmate Abriouel, ricercatore presso l'Università di Jaén

I ricercatori hanno scoperto che i batteri rivestono il rivestimento dell'intestino e impediscono alle molecole di metalli pesanti, come arsenico, cadmio o mercurio, di essere digeriti e di entrare nel flusso sanguigno.

Tutti e tre questi metalli pesanti sono noti per essere tossici per l'uomo e sono quasi impossibili da eliminare per il corpo una volta assorbiti.

Vedi anche:Benefici della salute dell'olio d'oliva

"Questi batteri agiscono come una spugna che intrappola questi tipi di particelle, riducendone la disponibilità nel sistema digerente ed eliminandoli attraverso le feci ", ha detto Hikmate Abriouel, uno degli autori dello studio e ricercatore presso l'università.

Mentre l' Lactobacillus pentosus i batteri sono presenti in natura, si concentrano durante il processo di fermentazione.

La disponibilità limitata di nutrienti, l'elevata salinità e il basso pH della salamoia, insieme alla presenza di antimicrobici, come composti fenolici e oleuropeina, crea un ambiente ostile in cui i batteri possono sopravvivere e riprodursi.

Tuttavia, i ricercatori hanno scoperto che il Lactobacillus pentosus i batteri contengono geni che gli consentono di sopravvivere nell'ambiente di salamoia ostile, grazie alla sua capacità di metabolizzare determinati carboidrati e alla struttura unica delle membrane cellulari dei batteri.

È grazie a questi meccanismi adattativi, hanno concluso i ricercatori, che i batteri sono anche in grado di biotestare i metalli pesanti.

"I batteri che consentono di trattenere queste particelle si trovano nell'oliva già nell'albero ”, ha detto Abriouel. "Quando subisce la fermentazione, questi microrganismi proliferano a causa della loro capacità di crescere in un ambiente a basso pH e anche, come abbiamo visto, in presenza di questi metalli pesanti, che possono intrappolare. "

I ricercatori hanno anche confrontato la capacità di Lactobacillus pentosus batteri per biotestare i metalli pesanti sia prima che dopo la fermentazione. Hanno scoperto che i batteri erano molto più efficaci nel farlo dopo la fermentazione.

"Nei batteri, i plasmidi [piccole molecole di DNA all'interno di una cellula che sono separate dal DNA cromosomico] ospitano un materiale genetico aggiuntivo presente nel cromosoma, che è coinvolto in vari processi come la resistenza ai patogeni o agli antibiotici ", ha detto Abriouel. "La fermentazione permette a questi batteri di crescere e in quell'habitat essi esprimono una serie di geni, come questo [che aiuta a estinguere i metalli pesanti], il cui scopo è permettere a [i batteri] di esistere e sopravvivere nell'ambiente. "

In effetti i ricercatori hanno scoperto che dopo la fermentazione, il Lactobacillus pentosus i batteri sperimentano un aumento da due a otto volte della loro capacità di estinguere i metalli pesanti.

Nello studio, i ricercatori hanno studiato questo processo nella varietà di olive Aloreña, che ha un Denominazione d'origine protetta (DOP) stato da Malaga.

I ricercatori hanno detto che hanno intenzione di continuare a studiare il Lactobacillus pentosus batteri anche in altre varietà di olive, al fine di comprendere ulteriormente la sua relazione con i metalli pesanti.

L' risultati del loro primo studio sono stati pubblicati sulla rivista Nature.





pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati