`L'aderenza a MedDiet riduce il rischio di contrarre i sintomi associati al morbo di Parkinson, risultati dello studio - Olive Oil Times

L'adesione a MedDiet riduce il rischio di contrarre i sintomi associati al morbo di Parkinson, risultati dello studio

Di Paolo DeAndreis
2 settembre 2020 08:43 UTC

Seguendo l'alternativa Dieta mediterranea sembra ridurre il rischio di contrarre diversi sintomi prodromici del morbo di Parkinson, secondo i risultati di uno studio di Università di Harvard.

I sintomi prodromici sono sintomi non motori che si manifestano anni o decenni prima dell'inizio di una malattia e indicano che una persona può essere a maggior rischio di contrarre quella malattia.

Vedi anche:Saluti Notizia

L' studio, pubblicato sulla rivista scientifica Neurology, ha analizzato i dati di 47,679 individui raccolti durante due studi a lungo termine e su larga scala: il Nurses' Salute Study e il Salute Professionals Follow-up Study.

Le informazioni dietetiche sono state raccolte dai partecipanti a intervalli di quattro anni, a partire dal 1986. L'aderenza dei partecipanti ai diversi modelli dietetici, inclusa la dieta mediterranea alternativa - un sistema di punteggio utilizzato dai ricercatori per determinare quanto attentamente viene seguito il MedDiet - e l'alternativa Salutey È stato quindi calcolato l'indice alimentare (aHEI).

All'inizio, i ricercatori si sono concentrati sui partecipanti che avevano risposto a un sondaggio del 2012 riguardante la stitichezza e il disturbo del comportamento del sonno a movimento rapido degli occhi, entrambi sintomi prodromici della malattia di Parkinson.

Alcuni anni dopo, nel 2014 e nel 2015, i ricercatori hanno seguito 17,400 partecipanti che avevano risposto al sondaggio del 2012 chiedendo informazioni su una gamma più ampia di sintomi prodromici, tra cui perdita dell'olfatto, alterazioni della visione dei colori, ore diurne eccessive. sonnolenza, depressione e dolore fisico.

Un confronto dei sintomi e delle diete dei partecipanti ha rilevato che una maggiore aderenza alle due diete era inversamente associata ai sintomi. L'adesione alla dieta mediterranea alternativa ha ridotto le possibilità di sintomi prodromici che si verificano nel 33% dei partecipanti. Quelli che seguono la dieta aHEI hanno visto una ridotta possibilità del 32%.

"Sebbene questo studio non mostri causa ed effetto, fornisce certamente un motivo in più per includere più verdure, noci e legumi nella dieta ", ha detto Samantha Mosberry, coautrice dello studio e ricercatrice dell'Università di Harvard.

"Sono necessarie ulteriori ricerche per determinare se una dieta sana potrebbe ritardare o addirittura prevenire lo sviluppo della malattia di Parkinson tra le persone che hanno già questi sintomi prodromici ", ha aggiunto.



pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati