`Leonardo Colavita e il rapporto sull'olio d'oliva UC Davis - Olive Oil Times

Leonardo Colavita e l'UC Davis Olive Oil Report

Settembre 29, 2010
Lucy Vivante

Notizie recenti

Con sospetto: è così che il mondo dell'olio d'oliva qui in Italia sta osservando la recente e controversa Università della California, riferisce Davis Olive Center. Il studio, eseguito in collaborazione con l'Australian Oils Research Laboratory, ha esaminato gli oli extra vergini di oliva del mercato di massa e dei negozi e quelli dei produttori della California. La maggior parte degli oli d'oliva italiani e importati non ha superato i test sensoriali e chimici, mentre quasi tutti i campioni della California sono passati. Lo studio è visto come un modo per creare un mercato per l'olio d'oliva della California e protezionistico nello spirito. Il fatto che la ricerca sia stata finanziata dal California Olive Oil Council e da due dei marchi della California studiati è particolarmente significativo.

La stampa italiana ha avuto poca copertura dello studio. Il Salvagente, un consumatore settimanale e Teatro Naturale, una pubblicazione online incentrata su olio e vino, ognuno ha pubblicato un pezzo sullo studio UC e ha discusso la validità dei test, ed entrambi hanno ritenuto che lo studio sbilenco favorisse l'olio extravergine di oliva prodotto in California. Per questo pezzo, Colavita, Filippo Berio, Bertolli e Carapelli sono stati tutti contattati per le loro opinioni sullo studio dell'UC Davis. Bertolli e Carapelli, società storicamente italiane, sono ora di proprietà di Grupo SOS, una società spagnola. Al momento della stampa, solo Colavita ha accettato di rispondere alle nostre domande sullo studio.

Enrico Colavita, che dirige l'ufficio export e le operazioni Colavita a Campobasso, ha detto al telefono di aver pensato di rilasciare una dichiarazione sullo studio UC, ma da allora ha deciso di non farlo "potrebbe creare ancora più confusione. ”Alla domanda sull'idea generale di testare l'olio extra vergine di oliva, ha detto Olive Oil Times che ha accolto con favore i test, "Sì, siamo a favore dei test, dei test in cui gli standard sono concordati a livello internazionale e anche della metodologia ". Dopo una breve conversazione e un paio di giorni, lo scrittore è stato invitato nello stabilimento di Pomezia dell'azienda, per discutere dello studio UC Davis e per visionare la loro struttura. È qui che confezionano il loro olio extravergine di oliva. L'azienda si trova a 24 chilometri (15 miglia) da Roma, sulla Via Laurentina, un'antica strada romana che conduceva verso sud. Pomezia è in gran parte industriale.

caratteristiche-leonardo-colavita-e-the-uc-davis-olive-oil-report-olive-oil-times

Andrea, Enrico e Leonardo Colavita

Enrico Colavita, Presidente e Leonardo Colavita, Direttore Generale, sono fratelli e capi comuni dell'azienda di famiglia. Per generazioni, la Colavitas ha prodotto olio d'oliva nella provincia di Campobasso in Molise. Leonardo dice della loro città, "Sant'Elia Pianisi ha 2,000 abitanti e almeno il 30% ha Colavita come cognome ". Il loro padre è andato nella confezione dell'olio d'oliva, distinto dalla coltivazione e dalla spremitura delle olive. Il figlio di Leonardo, Giovanni, è presidente di Colavita USA e vive a New York; La figlia di Leonardo, Carla, lavora in un ruolo che suona come Chief Financial Officer e ora è a New York per quattro mesi, ma è generalmente in Italia. Il figlio di Enrico, Andrea, è Direttore Commerciale; e l'altro figlio, Paolo, frequenta l'università a Roma, e dopo la laurea entrerà in azienda. L'azienda impiega 60 persone in Italia e 70 negli Stati Uniti, numeri che sembrano piccolissimi per un'azienda di così alto profilo. Il prodotto principale di Colavita è l'olio extravergine di oliva, che viene venduto in quasi 70 paesi, con l'80% dei ricavi provenienti dall'export. Non discutono di vendite in valuta, preferendo dire che il loro obiettivo è vendere 15 milioni di litri all'anno. L'anno scorso, il 2009, non hanno raggiunto quella cifra, ma quest'anno ha compensato l'ultimo.

Il Centro Colavita per l'enogastronomia italiana al Culinary Institute of America, ad Hyde Park, NY, così come la loro sponsorizzazione di atleti, per lo più donne, aiuta a mantenere alto il loro profilo. Sia Leonardo che Enrico sono coinvolti con associazioni per promuovere e aumentare il profilo dell'industria alimentare italiana. Le Colavitas fanno parte di Confindustria, un gruppo di interesse che rappresenta i settori manifatturiero e dei servizi. Federalimentare è il sottogruppo di Confindustria per l'industria alimentare e il gruppo con cui opera. Leonardo è uno dei fondatori dell'Associazione dell'industria petrolifera italiana–ASSITOL. È appena uscito da quattro mandati consecutivi di due anni come presidente, il massimo per statuto. L'anno prossimo, dopo un anno, dice che tornerà ad essere presidente.

pubblicità

Nello studio UC Davis, è stato testato l'olio extravergine di oliva Colavita, con il risultato che una bottiglia è passata e due hanno fallito. Dopo la pubblicazione dello studio in luglio, gli analisti di Colavita hanno testato bottiglie degli stessi lotti testati da UC Davis. Colavita è un'azienda soddisfatta dei test e conserva tre campioni per ogni lotto che produce. Leonardo dice che la stanza del campione, doppiata "la sagrestia ", è la stanza più bella e importante dell'intera compagnia. La stanza è piena, dal pavimento al soffitto, con scaffalature metalliche e i campioni per ogni lotto sono organizzati per data. Leonardo dice della stanza "Alla gente piace parlare di tracciabilità, ma questa è la vera tracciabilità. ”Ha anche detto che la polizia incaricata di ispezionare l'industria alimentare è sorpresa dalla stanza quando vengono per le ispezioni. Un poliziotto disse a Leonardo, "Infine! Qualcuno che lavora come Dio vuole che noi lavoriamo ”.

Conservano i campioni per testare come stanno andando i loro prodotti con il passare del tempo, in caso di controversia, richiamo, "Tylenol event ”, o qualcosa di simile allo studio dell'UC Davis. Dopo 30 mesi in sagrestia, i campioni vengono svuotati lampante bidoni dell'olio. L'azienda utilizza la datazione giuliana (anno, un numero compreso tra 1 e 365 per i giorni dell'anno e l'ora), una pratica comune, per creare i numeri di lotto, ei lotti nella sala campioni sono raggruppati per mese di imballaggio.

Hanno testato tutti i lotti utilizzati nello studio Davis e hanno scoperto che tutti erano olio extra vergine di oliva. Uno dei lotti studiati, la bottiglia acquistata a Los Angeles, era uno dei campioni più vecchi, se non i più antichi, testati da UC Davis. La bottiglia di Los Angeles non aveva un "da consumarsi preferibilmente entro la data di fine ", ma con il numero di lotto L0816208042 (lotto, anno 2008, 162nd giorno dell'anno e 8:42 del mattino), il che significa che è stato imbottigliato l'11 giugno 2008 - 21 mesi prima che fosse testato dallo studio Davis. L'olio nella bottiglia del 2008 ha mostrato segni di età, ma ha ancora superato il test interno. Colavita non esclude la possibilità che la bottiglia di LA sia stata conservata in modo improprio, con conseguente fallimento. Dall'inizio del 2010, la società ha introdotto a "da consumarsi preferibilmente entro la data di fine ”sulle bottiglie statunitensi. I rivenditori erano stati riluttanti a includere la data. Gli stessi astucci portavano sempre il "data di scadenza ”.

L'olio del 2008 era in una bottiglia trasparente. Oltre al passare del tempo, le temperature elevate e l'olio extravergine di oliva degradano leggermente. Le luci dure dei supermercati spesso si accendono di giorno e di notte. L'imbottigliamento in vetro scuro aiuta a preservare l'olio, e su questo punto diceva Enrico Colavita, "Anche se i consumatori vogliono vedere il colore dell'olio d'oliva, stiamo passando a tutte le bottiglie scure ". Un'altra bottiglia ha fallito i test sensoriali e chimici della UC Davis. Poiché i test di Colavita erano interni, Severino Spoladore, un analista del controllo di qualità, ha affermato che non possono essere considerati scientifici, poiché provengono da un laboratorio indipendente. Tuttavia, i loro test interni aiutano la loro tranquillità.

Confezioni Colavita Rachael Ray Olio Extravergine di Oliva Tutto Italiano. Lo studio UC Davis ha anche testato quell'olio d'oliva, risultando in un passaggio e due fallimenti. Gli oli d'oliva Rachael Ray, come il marchio Colavita, hanno fallito i test sensoriali e chimici della UC Davis. Quando Enrico Colavita ha parlato dell'idea generale del testing, "Sì, siamo a favore dei test, dei test in cui gli standard sono concordati a livello internazionale e anche della metodologia ". condivideva l'opinione secondo cui lo studio era imperfetto, mentre esprimeva sostegno per il Dichiarazione del Consiglio oleicolo internazionale sullo studio, che ha detto tanto.

Lo stabilimento di Pomezia, oltre a confezionare gli oli d'oliva Colavita e Rachael Ray, confeziona Santa Sabina, un famoso marchio laziale acquistato dai Colavitas, e Molivo, un marchio che hanno creato. Gli oli variano in gradi e provenienza. Gli oli DOP che acquistano da produttori in Molise, Puglia, Sicilia, Toscana e Umbria e vengono conservati qui prima della spedizione ai clienti. Lo stabilimento di Campobasso produce invece oli aromatizzati e la linea aziendale di ortaggi confezionati in olio di oliva. La pianta Linden, NJ confeziona Colavita Canola-Olive Blended Oil, popolare tra i consumatori statunitensi.

Renzo Casagrande è il Direttore di fabbrica dello stabilimento di Pomezia. Ha iniziato alla Heineken lavorando sulla birra; ha lavorato per molti anni in Unilever, prima in semi oleosi, margarina e maionese; e poi nella divisione olio d'oliva di Unilever, aiutando quell'azienda nel loro obiettivo di diventare un leader mondiale nell'olio d'oliva. (Intorno al 2008 Unilever ha cambiato rotta ed è uscita completamente dal mercato dell'olio d'oliva.) Quando Unilever, nel 1998, ha venduto l'impianto di Pomezia alla Colavitas, Casagrande è rimasta. È abbastanza chiaro che i Colavitas e i dipendenti che incontro hanno un grande rispetto per quest'uomo. È responsabile del gusto Colavita, miscelando oli extra vergini di oliva per soddisfare le aspettative dei clienti Colavita. È mite e serio.

Il giorno della mia visita Casagrande mi ha pazientemente mostrato in giro per la fabbrica. Gli ho chiesto del test dell'UC Davis e, sebbene fosse sempre pronto, ha mostrato una certa esasperazione. Casagrande dice, "Quando misuriamo una strada o misuriamo un pezzo di stoffa, dobbiamo utilizzare tutti le stesse metriche. Lo studio della California ha utilizzato misure che non sono universalmente accettate. Circa l'1,2-diacilglicerolo e le pirofeofitine misurate da UC Davis, ha detto Casagrande, "Questi parametri sono stati testati dall'Europa, e in particolare dall'Italia, per più di dieci anni. Dopo averli testati, la Comunità europea ha deciso che i test non erano affidabili. "Allo stesso modo, il Consiglio oleicolo internazionale ha respinto i metodi e alcuni lo considerano disonesto per gli autori dello studio UC Davis suggerire di utilizzare questi test a un'organizzazione che sanno di avere li ho già respinti. Avrebbero potuto dire che il Consiglio avrebbe dovuto riconsiderare la loro determinazione, ma non lo fecero.

Casagrande ha elaborato, affermando che i test hanno dato risultati contraddittori (falsi positivi o negativi) e che il tempo al momento del raccolto, l'esposizione al calore e alla luce, l'invecchiamento e il tipo di cultivar hanno gettato via i test. I test 1,2-diacilglicerolo (DAG nello studio) e pirofeofitine (PPP nello studio) erano originariamente noti come metodi per lo screening dell'olio d'oliva adulterato con oli deodorati e raffinati.

Casagrande trova molto sbagliato nello studio. Il fatto che i laboratori della California e dell'Australia non abbiano eseguito gli stessi identici test, ma test diversi, è una delle sue preoccupazioni. Un altro è che un secondo pannello non ha ripetuto il test sensoriale, cosa che viene eseguita universalmente se un campione fallisce. Gli ho chiesto se era sicuro di no, e lui ha detto, "Per ogni lotto campionato, l'Australia ha ricevuto solo una bottiglia dei tre acquistati in ciascun negozio. Ciò significa che il laboratorio australiano ha effettuato tutte le analisi chimiche e la valutazione sensoriale sulla stessa bottiglia disponibile. "

"Questo è il motivo per cui la valutazione sensoriale non può essere ripetuta. Inoltre, non hanno chiarito questo aspetto. ”Nell'elenco sono riportate le dimensioni ridotte del campione, le diverse età dell'olio e il fatto che lo studio è stato pagato dalle parti interessate. Casagrande ha anche detto:

"Inoltre, la modalità di campionamento è molto importante per benchmark adeguati per garantire che tutti i prodotti abbiano le stesse condizioni di conservazione nei magazzini e sugli scaffali (luce, temperatura, velocità di rotazione del prodotto sugli scaffali). A differenza dei prodotti importati acquistati in diverse catene, i cinque oli della California sono stati acquistati tutti nella stessa catena. "

Quando Casagrande parla delle catene, si riferisce al fatto che gli oli della California sono stati acquistati esclusivamente nei negozi Whole Foods, mentre i marchi importati sono stati acquistati nei negozi Bel Air, Costco, Nob Hill, Ralphs, Safeway e Walmart.

Dice che questo tipo di test può essere svolto internamente (Colavita verifica spesso gli oli di oliva di altre aziende), ma non dovrebbe mai essere pubblicato poiché non utilizza test universalmente riconosciuti ed è lungi dall'essere rigorosamente scientifico.

Leonardo Colavita e io abbiamo avuto una breve discussione sull'adulterazione e sul New Yorker del 2007 articolo di Tom Mueller intitolato "Affari scivolosi ", ha detto Colavita, "Siamo posizionati nel livello medio-alto del mercato, forse più alto che medio. Abbiamo lavorato duramente per farci un nome. Cosa ne pensano? Che vogliamo rovinare il nostro nome, il nostro marchio per un piccolo trucco quattro soldi (che significa quattro bit o pochi dollari). Significa che pensano che siamo totalmente stupidi, voglio dire che devi essere stupido per distruggere un marchio per cui hai lavorato una vita quattro soldi. "

Renzo Casagrande lavora a stretto contatto con Leonardo Colavita per l'acquisto dell'olio extra vergine di oliva per il marchio. Patrizia Pallotto e Severino Spoladore, analisti del controllo qualità, supportano il loro lavoro. La stragrande maggioranza del loro olio d'oliva proviene dalla Puglia, la regione che produce quasi la metà dell'olio d'oliva italiano. Secondo Casagrande, "La Puglia è la regione che offre il miglior rapporto qualità prezzo ". Quantità minori provengono da Molise, Calabria e Sicilia. Il loro olio extra vergine di oliva Colavita è prodotto esclusivamente da oli italiani.

La società lavora con quattro broker che raccolgono campioni dai frantoios approvati. Pallotto e Spoladore visitano i frantoios per vedere come sono gestiti. CERMET, un'associazione italiana dedicata alle migliori pratiche e al controllo di qualità, visita ogni anno da 10 a 15 fornitori di colavita per la certificazione. In Italia, bottiglie e lattine Colavita portano etichette con certificazione CERMET.

L'azienda acquista olio da circa 50 frantoios, molti dei quali sono fornitori di lunga data. Ogni proprietario di frantoio deve firmare una lettera di impegno prima di lavorare con Colavita. I broker si recano nei frantoios approvati per raccogliere campioni di olio d'oliva, che vengono poi inviati a Pomezia. Chiedo loro perché non comprano direttamente dal frantoios, e Pallotto e Spoladori mi hanno risposto che sarebbe stato troppo tempo, e avrebbe significato che il signor Leonardo avrebbe dovuto correre per tutta la Puglia. Una volta ricevuti i campioni, Casagrande e Leonardo Colavita assaggiano gli oli d'oliva, senza mai guardarsi, in modo che le loro espressioni facciali non si influenzino a vicenda.

Ho chiesto a Leonardo Colavita le capacità sensoriali acute di Casagrande e ha detto: "Il Direttore non beve, non fuma e non beve caffè. " Pallotto e Spoladore eseguono test di laboratorio sull'olio d'oliva, valutandone la purezza e la qualità e se si adatta al profilo Colavita. Se si ritiene che l'olio abbia il gusto giusto e il prezzo è giusto, o quasi a destra, viene chiamato il broker e viene concluso un accordo. Pallotto ha detto, "Se si dispone di un buon olio d'olivae un buon prezzo, devi muoverti velocemente, altrimenti qualcun altro potrebbe comprare il petrolio da sotto di te. " Dopo aver acconsentito all'acquisto dell'olio, il broker invia a Colavita e al frantoio la documentazione corrispondente, con data e ora di consegna.

Per la consegna, il broker si reca al frantoio, si assicura che venga caricato il giusto olio d'oliva nell'autocisterna e sigilla l'autocisterna. Una volta che la nave cisterna arriva allo stabilimento di Colavita, i documenti vengono controllati per verificarne la corrispondenza, il sigillo della cisterna viene rotto e un campione viene portato in laboratorio per confrontarlo con l'olio che era stato campionato in precedenza. Questo test dura circa mezz'ora. Se tutto va bene, e nella stragrande maggioranza dei casi, l'olio d'oliva viene trasferito dal camion a uno dei loro tanti serbatoi. Un altro test viene eseguito durante il trasferimento, spiega Spaladore, "Un rubinetto sul tubo viene aperto leggermente e una piccola quantità di olio gocciola in un contenitore, fornendo un campione dell'intero contenuto dell'autocisterna. Questo viene fatto perché un trucco di 20 anni fa era che i camion avessero due camere, una con il buon olio d'oliva e un'altra con meno olio ". Con tutti questi test, mi chiedo se voglio essere un venditore per queste persone. Sembra che siano necessari molti test. Tra i lati positivi, gli analisti e i Colavitas sono amichevoli: non hanno le facce pizzicate delle persone sospettose. E non fanno aspettare i venditori al pagamento. Leonardo dice che ai loro fornitori piace lavorare con loro perché pagano una parte il giorno dopo la consegna e il saldo a 30 giorni. Ogni petroliera contiene 30 tonnellate e ha un valore di 70,000 euro.

L'olio d'oliva viene sottoposto ad un altro esame più approfondito, questo della durata di quattro-cinque ore. Le informazioni dei test sono importanti per determinare in quale serbatoio l'olio deve essere inserito, e importanti per Casagrande per il suo lavoro nella formulazione di una miscela. Il numero di oli miscelati dipende in parte dal periodo dell'anno. A gennaio, quando i serbatoi sono pieni, è possibile miscelare gli oli d'oliva di ben 8 serbatoi. A settembre, una miscela potrebbe avere olio d'oliva da solo due serbatoi. L'azienda dispone di 11 serbatoi con capacità di 300 tonnellate; 6 con capacità di 500 tonnellate; e 6 serbatoi con una capacità di 60 tonnellate. Tutti i serbatoi sono realizzati in acciaio inossidabile.

Ecco come Casagrande descrive la sfida di produrre ciò che i clienti Colavita desiderano e si aspettano:

"Per la mia casa scelgo oli di oliva fruttati (fruttato). Ma questo è un problema. I consumatori amano l'idea di genuinità, amano l'idea del buon gusto, ma non vogliono un olio d'oliva che li turbi, olio d'oliva piccante. Assaggiando il piccante, il consumatore dice a se stesso, 'C'è qualcosa che non va qui. Invece, è il piccante che rende buono l'olio. Dobbiamo decidere se vogliamo essere educatori, missionari o produttori. È un grosso dilemma. Alla fine, raggiungiamo un compromesso. Gli antiossidanti naturali, i polifenoli e i tocoferoli disturbano il palato, sono un po 'aggressivi, ma sono ciò che garantisce la conservazione o la conservabilità. Produciamo olio d'oliva che è tra ciò che il consumatore si aspetta e ciò che vogliamo ".

Ho chiesto a Casagrande se ci sono gusti diversi per mercati diversi e lui ha detto: "Abbiamo Colavita, in quanto tale, Olio Extra Vergine di Oliva, che ha lo stesso profilo ovunque: Italia, USA, Canada, Taiwan. E poi abbiamo il Fruttato, che è un gusto fruttato. E qui abbiamo un aspetto più piccante. Quindi, se lo analizzi, vedrai che ci sono più polifenoli rispetto allo standard. È un olio per gli appassionati di olio d'oliva. " Per ogni bottiglia di Fruttato ne vendono venti dello standard.

Casagrande, sulla base degli oli in stock, propone una ricetta teorica per una miscela. Quindi lo consegna a un operatore di fabbrica, che inserisce gli oli nella giusta proporzione in una vasca di miscelazione, che viene agitata. L'olio viene quindi analizzato e testato per il gusto. Se è buono e ha il sapore di Colavita, ne producono molto. Casagrande e io abbiamo girato per la fabbrica per vedere le immense cisterne e il luogo dove si filtra l'olio. L'azienda potrebbe acquistare l'olio d'oliva già filtrato dal frantoios, ma Casagrande dice: "Pensiamo di essere più bravi a filtrare. Vogliamo filtrare noi stessi ". In una settimana vengono confezionate da quattro a cinquecento tonnellate di olio d'oliva e lavorano uno o due turni. C'è una linea che funziona oggi. A dicembre, tutte e cinque le linee potrebbero funzionare contemporaneamente. Poiché la fabbrica è così automatizzata, non ci sono molte persone in giro. Abbiamo visto bottiglie sterilizzate rimosse dagli imballaggi, bottiglie gonfiate d'aria, camere chiuse dove le bottiglie vengono riempite, un nastro trasportatore dove le bottiglie vengono sigillate, tappate ed etichettate. Tutto si muove molto velocemente. Ci sono moltissimi pallet con 150 cartoni ciascuno, tutti in film termoretraibile. Casagrande dice che ci vogliono circa 15 giorni perché i loro container raggiungano gli Stati Uniti. Per l'Europa, il petrolio viene trasportato su camion.

Cinque container sono stati caricati prima del mio arrivo allo stabilimento di Pomezia. Leonardo Colavita, quando mi ha mostrato la sala campioni, ha mostrato anche l'ambulatorio medico. Un medico viene due volte al mese e i dipendenti devono visitare il medico almeno una volta al mese. Il medico decide quale personale può sollevare i cartoni nei contenitori e quali no. Ho chiesto a Leonardo cosa mi fosse sembrata questa abbondanza di cautela, testando tutto e tutti. Gli ho chiesto se l'ha avuto da suo padre. Lui dice, "No, quello che ho ricevuto da mio padre è stata l'importanza della pulizia. " Mi ha chiesto se avevo notato che la sua fabbrica aveva un buon profumo. Non avevo notato alcun odore. Questa è la prima fabbrica di imballaggi che ho visitato, quindi non avevo nulla con cui confrontarla. Mi dice che molte fabbriche di imballaggi di olio d'oliva hanno un cattivo odore. Quindi entra nei dettagli su come, se l'olio si versa sul pavimento, la linea si ferma e la fuoriuscita viene pulita con alcol. Mi ha anche detto che il suo olio d'oliva è l'unico marchio italiano che conosce e che è kosher. I rabbini visitano senza preavviso, per ispezionare l'impianto per la pulizia e per assicurarsi che i dipendenti non mangino vicino all'area di lavoro ecc. Sembra contento di avere la U cerchiata sulle sue etichette, il marchio dei prodotti kosher. La certificazione kosher è importante negli Stati Uniti, dove Colavita vende più del 40% del suo olio.

Andrea Colavita è il responsabile delle vendite. Quando lo vedo per la prima volta, mi chiedo se questo giovane possa davvero essere il capo delle vendite. A pochi istanti dalla conversazione tutti i dubbi si dissolvono. È facile parlare con lui, probabilmente essenziale nelle vendite, e parla molto bene l'inglese.

Andrea dice dei loro mercati "Dopo gli Stati Uniti, i più grandi sono l'Italia, l'Australia, il Giappone, il Brasile e il Canada. ”Del mercato statunitense, afferma. "Siamo ovunque, con i mercati più forti sulla costa orientale e occidentale e nell'area di Chicago ". Pensa che il consumatore americano sia esperto in olio d'oliva. Ha detto che le persone in Italia lo vogliono e basta: la gente beve una bottiglia a settimana e il costo è un grande fattore trainante.

Ho chiesto ad Andrea i suoi pensieri sullo studio UC e lui ha detto: "L'ho visto. L'ho letto. Non mi ha sorpreso, ad essere sincero. Perché negli ultimi tre anni abbiamo avuto la stessa cosa, esattamente la stessa cosa, accadendo in Germania.

Hanno fatto ricerche, un acquirente tedesco è andato al negozio per ritirare tutti i campioni. E, naturalmente, i marchi italiani erano tutti vergini, il che significa che non erano buoni perché erano vecchi. Il risultato è stato che il marchio del distributore, il marchio del distributore tedesco, era molto buono. E prima ancora, abbiamo avuto lo stesso in Francia ". Vede un certo nazionalismo negli studi.

Enrico Colavita trascorre la maggior parte del suo tempo a Campobasso, dirigendo l'ufficio esportazioni Colavita. Tutti i Colavitas viaggiano frequentemente tra le due località. Enrico Colavita è un elegante uomo d'affari italiano, fusione centrale perfetta. In una conversazione su ciò che lui definisce recente "serietà ", ha detto, "Mi stai dicendo che il tuo olio d'oliva è buono e il mio è disgustoso. Questo non aiuta né il settore né il consumatore ". Crede che ci siano buoni oli da molti posti. Per il prossimo anno hanno in programma di vendere una Selezione Colavita, una confezione con bottiglie da mezzo litro di olio extravergine di oliva proveniente da Argentina, Australia e California, i nuovi produttori; e dalla Spagna, Grecia e Italia. Sarebbe simile alla loro vendita di confezioni di oli DOP italiani.

Ho chiesto a Leonardo se ricevono offerte per vendere l'azienda.  "Oh si. E l'ultima volta è stata un'offerta molto carina. L'ultima offerta, per Colavita Italia e Colavita USA, era qualcosa come 60 milioni ($ 82 milioni). Una bella somma. Una bella somma. Avrei venduto Dico che il treno passa solo una volta nella vita. Devi sapere come cogliere l'opportunità quando arriva. Io e mio fratello abbiamo chiamato insieme i bambini e abbiamo detto 'Ragazzi, abbiamo la possibilità di vendere l'azienda, mettere da parte 30 milioni di dollari a testa e vivere in un modo diverso da come stiamo vivendo ora. E i bambini hanno risposto, 'Sì. Vendiamo. Prendiamo i soldi. Cosa ne facciamo? E quale lavoro faremo? Non possiamo semplicemente tenerlo in banca. Questo è ciò che sappiamo fare. " E così, abbiamo detto, 'Se ti piace la bicicletta, pedali tutti. " Ed è stato persino positivo, visto che tutti vogliono lavorare. "

Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti