`Slow Food lancia il primo 'Presidio' dell'olio d'oliva - Olive Oil Times

Slow Food lancia il primo 'Presidio' per l'olio d'oliva

Può. 26, 2015
Luciana Squadrilli

Notizie recenti

In un momento di estrema difficoltà per l'italiano olive oil proproduttori, Slow Food ha lanciato il primo "presidium ”per promuovere il valore ambientale, sanitario ed economico dell'olio extra vergine di oliva italiano.

Dal 1999, Slow Food - l'organizzazione globale fondata nel 1989 in Italia da Carlo Petrini per prevenire la scomparsa delle culture e delle tradizioni alimentari locali - gestisce il "Presìdi ”per salvaguardare e preservare centinaia di prodotti a rischio di estinzione.

Mentre tali prodotti erano stati fino ad allora catalogati solo attraverso il Progetto Arca del Gusto, con i Presìdi, gestiti dalla Fondazione Slow Food per la Biodiversità, l'organizzazione ha fatto un ulteriore passo avanti, connettendosi con i produttori stessi per promuovere e divulgare i loro prodotti, competenze e conoscenza e per salvare la biodiversità in pericolo e le tradizioni che hanno trasmesso.

In 2008, Slow Food Italia alla fine ha istituito il marchio di Presìdi Slow Food per accompagnare, identificare, proteggere e promuovere i prodotti di Presìdi Slow Food italiani, intervenendo efficacemente anche sul lato commerciale.

Successivamente, il marchio dei Presìdi Slow Food ha iniziato a includere anche prodotti stranieri e ora include più dei presidi 450 e più dei produttori di 13,000, dal formaggio a latte crudo al raro miele mono-floreale, di alta montagna e dai prodotti delle comunità indigene a Ricette tradizionali italiane a scomparsa.

pubblicità

Il 16 maggio, in occasione dell'evento Slow Fish 2015 di Genova che celebra la pesca sostenibile, Slow Food Italia ha finalmente lanciato il primo presidio nazionale dedicato all'olio extra vergine di oliva, per promuovere il valore ambientale, sanitario ed economico dei prodotti italiani. L'idea del presidio è diventata più rilevante da quando italiano olive oil proI produttori italiani hanno dovuto affrontare la stessa situazione critica.

Inoltre, la Fondazione Slow Food lo ha riconosciuto "il processo di produzione medio di olio extra vergine di oliva italiano di qualità sta diventando sempre più esigente per i produttori indipendenti, mentre il mercato globale premia sempre più oli di bassa qualità ".

Prendendo in considerazione la catastrofica raccolta 2014 e il Epidemia di Xylella fastidiosae in considerazione dell'enorme importanza giocato dall'extra vergine nella cultura alimentare italiana e nella dieta e stile di vita del Mediterraneo, l'olio extra vergine di oliva italiano merita di essere protetto e salvaguardato.

Durante l'evento di lancio, il presidente di Slow Food Italia Gaetano Pascale ha dichiarato: "Con il lancio di questo Presidio stiamo suonando un allarme: sempre più ulivi vengono gradualmente abbandonati a causa dell'aumento dei costi e dell'aumento della concorrenza. Il risultato è una perdita irreversibile della biodiversità. "

Trattandosi di un presidio nazionale, quindi non radicato in una regione specifica, diverse zone d'Italia tradizionalmente utilizzate per l'olivicoltura, saranno inclusi produttori dalla Liguria alla Sicilia e ci saranno rappresentanti regionali. Al momento il Presidio comprende 26 produttori, ma molti altri possono potenzialmente aderire se seguono i criteri fissati da Francesca Baldereschi, responsabile Presìdi Slow Food italiani.

Per partecipare al programma, gli oliveti devono coltivare cultivar locali e autoctone e devono gestire i loro oliveti senza l'uso di fertilizzanti sintetici o erbicidi (sono ammessi solo prodotti a basso impatto ambientale e nessun residuo nel prodotto finale). Sono richieste buone pratiche agronomiche per evitare l'erosione e le frane in caso di pendii o campi terrazzati e almeno l'80% degli alberi deve avere almeno 100 anni.

Infine, "i produttori devono utilizzare un'etichetta narrativa per raccontare e promuovere sufficientemente le loro storie, il territorio e il lavoro ".



Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti