Il produttore di pentole francese avverte i clienti di non cucinare con olio d'oliva

Tuttavia, alcuni esperti ritengono che il vero colpevole sia il rivestimento chimico, solitamente teflon, sulle pentole e padelle antiaderenti di Le Creuset.
Amsterdam, Paesi Bassi
Può. 3, 2022
Paolo De Andreis

Notizie recenti

Un rappresentante di Le Creuset ha inviato Olive Oil Times la seguente dichiarazione dopo la pubblicazione di questo articolo:

"Le pentole Le Creuset sono adatte per l'uso con molti grassi e oli diversi, tra cui olio d'oliva e altri oli vegetali, oli di semi e vegetali, grassi animali e lattiero-caseari, tra gli altri. I cuochi dovrebbero sentirsi liberi di scegliere in base alle preferenze personali e ai consigli sulla temperatura. L'uso corretto in base al punto di fumo di ciascun olio prolungherà le prestazioni delle nostre pentole e vi rimandiamo alle guide individuali per la cura e l'uso su lecreuset.com per tutti i nostri materiali."

Le Creuset ha risposto a un reclamo di un cliente affermando che le sue padelle e wok non dovrebbero essere usati cuocere con olio d'oliva perché tale uso potrebbe ridurne la durata.

Più specificamente, il produttore francese di pentole ha accusato il punto di fumo dell'olio d'oliva per tali danni.

Secondo un rapporto apparso per la prima volta sul Daily Mail e successivamente su The Telegraph, Le Creuset ha avvertito i suoi clienti "evitare di usare l'olio d'oliva” mentre si consiglia "oli con un punto di fumo più alto come l'olio di colza, olio di cocco e olio di semi di girasole”.

Vedi anche:I composti sani di EVOO sono ancora presenti dopo l'esposizione al calore

"L'olio d'oliva ha un punto di fumo molto basso e questo può formare una pellicola marrone sulla padella (olio bruciato), creando una barriera tra il cibo e la padella ", ha aggiunto l'azienda. "Lo consigliamo ogni tanto, a te strofinare l'olio da cucina intorno alla padella e lasciarlo mentre non è in uso. Ciò contribuirà a preservarne la qualità”.

Il Telegraph ha anche riferito che il famoso grande magazzino John Lewis ha esortato i suoi clienti a evitare l'olio d'oliva.

pubblicità

"Avvisiamo i clienti che l'olio d'oliva può carbonizzare su pentole di ceramica, lasciando un residuo ", ha affermato il negozio.

Secondo The Telegraph, Smeg, un produttore italiano di stoviglie, ha dichiarato: "si raccomanda di non permettere all'olio [di oliva] di fumare o bruciare. Grazie alle proprietà antiaderenti migliorate, il cibo può essere cucinato e fritto senza bisogno di olio.

"Non dovresti mai cucinare con l'olio d'oliva ", ha detto a The Telegraph Mark Greenaway, uno chef. "Dovrebbe essere usato solo per rifinire un piatto. Se ci cucini, il punto di fumo è così basso che rimuove il Teflon [un marchio per la sostanza chimica, politetrafluoroetilene] dalle padelle antiaderenti o 'pentole tradizionali di Burns.

"Se hai bisogno di fare affidamento sul sapore di un olio nel tuo cibo, probabilmente stai sbagliando qualcosa", ha aggiunto.

Cucinare con l'olio d'oliva gioca un ruolo significativo in molte tradizioni culinarie consolidate e internazionali a diverse latitudini, specialmente nei grandi paesi produttori di olio d'oliva, tra cui Spagna, Italia e Grecia.

Mentre olio extravergine d'oliva è anche ampiamente usato per rifinire piatti, esso e altro gradi di olio d'oliva hanno plasmato i sapori e le ricette del Dieta mediterranea per secoli.

Mentre è possibile utilizzare olio extravergine di oliva per la cottura al forno, soffriggere, grigliare, condire o fare zuppe e stufati, l'olio d'oliva può essere utilizzato anche per la frittura.

Recenti studi lo hanno dimostrato frittura con olio d'oliva vergine trasferirà alcune delle qualità salutari degli oli d'oliva al cibo, riducendo così l'impatto malsano del cibo fritto come le patatine fritte.

Il punto di fumo dell'olio extra vergine di oliva è stimato tra 180 ° C e 210 ° C, con oli extra vergini di oliva di qualità superiore che riportano soglie più elevate. Solo i metodi di cottura a calore più elevato richiederanno temperature superiori a questi limiti in una cucina casalinga.

La sicurezza del cibo cotto e la durata delle pentole potrebbero quindi essere attribuite alle caratteristiche degli utensili da cucina. In tale contesto, il rivestimento in teflon potrebbe giocare un ruolo decisivo.

Secondo la rivista scientifica italiana MyPersonalTrainer, il rivestimento in teflon è soggetto a pirolisi, che induce la decomposizione termochimica quando il politetrafluoroetilene supera i 260 ºC.

A 350 °C, si ritiene che il teflon subisca una robusta decomposizione rilasciando sottoprodotti potenzialmente tossici.

Ciò significa che, dato il punto di fumo dell'olio d'oliva facilmente individuabile, la cottura e la frittura con olio d'oliva in padelle teflonate consentirà ai cuochi di rispettare facilmente il rivestimento delle loro padelle ed esaltare la sicurezza e i sapori delle loro porzioni, ancora di più, quando viene applicato olio extravergine di oliva di alta qualità.



pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti