I produttori alimentari italiani non sono d'accordo sul piano "Made in Italy"

L'iniziativa, che mirava a distinguere i prodotti italiani genuini dai prodotti contraffatti e strappare miliardi di euro in vendite perse da merci mascherate da prodotti italiani, ha causato un'asperata divisione tra i produttori alimentari.

Giu. 13, 2017
Di Julie Al-Zoubi

Notizie recenti

Il governo italiano "La campagna Made in Italy ”rischia di essere demolita. Lungi dall'essere una ricetta per il successo, l'iniziativa, che mirava a distinguere i prodotti genuini italiani da quelli contraffatti e strappare miliardi di euro di mancate vendite a merci mascherate da prodotti italiani, ha causato aspre divisioni tra i produttori di alimenti.

Se apriamo la porta a prodotti con ingredienti stranieri, non stiamo parlando del vero Made in Italy. Questo non è il tipo di aiuto che stiamo cercando.- Riccardo Deserti, Formaggi Parmigiano Reggiano

Un acceso dibattito è nato su cosa "Made in Italy ”in realtà significava. I sostenitori della linea dura hanno insistito sul fatto che non dovrebbero essere ammessi ingredienti estranei, mentre altri produttori hanno sostenuto che era troppo rigoroso. La mancata concordanza dei criteri ha messo a rischio l'iniziativa, secondo fonti anonime del ministero del settore.

Una di queste fonti ha detto a Reuters, "Per ora non esiste una decisione definitiva sull'opportunità di proseguire con l'insegna del Made in Italy: lo stiamo studiando, stiamo facendo dei controlli tecnici. "La fonte senza nome ha aggiunto, "Lo lanceremo solo se soddisfa pienamente le richieste dei produttori ".

The "Campagna "Made in Italy" introdotto nel 2016 per certificare i prodotti alimentari italiani genuini. Un logo a forma di stella incorniciato da rami di ulivo e quercia sarebbe presente sui prodotti qualificanti, rendendo più facile per gli acquirenti identificare i prodotti italiani autentici da prodotti dall'aspetto italiano.

L'iniziativa mirava a recuperare circa 65 miliardi di dollari all'anno di vendite perse a causa di prodotti mascherati e aiutare le piccole imprese italiane. Secondo una società di marketing internazionale, Brand Finance, avrebbe aggiunto fino al cinque percento al valore aziendale delle aziende alimentari di piccole e medie dimensioni.

pubblicità

Massimo Pizzo, amministratore delegato italiano di Brand Finance, ha detto a Reuters, "Le aziende nazionali trarrebbero sicuramente vantaggio da un tale logo dato che l'Italia ha un'ottima reputazione nel settore alimentare e molte di loro non sono molto conosciute al di fuori del Paese ".

Un consorzio di produttori di formaggi italiani del Parmigiano Reggiano era tra i sostenitori della linea dura che insistevano su regole rigide. Riccardo Deserti, presidente del consorzio, ha detto a Reuters, "Se apriamo la porta a prodotti con ingredienti stranieri, non stiamo parlando del vero Made in Italy. Questo non è il tipo di aiuto che stiamo cercando. "

Il consorzio dei produttori di vino Prosecco ha preso una posizione simile, rifiutando l'idea che i prodotti realizzati con materiali stranieri venissero etichettati come italiani.

Altre aziende, tra cui il produttore di pasta Barilla, ritenevano che la produzione tradizionale italiana dovesse qualificare i produttori per il diritto di utilizzare il logo. 16 delle unità produttive 30 di Barilla sono all'estero; la società ha fabbriche negli Stati Uniti e in Russia.

Paolo Barilla, vicepresidente di Barilla ha detto a una conferenza sul cibo a marzo, "Siamo italiani, paghiamo le tasse in Italia e gestiamo i nostri stabilimenti esteri seguendo le regole della qualità italiana. ”

Oscar Farinetti, fondatore della catena alimentare italiana di fascia alta Eataly, ha detto a Reuters, "Sono totalmente d'accordo con l'idea di un segno Made in Italy. " Farinetti non sarebbe stato disegnato da che parte si trovava, ma nel punto vendita Eataly di Mosca, aperto di recente, alcuni dei suoi formaggi tra cui mozzarella e burrata dovevano essere fatti con ingredienti locali a causa dell'embargo su alcune importazioni alimentari europee.

Diversi consorzi in Italia dispongono già di rigide normative di marketing sui loro prodotti. Il vino Prosecco deve provenire da determinate regioni del nord Italia ed essere ottenuto esclusivamente da uve glera. Il Parmigiano Reggiano può essere prodotto solo da una ricetta precisa e realizzato all'interno di una determinata area intorno alla città di Parma.

Ci sono aziende situate in altri paesi, ma con radici italiane, che si sentono in diritto di promuovere i loro prodotti come italiani. Una di queste aziende è Fonterra, un'azienda lattiero-casearia neozelandese la cui gamma Perfect Italiano comprende parmigiano e mozzarella. L'azienda utilizza nomi italiani e presenta la bandiera italiana perché è stata lanciata da Natale Italiano, un italiano migrato in Australia negli anni '1920.

Un portavoce di Fonterra ha detto a Reuters, "Mentre il marchio è orgoglioso della sua eredità, il suo packaging si sta evolvendo a partire dalla bandiera italiana ",

Un'ulteriore chiave di volta sono state le norme dell'UE relative all'etichettatura del paese di origine. Ad esempio, secondo le norme dell'UE, le salsicce prodotte in Italia da carne importata potrebbero beneficiare dell'etichetta, mentre il prosciutto prodotto in uno stabilimento estero di un produttore italiano non lo sarebbe.



Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti