In Italia una Nuova Birra alle Foglie di Olivo

La Birra Olea è prodotta con foglie di olivo locali, che secondo il birraio conferiscono un sapore affumicato e antiossidanti.
Dicembre 8, 2021
Paolo De Andreis

Notizie recenti

Un produttore di birra locale ha stretto una partnership con gli olivicoltori di Coldiretti, una delle principali associazioni di agricoltori, per produrre Birra Olea vicino a Roma. Le foglie di olivo sono l'ingrediente chiave.

Provenienti dal Lazio orientale, parte del quale fatica a riprendersi da una lunga serie di terremoti che cinque anni fa hanno raso al suolo interi villaggi e distrutto gran parte dell'economia locale, la gente del posto vede l'annuncio come un nuovo inizio.

Puntiamo su birre che possano rappresentare il nostro territorio.- Claudio Lorenzini, Birrificio Alta Quota di Rieti

Coldiretti ha affermato che la produzione della birra richiede centinaia di chilogrammi di foglie di olivo. Le foglie provengono direttamente dalla potatura degli alberi situati vicino al birrificio. Coldiretti ha aggiunto che la birra è un esempio di economia circolare e una specialità locale.

"Negli ultimi anni abbiamo lavorato per produrre le nostre birre utilizzando solo ingredienti 100% italiani; la maggior parte sono prodotti [dal birrificio]”, ha detto Claudio Lorenzini, titolare del birrificio Alta Quota di Rieti e inventore di Birra Olea. "Allo stesso tempo puntiamo su birre che possano rappresentare il nostro territorio”.

Vedi anche:Cibo e cucina

Il profilo aromatico del prodotto finale presenta un gusto affumicato, che il birrificio attribuisce alle foglie di olivo. L'uso delle foglie nel processo di birrificazione significa anche che la birra contiene polifenoli, potenti antiossidanti.

Inoltre, Coldiretti ha aggiunto che le foglie giocano un ruolo nell'equilibrare l'amaro e l'acidità della birra. Altri ingredienti più tradizionali sono acqua, malto d'orzo, malto di frumento, luppolo e lievito.

Il nuovo prodotto "rappresenta una prelibatezza locale che rispetta i nostri standard di qualità e parametri di specificità”, ha scritto David Granieri, presidente di Coldiretti Lazio. “[È] un esperimento che ha avuto i migliori risultati; qualcosa di nuovo sia per il Lazio che per tutto il Paese”.

cucinare-con-l'olio-in-italia-una-nuova-birra-alle-foglie-di-oliva-tempi-di-oliva

Birra Alta Quota

"La birra artigianale è un prodotto in rapida espansione sia nella reputazione che nel consumo", ha aggiunto. "La scelta di produrlo con foglie di olivo unisce due filiere di prodotto e dà vita a un messaggio speciale per una città di tale rilevanza come Roma”.

La regione dove i coltivatori producono il rinomato olio extra vergine di oliva della Sabina, che ha un Denominazione d'origine protetta (DOP) dell'Unione Europea, si estende per circa 60 chilometri da Rieti a Roma.

Forte di una tradizione olivicola di 2,600 anni, il Consorzio della Sabina DOP festeggia i suoi 25th anniversario quest'anno.

La DOP è una miscela di diverse cultivar di olive: Carboncella, Leccino, Raja, Frantoio, Olivastrone, Moraiolo, Olivago, Salviana e Rosciola. Le foglie di queste varietà vengono ora utilizzate per produrre la nuova birra.

Anche la Coldiretti ha elogiato la nuova iniziativa per la sua importanza, visto il travagliato passato recente della zona.

"Ci è piaciuto molto il messaggio legato al concetto di un nuovo inizio visto che Alta Quota si trova a Cittareale, nel cuore della zona colpita”, ha concluso Granieri. "[È] un'azienda che è stata colpita dal terremoto ma ha comunque trovato la forza e il coraggio di rimettersi in piedi e ricominciare tutto da capo, puntando su innovazioni come questo prodotto".



Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti