Xylella si diffonde oltre le zone cuscinetto in Puglia

L'agente patogeno mortale si sta diffondendo meno rapidamente con l'arrivo di nuove tecnologie, migliorando le capacità di monitoraggio.
Salento, Puglia
Ottobre 27, 2022
Paolo De Andreis

Notizie recenti

La diffusione di Xylella fastidiosa in Puglia, la regione del sud Italia, ha rallentato ma non si è fermato. Segni dell'infezione sono stati trovati in alcuni ulivi situati in una zona precedentemente considerata sicura.

I risultati delle ultime operazioni di monitoraggio mostrano che il micidiale patogeno dell'olivo ha infettato 19 ulivi nei pressi di Polignano a Mare, cittadina costiera non lontana da Bari, capoluogo della regione.

Gli alberi appena infettati si trovano a poche centinaia di metri da una delle loro cosiddette zone cuscinetto, il raggio attentamente monitorato attorno alle piante infette.

Gli enti locali monitorano la diffusione di Xylella fastidiosa hanno detto di aver trovato un altro albero infetto vicino a Castellana Grotte, a circa 15 chilometri a sud di Polignano. L'albero rientra ancora nella zona cuscinetto locale, ma dista solo cinque metri dal suo confine esterno.

Vedi anche:L'azienda lituana cerca il brevetto per un farmaco per prevenire la Xylella

Il monitoraggio costante di Xylella fastidiosa ha consentito alle autorità di monitorarne la diffusione negli ultimi anni, consentendo di allocare efficacemente le risorse ai luoghi più vulnerabili.

Il monitoraggio ha anche consentito alle autorità di valutare l'efficienza delle numerose procedure emanate per limitare il popolazione dei principali insetti vettori, che sono i principali responsabili della diffusione dei batteri mortali.

pubblicità

Insieme agli ulivi, Xylella fastidiosa infetta circa 300 altre specie vegetali, aumentando la complessità del mantenimento di un'infezione efficace e delle zone cuscinetto.

Gli esperti locali hanno affermato che la scoperta degli alberi appena infetti dimostra la necessità di un monitoraggio più completo e rapido.

"La precoce individuazione dei batteri e le misure di contenimento adottate in tutta la regione sembrano aver rallentato la diffusione”, ha affermato Donato Boscia, responsabile dell'Istituto pugliese per la protezione sostenibile delle piante del Consiglio nazionale delle ricerche (CNR-Ipsp), che è stato tra i primi scienziati a concentrarsi sulla Xylella fastidiosa in Italia.

"Ciò di cui abbiamo bisogno sono strumenti rapidi e affidabili per diagnosticare e intervenire tempestivamente come un modo per fermare l'epidemia per la quale attualmente non esiste un trattamento in grado di riportare le piante infette a uno stato normale", ha aggiunto.

A tal fine, i ricercatori hanno affermato di aver sviluppato una nuova tecnologia di rilevamento in grado di rendere le operazioni di monitoraggio più rapide ed efficienti in termini di costi.

I ricercatori del CNR-Ipsp, dell'Istituto di fotonica e nanotecnologie dell'Università di Bari e Agritest hanno ideato quello che descrivono come un "biosensore.”

"È un dispositivo elettronico che sta nel palmo della tua mano e può essere collegato tramite Bluetooth a un dispositivo smart", ha detto Eleonora Macchia, ricercatrice dell'Università di Bari e coautrice dello studio. Olive Oil Times.

"È in grado di analizzare quantità molto piccole di succo d'oliva, appena sopra i 100 microlitri ", ha aggiunto. "L'analisi può dire con una precisione del 99 percento se anche un solo batterio Xylella si trova nel campione di fluido dell'olivo. "

Vedi anche:È improbabile che la Francia elimini la Xylella, rileva il rapporto

Il prototipo impiega circa 30 minuti per eseguire il test sul campo, molto meno delle due o tre ore che l'attuale metodo di reazione a catena della polimerasi quantitativa (qPCR) richiede in laboratorio.

I suoi creatori hanno affermato che il nuovo dispositivo ridurrebbe notevolmente i costi e il tempo necessari per testare un ulivo. "I costi sono notevolmente ridotti in quanto le piattaforme elettroniche sono convenienti e anche il consumo di reagenti è ridotto al minimo", ha affermato Macchia.

Secondo i ricercatori, chi pubblicato loro risultati in Advanced Science, il prototipo può anche rilevare le infezioni da Xylella fastidiosa nelle piante asintomatiche.

"Ciò ci offre un notevole vantaggio in quanto sposta la diagnosi in una fase precedente, in cui è possibile applicare la medicina preventiva”, ha affermato Macchia.

La sua affidabilità e altre qualità potrebbero consentire alle autorità di estendere le loro operazioni di monitoraggio. "Questo è uno dei primi obiettivi, in quanto potrebbe essere utilizzato per lo screening di grandi numeri con un metodo minimamente invasivo e a basso costo", ha affermato.

Tuttavia, Macchia ha avvertito che i team di monitoraggio avrebbero avuto bisogno di tempo per adottare il dispositivo. "Ci stiamo lavorando il più velocemente possibile; speriamo che questo prototipo faccia la differenza nei prossimi anni", ha aggiunto.

Le autorità locali stanno attualmente cercando di sostenere i coltivatori in difficoltà destinare fondi pubblici per alleviare il ricaduta economica della diffusione di Xyella fastidiosa.

A metà ottobre, Donato Pentassuglia, segretario all'agricoltura della Puglia, ha confermato che entro la fine dell'anno saranno disponibili nuovi fondi per gli olivicoltori delle province di Lecce e Brindisi e diversi altri comuni di Taranto. Alcuni dei potenziali beneficiari si erano lamentati del lento iter burocratico.

Il sostegno è una parziale compensazione per le perdite accumulate tra il 2018 e il 2019 e andrà ai coltivatori i cui volumi di produzione sono diminuiti di oltre il 30% a causa dell'infezione.

Circa 500 aziende nel olive oil profiliera hanno ricevuto compensi per soli 4 milioni di euro contro i 51.5 milioni di euro attualmente disponibili.



Advertisement

pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti