Il protocollo di contenimento della Xylella Fastidiosa si rivela efficace in Puglia

I boschetti che seguono il protocollo di trattamento per prevenire la diffusione della malattia sono sani e producono olio d'oliva pluripremiato.

Oliveti vicino a Otranto devastati da Xylella fastidiosa nel giugno 2022
Agosto 1, 2022
Di Paolo DeAndreis
Oliveti vicino a Otranto devastati da Xylella fastidiosa nel giugno 2022

Notizie recenti

Sette anni dopo l'implementazione di un protocollo combinando trattamenti biologici con una serie di altre pratiche agricole, gli uliveti trattati dimostrano resilienza a Xylella fastidiosa.

In Puglia, la più grande regione produttrice di olio d'oliva d'Italia, che è stata il punto zero per la devastante epidemia di Xylella fastidiosa del paese, dozzine di boschetti rimangono produttivi come sempre. 

Con questo protocollo Xylella diventa per l'olivo ciò che la peronospora è per la vite.- Marco Scortichini, ricercatore olivicolo, Consiglio Italiano per la Ricerca e l'Economia Agraria

Gli alberi sono sani e producono pluripremiato olio extra vergine di oliva. Un agricoltore coinvolto nel protocollo ha vinto Gold Awards nelle edizioni 2020 e 2021 del NYIOOC World Olive Oil Competition.

I risultati del dispiegamento del protocollo sono stati presentati al 14th Conferenza internazionale sui batteri patogeni delle piante ad Assisi dai ricercatori che studiano la diffusione dei batteri mortali dell'olivo, che causa la sindrome del rapido declino delle olive.

Vedi anche:Nuovo Aiuti Finanziari per Mugnai Pugliesi Paralizzati di Xylella Fastidiosa

"Il protocollo sta funzionando. Se correttamente implementato, fornisce una prevenzione sicura, uno scudo contro gli effetti della Xylella ", ha detto Marco Scortichini, ricercatore capo per olive e colture frutticole presso il Consiglio italiano per la ricerca e l'economia agricola Olive Oil Times.

Scortichini e altri ricercatori hanno pubblicato due studi sulle riviste scientifiche Phytopathologia Mediterranea e Pathogens in 2018 e 2021, a dimostrazione dei risultati della strategia di controllo adottata nel Salento, il territorio pugliese più colpito dalla Xylella fastidiosa.

pubblicità

Durante la conferenza, Scortichini ha affermato che la concentrazione di batteri Xylella fastidiosa negli alberi infetti e trattati è diminuita significativamente nel tempo, fino al 50% in meno rispetto agli alberi infetti e non trattati.

Il protocollo richiede agli agricoltori di farlo rimuovere la vegetazione che fornisce riparo ai noti vettori di malattie, come il beccuccio di prato

Viene inoltre chiesto loro di potare e irrorare periodicamente i loro alberi con un trattamento antibatterico organico che ha efficacemente ridotto la diffusione della Xylella fastidiosa. 

In una regione in cui l'olivicoltura è tanto una tradizione familiare quanto un'attività economica, non tutti i piccoli agricoltori sono disposti a seguire un approccio sistematico al quale le aziende agricole e le aziende più grandi possono adattarsi più facilmente.

"Mentre il protocollo non funziona, il fallimento è sempre associato a un approccio inefficiente, in cui si perde la conformità", ha affermato Scortichini. "Dobbiamo cambiare la loro mentalità, migliorare la professionalità ed essere coerenti”.

L'agente antibatterico argina la diffusione della malattia nell'albero infetto. Tuttavia, non elimina l'infezione. I ricercatori stanno ancora studiando fino a che punto un olivo trattato, mantenuto sano e produttivo dal protocollo, potrebbe diventare una fonte di ulteriore infezione. 

"Con questo protocollo, Xylella diventa per l'olivo ciò che la peronospora è per la vite", ha affermato Scortichini. "Affinché il contenimento funzioni, è necessario distribuire il trattamento ogni anno e ogni mese tra marzo e settembre". 

"Sviluppando il protocollo, l'obiettivo non era sradicare la Xylella, poiché è un obiettivo irrealizzabile, ma controllarlo in modo simile ad altre malattie delle piante", ha aggiunto.

I boschetti trattati spiccano nella regione colpita da Xylella; i loro alberi vantano una chioma verde e sana, spesso circondata dai resti di frutteti devastati dalla Xylella fastidiosa.

business-europe-production-xylella-fastidiosa-protocollo-di-contenimento-dimostrato-efficace-in-puglia-olive-times

Un'azienda agricola di 10 ettari a Nardò nel luglio 2019. Gli alberi infetti da Xylella si trovano nella parte superiore della foto, mentre gli alberi trattati sono in basso.

business-europe-production-xylella-fastidiosa-protocollo-di-contenimento-dimostrato-efficace-in-puglia-olive-times

Questa foto della stessa fattoria del giugno 2022 mostra che gli alberi trattati rimangono sani. Quelli infetti sono stati rimossi e sostituiti con pomodori.

"Battere Xylella non è però a basso costo”, Francesco Paolo D'Urso, titolare della Masseria Curtimaggi, due volte NYIOOC vincitore del premio, ha detto Olive Oil Times.

L'azienda agricola D'Urso si estende per 250 ettari, dove coltiva circa 40,000 ulivi. L'azienda ha iniziato ad applicare il protocollo nel 2016, due anni dopo la prima scoperta di Xylella nella regione.

"Da allora, ogni anno devo procedere più volte a trattare i miei alberi e il prodotto biologico da solo mi costa tra i 35,000 e i 40,000 euro – da 150 a 160 euro per ettaro – il che significa che riduce notevolmente il nostro reddito finale”, ha disse.

Il prezzo del trattamento varia tra i 10 ei 15 euro al litro, cosa che la D'Urso ritiene possa aver dissuaso alcuni piccoli agricoltori dall'applicarlo ogni anno. 

Tuttavia, ha aggiunto che la vista dei suoi ulivi infettati da Xylella è troppo dolorosa da sopportare, motivo per cui paga prontamente per il trattamento.

"Esplorando dozzine di casi in cui è stato applicato il protocollo, abbiamo stabilito che il suo successo deriva dalla coerenza dei trattamenti, dalla potatura e dalla riduzione degli insetti vettori tra febbraio e maggio", ha affermato Scortichini.

"Dai proprietari di piccole e medie aziende e agli appassionati coltivatori part-time a contesti professionali, come un podere di 10 ettari a Nardò o l'azienda D'Urso, chi segue il protocollo raccoglie in media dai 30 ai 40 quintali [300 a 400 chilogrammi] per ettaro", ha aggiunto.

In una regione in cui la Xylella fastidiosa ha ucciso centinaia di migliaia di alberi in meno di un decennio, gli agricoltori che stanno attivamente applicando il protocollo coprono una superficie complessiva di 200,000 ettari. 

"Coltivano le tradizionali cultivar locali; nulla è cambiato, come Cellina di Nardò o Ogliarola”, ha detto la D'Urso. "Grazie a un'area di trattamento così ampia, ora possiamo vedere i risultati del protocollo".

business-europe-production-xylella-fastidiosa-protocollo-di-contenimento-dimostrato-efficace-in-puglia-olive-times

Oliveti vicino a Otranto devastati da Xylella nel giugno 2022

"Quando abbiamo iniziato a implementare il protocollo, Xylella stava facendo notizia", ​​ha aggiunto. "C'erano stati alcuni casi non lontano da noi e ci sono stati incontri con agricoltori ed esperti per approfondire la situazione". 

"Da allora, intorno a noi, ci sono stati così tanti alberi morti, così tanti frutteti hanno visto diminuire la loro produttività e i loro alberi si sono ammalati a causa di Xylella”, ha continuato la D'Urso.

Una delle sfide che hanno messo alla prova la resilienza degli agricoltori locali è stata la gestione degli uliveti abbandonati o semi-abbandonati, dove questi trattamenti non vengono applicati.

"Molti grandi proprietari terrieri non hanno mantenuto le loro proprietà e ciò ha reso più facile la moltiplicazione dell'insetto vettore", ha affermato D'Urso. "All'inizio molti si opposero all'idea di rimuovere le piante infette". 

Le leggi e i regolamenti regionali e nazionali ora richiedono ai proprietari terrieri di seguire queste pratiche. 

Secondo la D'Urso, tra i vantaggi del protocollo c'è la sua efficacia nel combattere un altro importante parassita, il mosca di frutta d'oliva.

"Abbiamo visto che applicando quel protocollo e aggiungendo alcune altre soluzioni organiche, possiamo frenare drasticamente la riproduzione della mosca dell'olivo ", ha affermato.

Anche i ricercatori dell'Università di Padova hanno confermato le sue osservazioni. 

"Lavorando in condizioni di laboratorio per ridurre la mosca della frutta delle olive, hanno implementato una serie di soluzioni sostenibili e prodotti convenzionali ", ha affermato Scortichini. "Hanno scoperto che il prodotto antibatterico Xylella è efficiente quasi quanto le sostanze chimiche utilizzate da tempo".

"Il motivo è la carica antibatterica del prodotto, che uccide i batteri le cui proteine ​​nutrono le larve dei moscerini della frutta", ha aggiunto. 

Il trattamento antibatterico si è dimostrato efficace anche contro la cimice marmorata marrone, che ne è responsabile danneggiando gli uliveti nell'Europa meridionale e molte altre colture. 

Secondo Scortichini e D'Urso, il protocollo di trattamento della Xylella dovrebbe continuare ad essere esplorato per prevenire ulteriori danni. 

"Potrebbe non essere la soluzione definitiva, ma può far parte di uno sforzo più ampio”, ha affermato la D'Urso. "Recentemente è stato scoperto che due dei nostri alberi sono potenzialmente infettati da nuovi sistemi di rilevamento aereo in grado di scansionare rapidamente centinaia di alberi per rivelarne quelli potenzialmente infetti". 

"Dopo la scansione, gli esperti sono venuti nei nostri campi per prelevare campioni e ora stiamo aspettando di conoscere il risultato delle loro analisi, per sapere se Xylella è stata trovata", ha aggiunto.

Le sfide più significative per i coltivatori locali sono quelle relativamente basse olio extravergine d'oliva prezzi rispetto ai massimi storici tra il 2016 e il 2018 e le norme applicate nelle zone colpite da Xylella che non tengono conto dei metodi di prevenzione individuali adottati dagli agricoltori. 

"Le autorità locali chiedono ora agli agricoltori di applicare un prodotto a base di piretro che può arrivare a costare fino a 70 euro al litro”, ha concluso la D'Urso. "Un trattamento obbligatorio la cui logica è incomprensibile per un'azienda agricola come la nostra, dove Xylella è stata contenuta attivamente ed efficacemente per diversi anni ormai».


Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti