Il presidente tunisino festeggia il compleanno di 90th ospitando la conferenza 2020

2020 non è stato il primo tentativo della Tunisia di attirare gli investitori internazionali. In 2014 la Tunisia ha ospitato "Invest in Tunisia" che non è riuscita a sedurre il denaro straniero.

Dicembre 13, 2016
Di Julie Al-Zoubi

Notizie recenti

Il presidente tunisino Beji Caid Essebsi ha girato 90 mentre ha aperto la conferenza tunisina 2020 a novembre 29. La conferenza mirava ad attirare $ 60 miliardi di investimenti stranieri in Tunisia. Dal momento che il Rivoluzione dei gelsomini, in 2011 intorno a 500 compagnie straniere hanno lasciato la Tunisia a causa di interruzioni causate da proteste e sit-in.

Tunisia 2020, che si è svolta dal 29 al 30 novembre, è stato un tentativo di riavviare gli investimenti esteri in Tunisia. Gli investimenti esteri sono scesi da $ 3.5 miliardi nel 2010 a $ 2 miliardi nel 2015. Nel suo discorso di apertura, Essebsi ha affermato: "La Tunisia sta attraversando una fase molto particolare e richiede un livello di supporto di cui normalmente non avrebbe bisogno ".
Vedi anche:Altri articoli sulla Tunisia
Il 2020 non è stato il primo tentativo della Tunisia di attirare gli investitori internazionali. Nel 2014, la Tunisia ha ospitato 'Investire in Tunisia "che non è riuscito a sedurre gli investitori stranieri.

Una nuova legge sugli investimenti è stata approvata a settembre per facilitare gli investimenti esteri in Tunisia. La legge allenterà la burocrazia e faciliterà le restrizioni al trasferimento di fondi dalla Tunisia. In base alla nuova legge, le società straniere beneficeranno di utili esenti da imposte su importanti progetti per 10 anni.

La Tunisia è stata paralizzata dagli scioperi negli ultimi cinque anni. A settembre, il Gran Mufti tunisino Sheikh Othman Battikh si è espresso controverso, chiedendo la fine delle proteste e dei sit-in. Ogni settore della forza lavoro, da insegnanti e tassisti agli avvocati, è ricorso allo sciopero. Il sindacato generale tunisino del lavoro (UGTT) ha chiesto uno sciopero generale l'8 dicembre contro le proposte di congelamento dei salari nel bilancio 2017.

L'economia tunisina ha subito un duro colpo dagli attacchi terroristici nel 2015. Il turismo è crollato dopo 20 morti al Museo del Bardo e 37 turisti che hanno perso la vita nel Massacro sulla spiaggia di Sousse.

pubblicità

Il governo tunisino ha dichiarato lo stato di emergenza nel novembre 2015 a seguito di un attentato suicida su un autobus a Tunisi. Lo stato di emergenza è continuato e sarà in vigore fino al 19 gennaio 2017.

Il primo giorno della conferenza ha visto $ 8 miliardi impegnati in prestiti e aiuti. I fondi provenivano da partner regionali e occidentali tra cui Francia, Canada, Qatar, Kuwait, Svizzera, Turchia e Arabia Saudita.

Gran parte del finanziamento è venuto sotto forma di prestiti piuttosto che dell'investimento desiderato. Secondo l'analista economico Ezzedine Saidane, "Gran parte era destinata a prestiti per progetti. Non abbiamo sentito molto parlare degli investimenti ". Saidane ha aggiunto, "I prestiti vanno bene, ma aumenteranno anche il debito della Tunisia ". Il ministro degli investimenti tunisino Fadhel Abdelkefi ha concordato, "Non abbiamo bisogno di prestiti tanto quanto abbiamo bisogno di investimenti. "

Il 2020 ne ha presentati due olive oil proprogetti in cerca di investimenti: 7 milioni di euro sono stati chiesti per finanziare un progetto che avrebbe portato i posti di lavoro tanto necessari a Kasserine. L'impresa produrrebbe olio d'oliva biologico e non. I fondi sarebbero utilizzati per piantare 100 ettari di ulivi e costruire una moderna unità di lavorazione e confezionamento.

Un secondo progetto volto a promuovere l'olio d'oliva tunisino sui mercati internazionali ha richiesto 80 milioni di euro per piantare 10,000 ettari di uliveti e costruire un'unità di lavorazione e confezionamento. Questa attività creerebbe 2,500 posti di lavoro a Beja, Bizerte, Jendouba, Kasserine, Le kef e Siliana.

La disoccupazione in Tunisia si attesta intorno allo 15.5 percento con tassi più elevati tra i giovani e nelle aree rurali.

Alla Tunisia 2020 hanno partecipato capi di stato, istituzioni internazionali e uomini d'affari dei paesi 70. La conferenza aspirava a promuovere la Tunisia come destinazione commerciale attraente e a finanziare investimenti.

Essebsi è diventato il primo presidente tunisino liberamente eletto a dicembre 2014. La sua elezione ha suscitato preoccupazioni tra molti sul fatto che la Tunisia sarebbe tornata al vecchio stabilimento. Essebsi aveva prestato servizio sotto il presidente espulso Ben Ali e aveva ricoperto la carica di ministro degli Interni durante la presidenza di Habib Bourghiba.

Essebsi divenne il terzo capo di stato più antico del mondo durante la Tunisia 2020. Resta da vedere se la conferenza ha attratto abbastanza nuovi investimenti stranieri in Tunisia per rimettere in piedi il paese.



pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti