L'industria olearia tunisina raggiunge nuove vette

L'olio d'oliva tunisino è fiorente dopo la decisione europea di rinunciare alle tasse sulle importazioni di petrolio tunisine e di concedere un sostanziale aiuto finanziario al paese.

Dicembre 15, 2016
Di Reda Atoui

Notizie recenti

Il settore dell'olio d'oliva tunisino è fiorente e mostra una crescita sbalorditiva, in particolare a causa della decisione dell'Unione europea di rinunciare alle tasse sulle importazioni di olio tunisino e di concedere un notevole aiuto finanziario al paese. Il settore sta inoltre beneficiando della domanda globale in continua crescita.

Tempi eccezionali richiedono misure eccezionali.- Federica Mogherini, Alto rappresentante dell'UE

La misura dell'UE sulle importazioni di olio d'oliva tunisino ha fatto seguito all'attacco terroristico alla località balneare di Sousse l'anno scorso, che ha causato la morte di trentotto persone. Federica Mogherini, capo della politica estera dell'UE, ha giustificato la decisione affermando: "Tempi eccezionali richiedono misure eccezionali. "
Vedi anche:Altri articoli sulla Tunisia
La Tunisia rimane uno degli alleati più importanti dell'Europa nel mondo arabo, strategicamente parlando, e ancor di più dopo la Rivoluzione dei Gelsomini. Il movimento di resistenza civile iniziato il 17 dicembre 2010 dopo che Muhammad Bouazizi, un venditore ambulante di frutta e verdura che si è dato fuoco dopo che le autorità locali hanno confiscato il suo carrello e abusato di lui verbalmente e fisicamente, si è rapidamente trasformato in una rivoluzione più grande che ha portato alla cacciata dell'allora presidente Zine El Abidine Ben Ali ventotto giorni dopo.

Da allora il paese è passato a una democrazia attraverso cambiamenti strutturali. Tali eventi hanno fortemente influenzato l'economia e la geopolitica della nazione e l'Unione Europea è rimasta vigile sull'evoluzione della Tunisia.

Inoltre, la attacco terroristico di Sousse e un altro che ha colpito il Museo del Bardo di Tunisi ha avuto un forte impatto sul settore turistico della Tunisia, rendendo il paese ancora più dipendente dalle esportazioni di olio d'oliva. La minaccia terroristica in Nord Africa è aumentata negli ultimi anni, preoccupando ancora di più i partner economici della Tunisia.

L'UE cerca di renderlo un partner privilegiato nel mondo arabo con la speranza che aiuti a stabilizzare il paese. Di conseguenza, l'Unione europea ha allentato le restrizioni sulle importazioni di olio d'oliva tunisino dalla scorsa primavera.

pubblicità

Trentacinquemila tonnellate di Olio d'oliva tunisino sono stati esportati nell'Unione Europea negli ultimi due anni, esenti da tasse e miliardi sono stati spesi dall'UE dalla Rivoluzione Jasmine per dare impulso all'economia tunisina; l'aiuto finanziario potrebbe raggiungere presto € 300 milioni all'anno.

Quasi il tre percento della popolazione lavora nel settore dell'olio d'oliva, una cifra enorme che mostra la forte dipendenza della Tunisia dalle esportazioni di petrolio. La misura dell'UE rappresenta un'opportunità d'oro per i coltivatori tunisini, ma una minaccia diretta per i loro omologhi europei.

Molti olivicoltori italiani hanno parlato della loro opposizione alle mosse finanziarie dell'UE, una posizione paradossale considerando il numero di aziende che realizzano alti profitti mescolando olio d'oliva tunisino con il proprio ed etichettandolo "Fatto in Italia."

L'economia dell'olio d'oliva tunisina sta esplodendo a livelli senza precedenti. Ha esportato 20,000 tonnellate di olio d'oliva nel 2015 rispetto alle sole 400 tonnellate di dieci anni fa, una tendenza brillante che non mostra segni di rallentamento.



pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti