I funzionari tunisini vedono un futuro brillante per l'industria locale dell'olio d'oliva

Mentre i produttori affrontano molte sfide, soprattutto a causa dei cambiamenti climatici, le esportazioni di olio d'oliva tunisino continuano a guadagnare terreno nei mercati internazionali.

Foto: Bulla Reggia
Di Paolo DeAndreis
28 marzo 2023 19:11 UTC
577
Foto: Bulla Reggia

Gli sforzi in corso per espandere la produzione tunisina di olio d'oliva hanno portato il paese ad aumentare significativamente il numero di uliveti negli ultimi decenni, aumentando le esportazioni.

L'Ufficio nazionale dell'olio d'oliva tunisino (ONH) ha affermato che la superficie dell'oliveto è aumentata da 1,743,000 ettari nel 2011 a 1,960,000 nel 2022.

Il nostro obiettivo principale è come aggiungere valore alle esportazioni. Questo è anche il motivo per cui ci concentriamo sulla crescita dell'olio d'oliva in bottiglia e sulle esportazioni di olive biologiche. Ecco come si svilupperà.- Hamed Daly Hassen, CEO, Ufficio nazionale dell'olio d'oliva

"Prevediamo ulteriori aumenti rilevanti della superficie complessiva nei prossimi tre anni ", ha dichiarato Hamed Daly Hassen, amministratore delegato dell'ONH Olive Oil Times.

Secondo ONH, la Tunisia ha prodotto una media annua di 205,000 tonnellate di olio d'oliva nell'ultimo decennio, circa il sette percento di tutta la produzione globale. Dal 2001 al 2010 le rese medie annue sono state di circa 137,000 tonnellate.

Vedi anche:L'aumento dei prezzi espone un potenziale non sfruttato per le esportazioni tunisine

"Uno dei fattori trainanti della crescita della produzione tunisina è l'impianto di nuovi oliveti ", ha affermato Hassen. "L'altra chiave è il cambiamento climatico e come esso colpisce l'olivicoltura tradizionale nel paese."

Hassen ha affermato che circa il 93 percento degli uliveti tunisini è alimentato dalla pioggia. "Ciò significa che sono fortemente colpiti dalla siccità", ha affermato. "Negli ultimi tre anni, il fenomeno ha colpito le colture in aree come Sfax, dove si trova la maggior parte della produzione di olive tunisine".

Inoltre, una grande percentuale di ulivi alimentati dalla pioggia nel paese ha almeno 100 anni. La loro resa non è paragonabile al potenziale produttivo degli alberi più giovani.

"Il ringiovanimento delle colture olivicole è uno dei problemi che i produttori devono affrontare ", ha dichiarato Fahd Ben Ameur, responsabile marketing dell'esportatore tunisino di olio d'oliva Bulla Regia Olive Oil Times.

Ha indicato che la scarsità d'acqua ha esacerbato gli effetti del ciclo naturale di produzione alternata degli ulivi.

"È facile da notare", ha detto Ben Ameur. "Negli anni bassi, quando le precipitazioni sono scarse, quasi il 40 per cento della produzione proviene dai pochi oliveti irrigati del Paese. In una stagione abbondante, il loro contributo si riduce a meno del 10 per cento”.

Secondo l'ONH, il consumo di olio d'oliva tunisino rimane ben al di sotto del suo potenziale, limitato a 30,000 a 35,000 tonnellate all'anno. I funzionari dell'ONH hanno affermato che ciò è dovuto principalmente al prezzo dell'olio d'oliva e la concorrenza degli oli più economici disponibili sul mercato.

Aumentare la consapevolezza dei consumatori su benefici per la salute dell'olio d'oliva è l'obiettivo degli attuali sforzi di ONH per promuovere il prodotto, insieme all'aggiunta di valore al crescente profilo dell'olio d'oliva tunisino sui mercati internazionali.

A causa del basso consumo interno, il paese esporta la stragrande maggioranza della sua produzione. In media, la Tunisia ha esportato 175,000 tonnellate all'anno negli ultimi 10 anni, rendendola uno dei più importanti esportatori mondiali di olio d'oliva.

Una delle chiavi della crescita delle esportazioni del paese è l'investimento nella qualità dell'olio d'oliva negli ultimi 30 anni. L'ONH ha affermato che nel 30 solo il 1990% dell'olio d'oliva prodotto nel paese era di qualità extra vergine. Ora, questa cifra supera il 70%.

Da quando il settore delle esportazioni si è esteso alle società private nel 1996, le spedizioni estere sono cresciute.

"Una delle tendenze rilevanti che stiamo notando nell'ultimo decennio è la crescita esponenziale dell'olio d'oliva in bottiglia di marca, mentre le tradizionali esportazioni tunisine avvengono ancora all'ingrosso ", ha affermato Ben Ameur. "Molti credono che il futuro dell'olio d'oliva tunisino sia nel prodotto in bottiglia.

pubblicità
pubblicità

L'ONH e le organizzazioni locali hanno spinto a lungo crescita delle esportazioni di olio d'oliva di marca e in bottiglia, in quanto ciò contribuisce ad aumentare il valore del prodotto sul mercato internazionale.

"La crescita annuale della produzione di olio d'oliva in bottiglia nel paese nell'ultimo decennio è stata di circa il 10% ", ha affermato Hassen.

Lo sono anche le esportazioni di olio d'oliva biologico in aumento. "La produzione biologica nel 2021 ha superato le 105,000 tonnellate e ha rappresentato il 44% della produzione del Paese", ha affermato Hassen. "Era il 10% nel 2012, "Hassen ha detto. "Nel 2021, il 28 percento delle esportazioni di olio d'oliva era biologico.

L'ONH ha detto nel anno di raccolto in corso, circa 30,000 tonnellate di olio d'oliva confezionato sono state esportate da una produzione stimata di 190,000 tonnellate. "Ciò dimostra che gli sforzi delle istituzioni pubbliche e delle aziende private stanno dando i loro frutti", ha affermato l'ONH.

"Il nostro obiettivo principale è come aggiungere valore alle esportazioni", ha aggiunto Hassen. "Questo è anche il motivo per cui ci concentriamo sulla crescita dell'olio d'oliva in bottiglia e sulle esportazioni di olive biologiche. Ecco come si svilupperà".

Hassen ha notato come gli sforzi per espandere l'olio d'oliva confezionato e aumentare la sua percentuale di esportazioni siano iniziati nel 2007.

"Gli sforzi sono andati avanti nonostante diverse difficoltà, principalmente legate all'elevata volatilità dei prezzi dell'olio d'oliva nei mercati internazionali e all'aumento dei costi di produzione nazionali ", ha affermato Hassen.

Mentre gli Stati Uniti e il Canada rimangono due delle destinazioni più importanti per le esportazioni di olio d'oliva tunisino, una parte significativa ha attraversato il Mediterraneo verso l'Unione Europea. La chiave è il accordo duty-free, che copre fino a 56,700 tonnellate di esportazioni tunisine.

"Quella quota è stata completamente utilizzata negli ultimi anni con l'aumento della domanda da parte degli importatori europei, soprattutto spagnoli e italiani", ha osservato Hassen.

Secondo l'ONH, l'accordo con l'Unione europea dovrebbe essere rivisto, data la qualità dell'olio d'oliva tunisino.

"Nel 2016, il Parlamento europeo ha adottato un regolamento che ha sostituito le quote mensili con una quota annuale", ha affermato Hassen.

"Questa decisione ha aumentato la flessibilità degli operatori europei per massimizzare le loro importazioni di olio d'oliva esenti da dazio dalla Tunisia, ma non facilita lo sviluppo del valore aggiunto dell'olio d'oliva tunisino ", ha concluso.


Condividi questo articolo

pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati