Gli scioperi dei trasporti in Spagna portano a una diminuzione delle esportazioni di olio d'oliva

I funzionari hanno avvertito che l'ultima battuta d'arresto per il settore potrebbe causare danni irreversibili e portare a una perdita permanente di quote di mercato in alcune destinazioni chiave.

Aprile 5, 2022
Di Eduardo Hernandez

Notizie recenti

Lo sciopero in corso degli autotrasportatori in Spagna continua a destare allarme per l'interruzione della distribuzione delle merci nel Paese.

Insieme alla distribuzione interna, alcuni funzionari temono che anche le esportazioni di olio d'oliva siano gravemente colpite.

La cosa peggiore ora non è l'impatto economico che possiamo subire finché dura l'arresto; è che molti dei nostri acquirenti che non sono in grado di ricevere la nostra merce hanno fatto ricorso all'acquisto di olio d'oliva da altri paesi.- Rafael Pico Lapuente, direttore esecutivo, Asoliva

"C'è stata praticamente una cessazione totale perché abbiamo subito proteste al di fuori delle industrie e delle fabbriche, nonché all'ingresso dei porti ", ha affermato Rafael Pico Lapuente, direttore esecutivo dell'Associazione spagnola di esportazione, industria e commercio di olio d'oliva (Asoliva).

"Se non c'è stata una riduzione completa delle esportazioni, allora almeno c'è stata una riduzione dell'80 per cento", ha aggiunto.

Vedi anche:Notizie commerciali

Lapuente ha avvertito che la notevole riduzione delle esportazioni avrebbe gravi conseguenze sul settore poiché la Spagna esporta tre quarti dell'olio d'oliva che produce.

"Se non puoi esportare e il 75 percento della ricchezza proviene dalle esportazioni, allora stiamo andando su una brutta strada”, ha detto.

pubblicità

Lo sciopero, che ha causato la media prezzi dell'olio d'oliva ad aumentare immensamente in Spagna, ha aggravato le difficoltà della catena di approvvigionamento anche in altre aree del mercato dell'olio commestibile. A seguito della guerra in Ucraina, i prezzi dell'olio di girasole sono aumentati di oltre 3.00 euro al litro in Spagna, il 70% sopra la media.

Anche i prezzi medi dell'olio d'oliva sono aumentati. I prezzi si aggiravano intorno ai 4.00 euro al litro fino a marzo, ma da allora sono aumentati a circa 5.00 euro al litro.

Pico Lapuente detto in precedenza Olive Oil Times che i prezzi elevati dell'olio d'oliva in Spagna danneggiano anche gli esportatori poiché l'olio d'oliva spagnolo diventa meno competitivo degli oli provenienti da Italia, Tunisia, Marocco o Turchia.

Oltre all'impatto sui prezzi, lo sciopero ha colpito altri aspetti del mercato, come i consumatori.

Sebbene lo sciopero sia diminuito di recente, Pico Lapuente ha affermato che gran parte del danno arrecato al settore è irreversibile.

"La cosa peggiore ora non è l'impatto economico che possiamo subire finché dura l'arresto; è che molti dei nostri acquirenti che non sono in grado di ricevere le nostre merci hanno fatto ricorso all'acquisto di olio d'oliva da altri paesi, come Portogallo, Italia o Tunisia ", ha affermato. "Questa è una brutta notizia per noi”.

Pico Lapuente ha affermato di ritenere che il governo spagnolo sia responsabile di non affrontare il conflitto nel modo giusto. Ha aggiunto di essere preoccupato per l'immagine della Spagna come leader mondiale olive oil produzione e le esportazioni possono essere diminuite.

"Il governo ha impiegato molto tempo per agire e negoziare e il mondo intero ne ha subito le conseguenze”, ha affermato.

Anche al termine dello sciopero, Pico Lapuente teme che le cose non tornino subito alla normalità poiché i porti rischiano di essere sostenuti da un sovraccarico di merci da movimentare.

"Tutto ciò che non è stato esportato prima verrà esportato ora", ha affermato. "Dato che avevamo già bisogno di container e compagnie di navigazione dopo la chiusura del Canale di Suez e la crisi economica, ora il problema sarà più grande”.

Pico Lapuente ha detto che lo sciopero ha aggravato molti altri fattori che stanno creando problemi allo spagnolo olive oil proriduttori, compresi gli impatti del Pandemia di covid-19, l'eredità del tariffe attualmente sospese imposto dagli Stati Uniti e la perdita di quote di mercato per l'olio d'oliva spagnolo in Bielorussia, Russia e Ucraina a causa della guerra.



Olive Oil Times Video Serie

Advertisement

pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti