`Dopo grandi guadagni, i prezzi dell'olio d'oliva spagnolo iniziano l'anno in modo stabile - Olive Oil Times

Dopo grandi guadagni, i prezzi dell'olio d'oliva spagnolo iniziano l'anno in modo stabile

Gennaio 17, 2022
Ephantus Mukundi

Notizie recenti

I funzionari in Spagna anticipano prezzi dell'olio d'oliva rimanere stabile dopo il rapido aumento nella prima metà del 2021.

Nonostante i prezzi siano rimasti stabili negli ultimi sette mesi, si teme che ciò accada siccità nel sud della Spagna e l'aumento dei costi di produzione potrebbe smorzare questi guadagni.

Secondo i dati di Poolred, il sistema informativo sui prezzi dell'olio d'oliva all'origine, il prezzo medio dell'olio extra vergine di oliva nell'ultima settimana è stato di 3.30 € al litro, mentre l'olio d'oliva vergine era di 3.10 € e lampante a 2.90 euro.

Vedi anche:Prezzi più alti accusati del calo delle esportazioni spagnole

In confronto, i prezzi per lo stesso gradi di olio d'oliva a gennaio 2021 era rispettivamente di 2.50 € al litro, 2.07 € e 1.94 €.

Tuttavia, Teresa Pérez, responsabile dell'Organizzazione interprofessionale dell'olio d'oliva spagnolo, ha affermato che l'aumento dei prezzi da un anno all'altro dovrebbe essere trattato con cauto ottimismo.

pubblicità

Ha aggiunto che è importante che i prezzi raggiungano un punto in cui coprano il costo di produzione con margini di profitto sufficientemente significativi per la sopravvivenza del settore.

Secondo il Ministero dell'agricoltura, della pesca e dell'alimentazione, la Spagna ha prodotto 1.6 milioni di tonnellate alla fine della campagna 2020/21, quasi eguagliando rendimenti record del 2018/19.

Una stagione di raccolta più breve è prevista per la campagna in corso con la produzione si stima che raggiunga 1.3 milioni di tonnellate con molti produttori ottimisti sugli alti livelli di qualità degli oli raccolti anticipatamente, ha affermato Pérez.

Rafael Sánchez de Puerta, presidente del settore petrolifero di Cooperativas Agro-alimentary, ha insistito sul fatto che il aumento dei prezzi sperimentato quest'anno è accompagnato da un aumento dei consumi in quasi tutti i paesi.

Secondo il vicedirettore del Consiglio oleicolo internazionale (CIO), Jaime Lillo, c'è molto spazio per la crescita poiché l'olio d'oliva rappresenta solo il due percento del consumo di oli vegetali a livello globale.

"C'è uno spostamento dei consumi da paesi tradizionali come l'Europa o il bacino del Mediterraneo a nuovi consumatori come Stati Uniti, Giappone, Brasil, Australia o la Cina”, ha detto.

Tuttavia, ci sono preoccupazioni per i costi di produzione, come manodopera, energia e fertilizzanti, che incidono tutti sulla redditività. Inoltre, eventi meteorologici estremi rappresentano una minaccia costante per il settore.

"Quello che sta diventando allarmante è il situazione di siccità in aree di produzione come Andalusia; a causa della perdita di olive ", ha detto Sánchez de Puerta. "Siamo travolti dalla prossima stagione perché, con quel poco che ha piovuto in autunno e in inverno, l'oliveto sta cedendo gravemente".



Olive Oil Times Video Serie

Advertisement

pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti