L'aumento delle importazioni di olio d'oliva contribuisce al deficit commerciale della Spagna con l'Argentina

Mentre il deficit commerciale agricolo della Spagna è diminuito del 33% tra il 2022 e il 2023, le importazioni di olio d'oliva sono aumentate di quasi il 230% a causa di uno scarso raccolto e dell'aumento dei prezzi.
San Juan, Argentina (foto: Curtis Cord)
Di Daniel Dawson
26 giugno 2024 19:28 UTC

Il deficit commerciale agricolo della Spagna con l'Argentina è leggermente diminuito nel 2023 nonostante un aumento del 229% delle importazioni di olio d'oliva.

Secondo i dati del Ministero spagnolo dell’Agricoltura, della Pesca e dell’Alimentazione, il deficit commerciale della Spagna con l’Argentina è diminuito da 1.68 miliardi di euro nel 2022 a 1.13 miliardi di euro nel 2023.

C'è sicuramente molta richiesta di oli argentini, che offrono freschezza e alta qualità, nei mercati con raccolti bassi... e con una diminuzione delle scorte di olio d'oliva.- Guillermo Kemp, direttore esecutivo, Solfrut

Il leggero miglioramento è stato principalmente il risultato della diminuzione degli acquisti di crostacei e farina di soia dall’Argentina, le due maggiori importazioni agricole in valore.

Tuttavia, l'olio d'oliva, la settima importazione agricola della Spagna dall'Argentina, ha registrato un aumento significativo, passando da 11.5 milioni di euro nel 2022 a 37.6 milioni di euro.

Vedi anche:Il settore spagnolo dell'olio d'oliva lavora per sviluppare le esportazioni verso la Cina

L’aumento delle importazioni è stato alimentato da prezzi storicamente elevati e dall’anno pessimo del raccolto spagnolo 2022/23, in cui la produzione ha raggiunto le 660,000 tonnellate, la resa più bassa in oltre un decennio.

Ciò è stato aggravato da raccolti scarsi in tutto il bacino del Mediterraneo e a divieto di esportazione di massa in Turchia, uno dei pochi paesi in cui la produzione ha superato le aspettative.

Al contrario, l'Argentina ha goduto di una media di raccolto eccezionale di 35,000 tonnellate nel 2023, dando al più grande produttore mondiale al di fuori del bacino del Mediterraneo una maggiore capacità di esportare olio d'oliva.

Secondo Rural Rosario, un'associazione agricola dell'Argentina centrale, vergine e olio extravergine d'oliva le esportazioni sono aumentate del 137% nei primi dieci mesi del 2023, raggiungendo il livello record di 30,567 tonnellate, rispetto allo stesso periodo del 2022.

"Con il drammatico calo della produzione europea in generale e della produzione spagnola in particolare, l'Argentina, nonostante abbia una piccola offerta esportabile, si è posizionata nella prima metà del 2023 come il sesto esportatore mondiale di olio d'oliva", ha scritto l'associazione.

Rural Rosario ha affermato che la Spagna è stato il mercato più grande per gli esportatori di olio d'oliva argentino nel 2023, rappresentando il 34% delle esportazioni in valore e il 33% in volume. Gli Stati Uniti e il Brasile sono state le altre principali destinazioni delle esportazioni.

"C'è sicuramente molta domanda per gli oli argentini, che offrono freschezza e alta qualità, nei mercati con raccolti bassi... e con una diminuzione delle scorte di olio d'oliva", Guillermo Kemp, il amministratore esecutivo di Solfrut, ha detto un grande produttore ed esportatore argentino Olive Oil Times in un'intervista del 2023.

La maggior parte delle esportazioni di olio d'oliva argentino verso la Spagna sono sfuse e solitamente destinate ai principali imbottigliatori, compreso Deoleo. Il petrolio viene poi venduto sul mercato interno o riesportato.

Secondo i dati del Ministero spagnolo dell'Industria, del Commercio e del Turismo, nel 12.74 la Spagna ha esportato in Argentina 2023 tonnellate di olio d'oliva, per un valore di 77,390 euro.

Mentre resta da vedere il movimento del deficit commerciale agricolo complessivo nel 2024, è improbabile che le importazioni di olio d'oliva spagnolo dall'Argentina aumentino nuovamente.

I dati ufficiali non saranno pubblicati fino alla fine dell'anno, ma i produttori di tutta l'Argentina prevedono un calo della produzione in 2024.

Nel frattempo, i dati dell'Agenzia spagnola per l'informazione e il controllo alimentare mostrano che la produzione di olio d'oliva ha raggiunto 851,014 tonnellate nella campagna agricola 2023/24, significativamente superiore a stime iniziali di circa 700,000 tonnellate.

Di conseguenza, i funzionari hanno affermato che la Spagna ha 492,290 tonnellate di scorte di olio d'oliva. In combinazione con le importazioni, ritengono che ciò sarà sufficiente per soddisfare la domanda locale e le esportazioni fino a quando l'inizio del primo olio d'oliva della raccolta 2024/25 sarà pronto per la vendita a novembre.



pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati