Inondazioni storiche nel sud del Brasile risparmiano mulini e uliveti

I produttori sono in difficoltà a seguito della peggiore inondazione nella storia del Rio Grande do Sul. Mentre i mulini e gli oliveti sono stati in gran parte risparmiati, le vendite sono state gravemente colpite.

15 maggio 2024, Brasile, Arroio Do Meio: il Rio Grande do Sul è stato gravemente colpito da devastanti inondazioni. (Foto: Antonio Valiente/picture-alliance/dpa/AP Images)
Di Daniel Dawson
Maggio. 23, 2024 00:25 UTC
123
15 maggio 2024, Brasile, Arroio Do Meio: il Rio Grande do Sul è stato gravemente colpito da devastanti inondazioni. (Foto: Antonio Valiente/picture-alliance/dpa/AP Images)

Piogge senza precedenti hanno devastato centinaia di città e comunità nello stato più meridionale del Brasile, il Rio Grande do Sul, e le autorità temono che ne possano arrivare altre.

Nell'ultimo mese, lo stato olivicolo più importante del Brasile ha ricevuto 800 millimetri di pioggia, più di quanto Londra riceve ogni anno.

È stato un incubo. Nessuno sa cosa fare dopo. Il governo non sa cosa succederà. In alcune zone c'è la sensazione che la gente non voglia più vivere lì.- Rafael Marchetti, amministratore delegato, Prosperato

La pioggia ha provocato inondazioni storiche, con 157 persone uccise e 88 ancora disperse. Altre 650,000 persone sono state sfollate, più di un quarto della popolazione dello Stato.

Oltre al tributo umano, le inondazioni hanno causato danni stimati in 2 miliardi di dollari (1.85 miliardi di euro) e hanno interrotto le vendite e la spedizione di olio d'oliva nello stato.

Vedi anche:Gli eventi meteorologici estremi stanno peggiorando, secondo i risultati

Tuttavia, i produttori locali hanno confermato di farlo Olive Oil Times che le inondazioni non hanno interrotto la raccolta, che si è conclusa ad aprile e ha causato danni limitati ad oliveti e mulini.

"Gli uliveti sono piantati in zone alte ", ha affermato Rafael Sittoni Goelzer, direttore delle relazioni marketing dell'azienda con sede a Viamão Estância das Oliveiras, situato in una zona colpita dalle inondazioni a est di Porto Alegre.

"Non abbiamo uliveti in Brasile nelle zone costiere o basse, quindi nessun frutteto nello stato ha subito l'impatto diretto delle inondazioni ", ha aggiunto. "I mulini si trovano vicino alle aree di semina e non sono interessati”.

Tuttavia, la produttore pluripremiato ha aggiunto che la logistica è stata paralizzata a tempo indeterminato, rendendo impossibile il trasporto dell'olio d'oliva dall'ultimo raccolto ai supermercati e ai negozi di specialità alimentari.

"Oltre ad avere circa 50 punti autostradali bloccati, l’unico aeroporto internazionale dello stato è sott’acqua e non si prevede che possa tornare in funzione”, ha detto Goelzer. "Non siamo in grado di trasportare i nostri prodotti all’interno dello stato e abbiamo difficoltà a inviare gli oli ad altri stati e paesi”.

Incapace di vendere il suo olio d'oliva, Goelzer ha affermato che l'azienda è concentrata sul sostegno agli sforzi di salvataggio. Lui e il suo team stanno lavorando per raccogliere cibo, acqua, vestiti e materassi per alcune delle 76,000 persone costrette ad abbandonare le proprie case.

Rafael Marchetti, amministratore delegato di Prosperato, del Brasile più grande produttore di olio d'oliva, ha confermato che le vendite sono rallentate poiché lo stato si prepara a ulteriori inondazioni con maggiori piogge previste.

"Stavamo per iniziare a vendere l'olio d'oliva prodotto dall'ultimo raccolto ", ha detto Marchetti. "Avevamo preparato tutto e il giorno in cui dovevamo annunciarne il rilascio, è iniziata l’alluvione”.

"La nostra casa è stata allagata, ma abbiamo avuto solo perdite materiali. Io e la mia famiglia stiamo tutti bene", ha aggiunto. "Porto Alegre e le città vicine sono nel caos. Le principali autostrade sono bloccate e le nostre vendite di olio d'oliva sono praticamente congelate perché le compagnie di trasporto non sono in grado di effettuare i percorsi.

All'inizio delle forti piogge, iniziate nell'ultima settimana di aprile, Marchetti ha deciso di attendere qualche giorno per vedere se l'alluvione si sarebbe attenuata prima di rilasciare l'ultimo raccolto oli extra vergine di oliva.

Tuttavia, le acque dell’inondazione hanno continuato a salire e i meteorologi prevedono che potrebbe volerci più di un mese prima che si riducano.

"Sono passate [tre] settimane e le vendite dell'azienda sono congelate, anche dal nostro negozio locale presso lo stabilimento", ha detto Marchetti. Nonostante il negozio rimanga aperto, il traffico pedonale è diminuito notevolmente.

pubblicità
pubblicità

Prosperato vende gran parte del suo olio extra vergine di oliva a Porto Alegre e nel resto del Rio Grande do Sul. L'azienda vende anche a San Paolo e Rio de Janeiro, ma non è stata in grado di trasportare lì gli oli.

"Le aziende di trasporto non possono dirci quando torneranno a lavorare”, ha detto Marchetti. "La strada principale per accedere a Porto Alegre è ancora bloccata”.

"Tutti i clienti sanno che ci vorrà più tempo per ottenerli", ha aggiunto. "Capiscono la situazione e aspettano che arrivino i loro ordini”.

Poiché il mulino e gli oliveti dell'azienda si trovano ad altitudini più elevate, non sono stati danneggiati e l'imbottigliamento, la tappatura e l'etichettatura continuano.

"Stiamo lavorando per farci trovare pronti per il nuovo raccolto e per quando la situazione tornerà alla normalità”, ha detto Marchetti. Tuttavia, parte dell'olio d'oliva non può essere imbottigliato perché la spedizione di tappi non è arrivata a causa dell'inondazione, che ha danneggiato il magazzino del fornitore.

Più a ovest dello stato, i produttori sono indietro Lagar H stanno lavorando per ricostruire le infrastrutture danneggiate a sostegno del loro uliveto e della comunità locale.

Gli uliveti dell'azienda si trovano vicino a Cachoeira do Sul, a circa 160 chilometri a ovest di Porto Alegre sul fiume Jacui.

"Siamo molto colpiti da questa tragedia”, ha affermato la comproprietaria Glenda Haas. "Tutta la nostra famiglia è originaria del Rio Grande do Sul e, anche se personalmente stanno tutti bene, è molto difficile vedere il dolore e la perdita di così tante persone in un luogo che significa così tanto per noi”.

"Alcuni dipendenti hanno dovuto lasciare le loro case, ma li stiamo aiutando nella ricostruzione e nell’acquisto dei beni necessari”, ha aggiunto.

Sebbene gli uliveti dell'azienda non siano stati danneggiati, Haas ha affermato che le piogge estreme hanno danneggiato alcuni dei loro sistemi di drenaggio e canali sotterranei, che portano via l'acqua in eccesso dagli alberi.

Come molti dei suoi colleghi, Haas ha completato il raccolto prima che iniziasse la pioggia e ha spedito la sua ultima produzione di olio d'oliva ai centri di distribuzione di San Paolo prima che iniziassero le inondazioni.

"Attualmente stiamo aiutando numerose istituzioni e movimenti di volontariato con donazioni in denaro o olio d'oliva, oltre a fornire direttamente tutto il supporto necessario ai nostri dipendenti ", ha affermato.

Il disastro naturale arriva dopo uno scarso raccolto nel sud del Brasile, provocato dalle precedenti piogge cadute da settembre a dicembre.

"Quando gli olivi fiorivano, nel mese di settembre, pioveva molto ", ha detto Marchetti. Ciò fece sì che alcuni fiori cadessero dall’albero e non riuscissero a diventare olive.

Tuttavia, le piogge continue per tutto novembre e dicembre hanno contribuito ad aumentare la resa in olio delle olive rimanenti a livelli significativamente superiori alla media.

Nel complesso, il raccolto di Prosperato è diminuito di circa il 30% rispetto agli anni precedenti. Non tutti i coltivatori sono stati così fortunati.

Insieme alle olive degli oliveti dell'azienda, Prosperato acquista olive da circa 20 altri agricoltori regionali. "Alcuni altri produttori hanno perso il 90 o addirittura il 100% del loro raccolto", ha detto Marchetti. "Quest'anno abbiamo acquistato solo olive da due dei nostri partner abituali.

Marchetti vive a Guaíbo, una città vicino a Porto Alegre, sulla sponda occidentale del Lago Guaíba. Quando il lago ha cominciato a salire, raggiungendo in alcuni punti la cifra record di 5.3 metri, Marchetti è partito per stare con sua sorella, che vive nel nord dello stato.

Ha intenzione di tornare e iniziare a ricostruire non appena le acque si saranno calmate, ma non sa dove tornerà e come inizierà a ricostruire, un sentimento condiviso da molti dei 2.2 milioni di residenti del Rio Grande do Sul.

"È stato un incubo. Nessuno sa cosa fare dopo”, ha concluso. "Il governo non sa cosa succederà. In alcune zone c’è la sensazione che le persone non vogliano più vivere lì”.



Condividi questo articolo

pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati