Introduzione della Vespa Samurai che si dimostra efficace contro le cimici puzzolenti in Italia

Le vespe samurai hanno parassitato il 38 percento delle uova di cimice marrone marmorizzate in un'area. Alcuni vedono l'introduzione della vespa come la chiave per ridurre la cimice.
Fotografia di Elijah J. Talamas, ARS USDA
Febbraio 15, 2022
Paolo De Andreis

Notizie recenti

Decine di cosiddette vespe samurai saranno presto rilasciate per il secondo anno consecutivo nel cuore della Pianura Padana del nord Italia, nell'ambito di un progetto per limitare la diffusione della cimice marmorata bruna.

Il piccolo Trissolco japonicus la vespa si riproduce parassitando le uova di cimici, riducendo la loro capacità di riprodursi.

Quello che stiamo vedendo è la prima prova in assoluto che la vespa samurai potrebbe ridurre la popolazione di cimici marmorate.- Massimo Bariselli, entomologo, servizio fitosanitario regionale Emilia-Romagna

Entrambi gli insetti sono originari dell'Asia, ma la cimice si è diffusa ampiamente in diversi paesi europei e in alcune aree degli Stati Uniti.

"Con i rilasci di vespe samurai di quest'anno, punteremo alle aree dove molto probabilmente si troveranno colonie di cimici”, ha detto Massimo Bariselli, fitopatologo ed entomologo del servizio fitosanitario regionale dell'Emilia-Romagna Olive Oil Times.

Vedi anche:Il trattamento derivato dalle piante contro gli insetti asiatici mostra una promessa per gli olivicoltori

"La buona notizia è che le vespe giapponesi che avevamo precedentemente liberato hanno mostrato di riprodursi e installarsi in aree abbastanza lontane dalle aree di rilascio, suggerendo un buon potenziale di diffusione nel territorio”, ha aggiunto.

I frutticoltori delle regioni del nord Italia, come Emilia-Romagna, Lombardia e Veneto, sono stati duramente colpiti dalla diffusione della cimice, che danneggia un'ampia varietà di colture, compresi i frutti degli alberi e la soia.

pubblicità

Dal momento che la ricerca preliminare ha mostrato una possibile associazione tra focolai di cimici e l'olivo "green drop", gli olivicoltori sono stati particolarmente preoccupati per la diffusione del parassita.

Nella sola regione Emilia-Romagna, tra il 2020 e il 2022, gli enti locali hanno distribuito 63 milioni di euro di indennizzo agli agricoltori colpiti dall'insetto, mentre gli enti locali della Lombardia stimano che la cimice causi 15 milioni di euro di danni all'anno all'agricoltura regionale .

"Al momento, abbiamo circa 30,000 cimici raccolte dai tecnici e dagli agricoltori che le portano ai laboratori, che vengono poi utilizzati per far crescere la vespa samurai", ha detto Bariselli. "Quando arriva il momento, i tubi con le vespe vengono assegnati alle diverse aree agricole e rilasciati".

L'anno scorso in Italia la vespa samurai è stata rilasciata in più di 600 località, con più di 300 in Emilia-Romagna.

La prima prova di un possibile impatto positivo dell'introduzione della vespa samurai viene dai ricercatori che sorvegliano le uova di cimici. Secondo i dati diffusi dal progetto Cimice.net, le vespe hanno colonizzato il 38 per cento dei campioni.

business-europe-introduzione-di-samurai-wasp-dimostrazione-efficace-contro-le-cimici-in-italia-oiltimes

Cimice marmorata marrone

Sebbene questi risultati confermino la capacità delle vespe di prendere di mira la cimice, gli esperti del settore avvertono che il vero impatto della guerra biologica contro l'insetto è estremamente difficile da misurare.

Il monitoraggio della popolazione di bug è difficile poiché subisce modifiche significative ogni anno. Le cimici prosperano a temperature comprese tra 30 ºC e 32 ºC e soffrono di un alto tasso di mortalità durante l'inverno.

"In una stagione come l'ultima, dove la produzione di frutta è stata più che dimezzata temperature di congelamento, dove c'era nessuna pioggia in estate e le siepi sono secche, tutte le cimici sarebbero state costrette ad attaccare i frutti”, ha detto Bariselli. "Ciò crea l'errata percezione che ci sia stata una grande invasione in una stagione in cui le cimici non potevano riprodursi bene".

In altre regioni, come il Piemonte, la cimice è stata presa di mira da altri predatori, inclusa una specie separata di vespa che parassita anche le uova degli insetti: la cimice europea Anastato bifasciato. Queste prove si stanno svolgendo nelle fattorie biologiche.

Secondo Bariselli, Anastato bifasciato prende di mira efficacemente anche la cimice. Tuttavia, a differenza della vespa samurai, predano altri insetti, quindi la loro efficienza nel ridurre la diffusione della cimice potrebbe essere limitata.

"Guardando cosa succede in Italia e cosa succede in Asia, sembra proprio di sì Anastato bifasciato può colpire tra il 10 e il 15 percento della popolazione di cimici puzzolenti", ha affermato.

I trattamenti chimici attualmente utilizzati sulle cimici non hanno prodotto risultati promettenti. Sono piuttosto costosi e non rispettano l'ambiente. Inoltre, rendono più difficile la sopravvivenza dei predatori delle cimici.

"La guerra chimica contro la cimice tende ad essere altamente inefficiente", ha detto Bariselli. "Questo perché l'insetto vive raramente sugli alberi e prende di mira molte piante diverse".

Ha aggiunto che le cimici tendono anche a pungere i frutti e ad andarsene rapidamente, il che significa che non sono esposti ai pesticidi per lunghi periodi.

"Anche se le sostanze chimiche non funzionano contro la cimice, i gravi danni causati dalla cimice potrebbero spingere alcuni agricoltori a investire molto in quel tipo di trattamento per sbarazzarsi dell'insetto", ha aggiunto Bariselli. "Non funzionerà."

Secondo i dati diffusi durante un recente vertice sulla cimice e riportati da Agronotizie, il 24 per cento delle 47,000 uova di cimice analizzate nel 2021 erano state parassitate.

Il 31% di loro era stato preso di mira dalla vespa samurai, il -% dal parente Trissolco mitsukurii e il 22 per cento dal Anastato bifasciato.

"Quello che stiamo vedendo è la prima prova in assoluto che la vespa samurai potrebbe ridurre la popolazione di cimici marmorate", ha detto Bariselli. "Ma ciò accade principalmente nelle aree selvagge, dove sono state rilasciate le vespe, aree dove non ci sono trattamenti chimici sulla vegetazione”.

"Il bug c'è, ma non solo", ha aggiunto. "Ora dobbiamo capire quanto i raccolti di frutta [trattati in modo convenzionale] possono ostacolare la diffusione dei predatori naturali della cimice”.

L'attuale progetto di rilascio di vespe samurai nella regione terminerà nel 2023.

Durante il vertice, Alessio Mammi, segretario regionale all'agricoltura dell'Emilia-Romagna, ha sottolineato come l'obiettivo del primo anno di progetto fosse quello di "far insediare la vespa samurai nel territorio, e questo è un obiettivo che abbiamo acquisito".

"Nel 2022, ora dobbiamo intensificare le attività di rilascio e diffusione all'interno e intorno alle aree di produzione di frutta regionali più rilevanti", ha aggiunto.

Bariselli si è detto ottimista sul fatto che una combinazione di introduzione di predatori di cimici e altre strategie di contenimento porterebbe a un miglioramento della situazione nei prossimi anni.

"Entro uno o due anni, prevediamo che la pressione della cimice rallenterà un po'", ha affermato. "Rimarrà e continuerà a essere una presenza dannosa per gli agricoltori, ma avrà trovato un nuovo equilibrio all'interno di quell'ambiente, proprio come hanno già fatto altri insetti".



Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti