L'aumento dei prezzi di produzione costringe alcuni agricoltori siciliani a rinunciare alla raccolta

Con l'apertura provvisoria della stagione del raccolto, alcuni agricoltori hanno deciso di non raccogliere, mentre altri stanno lavorando con le autorità locali per concordare prezzi fissi.
Ottobre 12, 2022
Paolo De Andreis

Notizie recenti

Olivicoltori, frantoi, rivenditori e amministratori regionali in Sicilia stanno lavorando insieme per superare aumento dei costi di produzione mentre la vendemmia 2022 inizia sull'isola.

In gioco c'è un decimo della resa annuale di olio d'oliva in Italia e diversi comuni dell'isola hanno già sospeso le operazioni di raccolta.

Il nostro olio extra vergine di oliva potrebbe andare invenduto, (con la loro quota di mercato) sostituito dall'olio extra vergine di oliva spagnolo. - Mario Terrasi, presidente, Oleum Sicilia

Gli esperti locali temono che l'aumento dei costi per coltivatori e mugnai si traduca in modo significativo prezzi dell'olio d'oliva più alti per i consumatori, il che potrebbe indurre alcuni a rivolgersi a alternative più economiche.

Secondo la sezione locale dell'associazione degli agricoltori Coldiretti, la trasformazione dei frutti ora costa ai coltivatori almeno 0.16 euro al chilogrammo, rispetto alla media di 0.12 euro della stagione precedente. A causa dei costi energetici, la bolletta in diverse zone potrebbe arrivare a 0.20 €.

Vedi anche:Gli agricoltori del Lazio danno il via alla vendemmia nella tenuta dell'imperatore Adriano

Oltre all'energia, sono aumentati anche i costi per l'imbottigliamento, l'etichettatura e la spedizione. Coldiretti ha stimato che un litro di Olio extravergine di oliva siciliano potrebbe finire con un cartellino del prezzo di € 10.

Date le basse aspettative di raccolto e l'aumento dei costi, si teme che alcuni piccoli coltivatori e mugnai decidano di non raccogliere affatto.

pubblicità

Secondo Ismea, ente pubblico per i servizi al mercato agricolo, in Sicilia si trova un litro di olio d'oliva attualmente scambiato a 5.65 € al chilogrammo, che è inferiore ai costi di produzione attuali.

Mario Terrasi, presidente dell'associazione olivicola siciliana, Oleum Sicilia, ha detto ai media locali quel locale caro olio extravergine d'oliva è già nei supermercati, seduto sugli scaffali vicino a prodotti molto più economici.

"Il prodotto più economico arriva da altre regioni italiane, da altri Paesi europei come Spagna o Grecia o anche da Paesi extra-UE come la Tunisia”, ha affermato Terrasi. "Ora prevediamo un ulteriore aumento dei prezzi e [molti consumatori] non capiscono come la qualità e il profilo sanitario del nostro prodotto giustifichino quei prezzi, qualunque cosa accada”.

Terrasi ha aggiunto che sia la grande distribuzione che la ristorazione dovrebbero fare i conti con tali aumenti.

"Questi sono settori che non si adatteranno a prezzi in così rapido aumento", ha affermato. "Ciò significa che il nostro olio extra vergine di oliva potrebbe rimanere invenduto, [con la loro quota di mercato] sostituito dall'olio extra vergine di oliva spagnolo. Quelle sono diverse... ma provengono da aziende meno frammentate della nostra e più competitive".

Coldiretti ha affermato che gli uliveti siciliani coprono più di 160,000 ettari e sono legati a un'enorme porzione del reddito degli agricoltori locali. Secondo Ismea, nell'isola sono attivi più di 618 mugnai. Nel Anno del raccolto 2021/22, la Sicilia ha prodotto 38,000 tonnellate di olio d'oliva trasformando più di 281,000 tonnellate di olive.

Olio d'oliva e produttori di olive da tavola in Sicilia godono tradizionalmente di un leggero vantaggio competitivo in quanto la loro raccolta inizia prima che in altre regioni italiane.

Durante un incontro con le autorità locali e le parti interessate a Trapani, nella parte occidentale dell'isola, Coldiretti ha osservato come questo vantaggio sia scomparso poiché la raccolta non procederà.

"Il prezzo di vendita sia per l'olio d'oliva che per le olive da tavola è molto basso e non ancora stabilito per la stagione ", ha affermato Coldiretti. "Ciò mette a rischio centinaia di aziende, che potrebbero chiudere, innescando lo scenario peggiore per l'intera provincia, che si basa sul reddito dell'olivicoltura. "

Un segno di speranza è arrivato da Agrigento e Sciacca, regioni chiave di produzione della costa meridionale. Lì, i coltivatori, le autorità di regolamentazione e le parti interessate sono riusciti a raggiungere un accordo temporaneo che potrebbe facilitare le operazioni di raccolta.

Hanno convenuto di fissare il prezzo dell'olio extra vergine di oliva a 6 euro al chilogrammo per i successivi 10 giorni, un breve periodo durante il quale le autorità regionali dovrebbero emanare una misura finanziata con fondi pubblici che consentirà di ridurre i costi energetici dei mugnai al livelli del 2021.

A tal fine, molti rappresentanti dei consigli locali hanno firmato l'an lettera aperta in cui avvertono dell'aumento del 50-70 percento dei costi energetici per i mugnai. Nella lettera si chiede agli enti locali e regionali di collaborare per sostenere uno dei settori agricoli più rilevanti della Sicilia.



pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti