I prezzi continuano a battere i record in Spagna in vista delle pessime prospettive per il raccolto

Tuttavia, la pioggia tempestiva unita a una domanda globale stagnante e un numero crescente di oliveti che entrano in maturità potrebbero invertire l'andamento dei prezzi.

Barcellona, ​​Spagna
Di Daniel Dawson
Maggio. 2, 2023 18:42 UTC
4781
Barcellona, ​​Spagna

Prezzi dell'olio d'oliva all'origine continuare a salire in Spagna, battendo record. Tuttavia, diversi fattori potrebbero congiungersi a lungo termine, abbassando drasticamente i prezzi.

Secondo Poolred, il database online dei prezzi dell'olio d'oliva gestito dal governo andaluso, il prezzo medio dell'olio d'oliva all'origine è di € 5,516 per tonnellata, circa € 500 in più rispetto al mese scorso.

Viviamo in una situazione senza precedenti. Non ci sono mai stati prezzi dell'olio d'oliva all'origine come stiamo vedendo ora.- Juan Vilar, consulente strategico

Nel frattempo, i dati del Consiglio oleicolo internazionale mostrano che i prezzi a Jaén, il mercato di riferimento della Spagna, sono aumentati costantemente da giugno 2020, con una forte accelerazione negli ultimi mesi.

"Viviamo in una situazione senza precedenti”, Juan Vilar, a consulente strategico per il settore, detto Olive Oil Times. "Non ci sono mai stati prezzi dell'olio d'oliva all'origine come stiamo vedendo ora.

Vedi anche:I prezzi dell'olio d'oliva aumentano più rapidamente dell'inflazione in Italia

"Inoltre, diventa più senza precedenti perché i prezzi salgono ogni giorno", ha aggiunto.

Vilar non è solo nella sua sorpresa. "In 20 anni nel settore, non ho mai visto questi prezzi ", ha detto al Financial Times Vito Martielli, analista di semi oleosi presso Rabobank.

Vilar ha affermato che i prezzi più vicini mai raggiunti fino a questo punto sono stati nell'anno del raccolto 2017/18 e anche allora i prezzi sono rimasti inferiori del 35% rispetto a quelli attuali.

Ha identificato tre motivi per cui i prezzi dell'olio d'oliva all'origine continuano a salire: aumento dei costi di produzione, il clima sempre più caldo e secco della Spagna e la domanda globale superiore alla produzione.

"Il primo fattore è stato l'aumento iniziale degli input ", ha affermato. "C'è stato un aumento molto elevato del prezzo dei prodotti chimici, dell'energia, dell'acqua, dell'elettricità, del gasolio e dei fertilizzanti. Questi aumenti si ripercuotono direttamente sul prezzo delle olive e, quindi, sul prezzo dell'olio".

Insieme all'aumento dei costi di input, Vilar ha affermato che anche il raccolto storicamente scarso nella campagna 2022/23 ha esercitato una pressione al rialzo sui prezzi.

Secondo gli ultimi dati del ministero spagnolo dell'agricoltura, della pesca e dell'alimentazione, la produzione ha raggiunto le 736,000 tonnellate, la resa più bassa dal 2012/13.

I produttori e i funzionari hanno accusato una combinazione di clima caldo durante la fioritura e siccità storica per il raccolto scarso.

Ad aggravare la pressione sui prezzi, il clima caldo e secco in tutta la Spagna fa presagire un altro raccolto scarso nella nazione produttrice di olio d'oliva più grande del mondo.

Mentre è ancora troppo presto per dire come si evolverà la campagna 2023/24, stanno arrivando segnalazioni di danni ai fiori di ulivo in Andalusia, la più grande regione produttrice del mondo, simile a quello che è successo lo scorso maggio. Vilar ha aggiunto che solo la pioggia di questo mese o in autunno salverebbe il raccolto.

"Quindi il clima è un fattore a lungo termine e solo se piove le aspettative per il raccolto del prossimo anno miglioreranno", ha affermato Vilar. "E da lì, i prezzi scenderebbero di almeno 20-25 centesimi all'origine. Se piove a maggio, l'escalation dei prezzi all'origine e alla destinazione potrebbe essere fermata".

Il terzo fattore citato da Vilar è la tensione tra il consumo di olio d'oliva nazionale e mondiale. A causa di scarsi raccolti nel Mediterraneo occidentale, la Spagna sta soddisfacendo sempre più la domanda proveniente dai mercati esteri, esercitando un'ulteriore pressione sui prezzi interni.

pubblicità

Il Consiglio oleicolo internazionale prevede che il consumo globale di olio d'oliva raggiungerà 3.05 milioni di tonnellate nella campagna 2022/23, mentre la produzione sarà di 2.73 milioni di tonnellate. Sebbene alcuni paesi dispongano di scorte di olio d'oliva in cui attingere, è improbabile che queste coprano il deficit.

Se a maggio non piove, è probabile che i prezzi dell'olio d'oliva continuino a salire durante la prossima campagna 2023/24, battendo record settimanali.

Tuttavia, Vilar ha affermato che è probabile che i prezzi diminuiscano a lungo termine poiché i nuovi ettari 4,000 di oliveti piantati in tutto il mondo negli ultimi anni entrano nella maturità, con conseguente produzione annuale di più di 4 milioni di tonnellate; consumo di olio d'oliva continua a ristagnare o alzarsi leggermente; e le condizioni climatiche tornano alla normalità e i produttori si adattano agli impatti di cambiamento climatico.

"Questi tre fattori si unirebbero per abbassare i prezzi all'origine", ha confermato Vilar. Tuttavia, ha aggiunto che fino al siccità che attanaglia la metà occidentale del bacino del Mediterraneo pause, "i prezzi non smetteranno di salire”.

Mentre si teme che l'aumento dei prezzi nei paesi produttori continui la tendenza al ristagno dei consumi, non tutti sono preoccupati.

Vilar ha affermato che i consumatori in Canada, Germania, Brasile, Stati Uniti e altri paesi a reddito medio e ricchi lo farebbero "continuano a consumare olio d'oliva perché sono abituati a pagare 10 euro [o più] al supermercato senza alcun problema.

David Granieri, presidente di Unaprol, l'associazione italiana dei produttori di olio d'oliva, ha celebrato l'aumento dei prezzi all'origine.

"L'aumento dei prezzi, soprattutto in Spagna, è una buona notizia perché finalmente, forse, la corsa al ribasso che ha danneggiato tutti i produttori europei e depresso l'intero mercato è finita”, ha detto al Financial Times.

"In queste condizioni, crediamo che i produttori che in questi anni hanno moltiplicato gli sforzi per proteggere la biodiversità e hanno prodotto oli di alta qualità possano finalmente essere valorizzati come meritano”, ha concluso.



Condividi questo articolo

pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati