`L'eccesso di offerta colpisce l'industria dell'olio d'oliva in Giordania - Olive Oil Times

Eccesso di rifornimento Rocks Jordan Olive Oil Industry

Gennaio 4, 2011
Nicole Arriaga

Notizie recenti

Di Nicole Arriaga | Segnalazione da Roma

Agricoltori e olive oil proi produttori in Giordania sono in rivolta per la mancanza di controllo su ciò che credono sia l'olio d'oliva importato illegalmente nel paese. Il tempi giordani segnala che l'afflusso di olio d'oliva importato dai paesi vicini come la Siria sta creando cattivi affari per i produttori locali e sta mettendo un freno all'economia locale. Ahmad Saadoun, proprietario del gruppo Al Amin Oil Presses, ha affermato che i singoli commercianti stanno introducendo più del limite legale di olio d'oliva importato di quanto consentito, lasciando agli agricoltori e ai produttori locali un eccesso di offerta delle proprie scorte che non sono quindi in grado di vendere. Questo, afferma, consente ai commercianti di fare una rapida svolta con l'olio d'oliva importato vendendolo a un prezzo più conveniente nei supermercati mentre raccolgono i profitti.

I commercianti sono in grado di vendere il petrolio importato a un prezzo molto più conveniente, afferma Saadoun, perché la qualità è inferiore a quella nazionale. olive oil produzione. Gli esperti dicono che anche i problemi finanziari della Giordania non aiutano le cose. Con l'economia locale di fronte a tali turbolenze, l'eccesso di offerta sta spingendo i consumatori a optare per l'olio d'oliva meno costoso piuttosto che per la qualità. Senza un migliore controllo sulle importazioni illegali, gli agricoltori locali continueranno a ridurre le loro perdite o, peggio, a lasciare del tutto l'industria.

Secondo Ezzeldin Faqir, azionista della Al Barakeh Olive Oil Press nel Governatorato di Ajloun, le importazioni illegali di olio d'oliva hanno colpito oltre 122 frantoi e agricoltori in tutta la Giordania. Se il governo non interviene presto per alleviare la situazione, afferma che l'economia del paese, che fa molto affidamento sull'olio d'oliva prodotto localmente, potrebbe far crollare l'industria locale.

Il fondatore dell'Associazione degli esportatori di prodotti olivicoli Musa Saket ha incontrato il ministro dell'Agricoltura questa settimana per discutere i problemi che i produttori locali stanno affrontando. Il ministro ha promesso di prendere ulteriori misure per garantire che il governo stia facendo tutto il possibile per reprimere il commercio illegale. I leader del settore hanno dichiarato al Jordan Times di aver esortato le autorità a portare avanti la loro promessa. Vorrebbero vedere la Giordania mettere una sospensione temporanea su tutto l'olio d'oliva importato e promuovere ciò che viene prodotto localmente per rimettere in carreggiata l'industria dell'olio d'oliva del paese.

Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti