`In Spagna, le vendite di olio d'oliva aumentano con margini lungo la catena di produzione - Olive Oil Times

In Spagna, le vendite di olio d'oliva aumentano con margini lungo la catena di produzione

Settembre 19, 2022
Paolo De Andreis

Notizie recenti

Nonostante sfide che si profilano all'orizzonte, le vendite di olio d'oliva in Spagna rimangono solide, con margini in crescita per l'intera catena di produzione.

Secondo i dati diffusi dal Ministero dell'agricoltura, della pesca e dell'alimentazione, i frantoi hanno venduto 95,400 tonnellate di olio d'oliva nel periodo, con dati complessivi per la campagna in aumento da 1,343,015 milioni di tonnellate di luglio a 1,438,415 milioni di tonnellate di agosto.

Senza dubbio, stiamo attraversando la migliore campagna di marketing mai generata nel settore olivicolo.- Cristóbal Cano, segretario generale, UPA Andalusia

L'Agenzia per l'informazione e il controllo alimentare (AICA) ha riferito che le vendite totali di olio d'oliva per agosto nel paese hanno raggiunto le 116,000 tonnellate, con un aumento del 28% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso.

Cristóbal Cano, segretario generale dell'Unione dei piccoli agricoltori (UPA) dell'Andalusia, ha dichiarato ad Agroinformación che i numeri delle vendite "rendici ottimisti, poiché possiamo sperare di concludere la campagna con almeno 1.6 milioni di tonnellate vendute".

Vedi anche:I redditi agricoli aumentano in Andalusia, spinti dal settore dell'olio d'oliva in ripresa

Gli agricoltori stimano che avranno un anno record in termini di vendite. "Senza alcun dubbio, stiamo attraversando la migliore campagna di marketing mai generata nel settore olivicolo per quanto riguarda i volumi economici, anche grazie ai prezzi ragionevoli che non smettono di aumentare ", ha affermato Cano

"Il Ministero dell'Agricoltura prevede che i prezzi alla fonte siano superiori del 15% rispetto a quelli riportati un anno fa", ha aggiunto.

pubblicità

Secondo il Sistema informativo dei mercati oleicoli (SIMO), le scorte di olio d'oliva hanno superato le 580,000 tonnellate alla fine di agosto, la stragrande maggioranza delle quali era di proprietà di mugnai e imbottigliatori.

"Se settembre rimane sulla stessa strada in termini di numeri, con questi dati possiamo aspettarci di arrivare a 400,000 tonnellate [in deposito]", ha affermato Luis Carlos Valero, portavoce dell'Associazione dei giovani agricoltori e allevatori di Jaén. "Saremo molto attenti ai dati del prossimo mese”.

Gli esperti hanno notato che l'aumento dei prezzi va a vantaggio dell'intera catena di produzione, compresi i coltivatori tradizionali. Secondo Poolred, i prezzi sono alle stelle. Per esempio, olio extravergine d'oliva i prezzi sono passati da 3.82 euro al litro riportati il ​​15 agosto a 3.99 euro il 15 settembre.

Eppure, il estrema siccità in Spagna si prevede che questa stagione porterà un raccolto quasi record, con alcune stime che la produzione lo farà scendere al di sotto di 1 milione di tonnellate per la prima volta in quasi un decennio.

"La siccità strutturale che stiamo affrontando ci fa temere per il futuro", ha detto Cano a Extra Jaén. "Dovrebbe settembre confermarlo tendenza alla diminuzione delle precipitazioni, avremo una brutta stagione, come molte aree di Andalusia; sono già senza olive, e in quelle zone dove l'irrigazione funziona, il frutto non segue lo sviluppo auspicabile.



pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti