Gli olivicoltori dell'Estremadura chiedono l'ampliamento dei sussidi salariali

La combinazione dell'aumento dei costi di produzione e delle aspettative del peggior raccolto di olive nella storia registrata ha portato i coltivatori a chiedere aiuti finanziari a Madrid.
Olivi nei campi dell'Estremadura vicino a Trujillo e Plasencia, Spagna
Di Paolo DeAndreis
9 novembre 2022 16:24 UTC

La Unión Extremadura, un'unione agricola, ha chiesto al governo centrale di espandersi in precedenza annunciato sussidi salariali dai lavoratori stagionali agli olivicoltori.

A ottobre, il governo ha abbassato da 20 a 10 giorni il numero minimo di giornate lavorative richieste ai lavoratori agricoli per accedere al sostegno alla disoccupazione in Andalusia; ed Estremadura.

Il governo centrale citato Precipitosa diminuzione della produzione in Spagna, che ha portato molti olivicoltori a ridurre drasticamente il numero di giornate lavorative.

Vedi anche:Con il prosciugamento dei bacini idrici, la Spagna istituisce un comitato per la politica dell'acqua

La diminuzione è stata particolarmente sentita in Estremadura, la terza regione spagnola produttrice di olio d'oliva, sede dell'11% degli uliveti del paese. APAG Extremadura Asaja ha stimato che la regione avrebbe il suo la peggiore raccolta di olive della storia.

"Se il governo spagnolo capisce che c'è stata una drastica diminuzione della produzione, soprattutto negli uliveti, a causa di fenomeni climatologici (siccità e caldo) e che per questo i lavoratori devono essere aiutati, perché non aiutare i contadini che hanno sofferto queste avversità climatologiche", ha affermato il sindacato.

Lo aveva previsto il sindacato olive oil prola riduzione nella regione diminuirebbe del 60 percento, mentre la produzione di olive da tavola dovrebbe diminuire del 70 percento.

Ad aggravare le aspettative di un raccolto scarso sono aumento dei costi di produzione, inclusi carburante, elettricità e fertilizzanti.

"Né il Ministero dell'Agricoltura né la Junta de Extremadura hanno in programma di aiutare questi produttori", ha scritto il sindacato. "Oltre a subire queste perdite, la loro situazione è aggravata dall'impressionante aumento dei costi di produzione”.

In una risposta indiretta al sindacato, Begoña García, il ministro regionale dell'agricoltura, ha dichiarato a una conferenza che il governo è impegnato nel settore olivicolo.

"[La Junta de Extremadura] è impegnata al 100% per la crescita, il miglioramento e l'innovazione del settore", ha affermato, sottolineando che 250,000 sono stati stanziati per lo sviluppo del settore nel prossimo mezzo decennio.

"Estremadura, insieme all'ovest dell'Andalusia e Portogallo, è il motore dell'aumento della superficie degli uliveti in Spagna", ha concluso.



pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti