Il punteggio nutritivo non penalizza le specialità alimentari tradizionali, rileva l'indagine

Almeno due terzi dei campioni con status di protezione dell'Unione Europea hanno ricevuto una "A" o una "B" da Nutri-Score.
Il cassoulet è una specialità francese con fagioli bianchi, coscia d'anatra, salsiccia e pancetta.
Può. 25, 2022
Paolo De Andreis

Notizie recenti

Lo ha rilevato un'indagine su campioni di specialità alimentari condotta dall'associazione dei consumatori francese, UFC-Que Choisir punteggio Nutri le etichette non penalizzano i prodotti tradizionali protetti dall'Unione Europea.

L'associazione ha analizzato 588 campioni alimentari derivati ​​da 310 prodotti tradizionali, molti dei quali certificati Indicazione geografica protetta (IGP) o Denominazione d'origine protetta (DOP) dall'UE

UFC-Que Choisir ha scritto in un comunicato stampa che almeno due terzi di quei campioni "ottenuto buoni voti” da Nutri-Score.

Vedi anche:Progetto di legge francese per escludere i prodotti DOP e IGP da Nutri-Score

Nutri-Score classifica gli alimenti in base al contenuto come grasso, zucchero, sale e calorie in 100 grammi o millilitri di cibo. Quindi valuta il cibo con un codice colore/lettera blasonato sulle confezioni, dal più sano "Verde A "fino al "Rosso E."

Nel sondaggio, il 62% dei prodotti alimentari testati ha ottenuto un punteggio Nutri-Score di A, B o C. Consumo di tali alimenti "è spesso incoraggiato a causa delle loro qualità nutrizionali superiori", ha scritto UFC-Que Choisir.

pubblicità

"Ci sono 121 prodotti alimentari classificati come A e B, con l'olio d'oliva classificato come C, che è da preferire ad altri tipi di grasso", hanno aggiunto.

Nel comunicato, UFC-Que Choisir ha evidenziato alcuni esempi di rinomate specialità, "cibi tradizionali che si dimostrano molto ben equilibrati, come l'hochepot fiammingo, lo hotpot dell'Alvernia o il famoso cassoulet di Castelnaudary.

Altri esempi includono carne e salumi tradizionali, frutta e legumi, tutti classificati A e B. All'interno della classificazione Nutri-Score C, gli oli d'oliva sono in compagnia di prodotti come gli spaetzle alsaziani o il prosciutto al prezzemolo della Borgogna.

business-europe-nutriscore-non-penalizza-specialità-alimentari-tradizionali-sondaggio-trova-volte-di-olio-d-oliva

Le valutazioni mostrano che Nutri-Score non stigmatizza le specialità locali, secondo l'associazione.

Nel comunicato, UFC Que-Choisir ha sottolineato che i prodotti alimentari ricevono una D o E da Nutri-Score "non hanno lo scopo di denigrarli o vietarne il consumo, ma significano solo che se ne raccomanda il consumo in quantità moderate e con frequenze ragionevoli”.

L'associazione ha aggiunto che i prodotti classificati D o E potrebbero avere il loro posto in una dieta equilibrata.

Lo ha detto l'inventore di Nutri-Score Serge Hercberg Olive Oil Times in una Intervista a luglio 2020 che le valutazioni Nutri-Score hanno lo scopo di mostrare ai consumatori la migliore scelta disponibile di cibo all'interno di una determinata categoria alimentare.

Ad esempio, Nutri-Score considera gli oli d'oliva la scelta migliore nella categoria dei grassi con la sua C, attribuendo una D ad altri grassi come il burro.

Il sondaggio dell'associazione è arrivato sulla scia del acceso dibattito in corso tra i promotori di Nutri-Score e i produttori alimentari che si sta intensificando con l'avvicinarsi della scadenza autoimposta della Commissione europea di dicembre per scegliere un'etichetta front-of-pack a livello europeo.

Recentemente, diverse associazioni di produttori di formaggi iconici europei, tra cui il Roquefort francese DOP oppure Parmigiano Reggiano DOP italiano le associazioni hanno espresso la loro opposizione al Nutri-Score.

Hanno affermato che il sistema di etichettatura di origine francese non considera le qualità nutrizionali di quei prodotti e non valuta il cibo in quantità che probabilmente verranno consumate come porzione giornaliera.

Associazioni e produttori di olio d'oliva in España, Italia e Grecia hanno anche affermato che il voto di Nutri-Score non ritrae accuratamente il benefici alla salute di alcune qualità di olio d'oliva classificandole tutte con a "C. "

Come i produttori di formaggio, olive oil proi produttori hanno anche sottolineato come le stime del campione di 100 millilitri non siano realistiche rispetto al consumo effettivo.

L'opposizione alla possibile introduzione di Nutri-Score in Europa è cresciuta da quando il sistema di etichettatura è stato adottato da diversi paesi, tra cui Francia e Germania.

L'Italia, in testa all'opposizione a Nutri-Score, ha anche presentato un'etichetta concorrente denominata Batteria Nutrinform, che la Commissione Europea sta attualmente valutando insieme a diversi altri sistemi di etichettatura.

Secondo UFC-Que Choisir, Nutri-Score è il miglior strumento disponibile per consentire ai consumatori una scelta rapida e consapevole al momento dell'acquisto dei prodotti alimentari.

Per questo motivo, l'associazione ha confermato che i risultati dell'indagine sono stati inviati alla Commissione europea. L'associazione ha concluso che esso "avverte i produttori di alimenti della loro responsabilità in una lotta di retroguardia per mantenere l'opacità sugli alimenti sbilanciati".



Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti