Gli Stati Uniti vedono una crescita significativa nelle vendite di olio d'oliva biologico

Negli ultimi due anni, le vendite di olio d'oliva biologico negli Stati Uniti sono aumentate del 10%, mentre le vendite di olio extravergine di oliva convenzionale sono diminuite.
Aziende agricole biologiche di Goldridge, California
Di Daniel Dawson
10 giugno 2024 18:18 UTC

Negli Stati Uniti crescono le vendite di olio d’oliva biologico. Al contrario, totale olio extravergine d'oliva le vendite sono leggermente diminuite, secondo i dati del settore condivisi con Olive Oil Times dalla North American Olive Oil Association (NAOOA).

Le vendite di olio d'oliva biologico in volume, di cui il 98% extra vergine, sono aumentate del 7.2% nelle 52 settimane terminate il 24 aprile 2024. Al contrario, le vendite totali di olio extra vergine di oliva in volume sono diminuite del -% rispetto allo stesso periodo nel il secondo più grande del mondo Paese consumatore di olio d’oliva.

Penso che molte persone si stiano rendendo conto che ci sono molti benefici per la salute nel mangiare biologico.- Stefanie Wickensheimer, direttrice del progetto, Rio Bravo Ranch

Guardando più indietro, nel precedente periodo di 52 settimane, le vendite di olio d'oliva biologico sono aumentate del 2.7% mentre le vendite totali di olio extra vergine di oliva sono rimaste stabili.

Al di fuori degli Stati Uniti, si prevede un aumento anche delle vendite di olio d'oliva biologico. Secondo ricerche di mercato, il mercato globale dell’olio d’oliva biologico lo è previsto in aumento da 933 milioni di dollari nel 2021 a 2.2 miliardi di dollari entro il 2031, con un tasso di crescita annuo di quasi il -%.

Vedi anche:Le vendite di alimenti biologici in Italia sono più che raddoppiate nell'ultimo decennio

L’aumento delle vendite di olio d’oliva biologico fa parte di una tendenza più ampia. Nel suo organico 2024 sondaggio di settore, l'Organic Trade Association ha affermato che le vendite di prodotti biologici certificati sono cresciute fino alla cifra record di 69.7 miliardi di dollari negli Stati Uniti nel 2023, con un aumento del 3.4% rispetto all'anno precedente.

Mentre Joseph R. Profaci, direttore esecutivo della NAOOA, ha messo in guardia i dati misurati in dollari potrebbero essere fuorvianti se le cifre non fossero adeguate all'inflazione, che è stata del 3.4% su base annua negli Stati Uniti nel 2023, ha convenuto che l'olio d'oliva biologico gli aumenti dei consumi fanno parte di una tendenza più ampia.

"L'olio extra vergine di oliva non è l'unico tra le categorie alimentari in cui le vendite biologiche stanno attualmente superando le vendite convenzionali nei parametri di crescita ", ha affermato. "Gran parte di ciò è attribuito alla percezione che gli alimenti biologici siano più salutari per te e che siano migliori per l’ambiente, due movimenti che, come sappiamo, continuano a guadagnare popolarità negli Stati Uniti”.

"Ciò può essere particolarmente applicabile all'olio d'oliva perché il nostro acquirente è solitamente più istruito e benestante rispetto all'acquirente tradizionale e, pertanto, sarebbe probabilmente più propenso a essere consapevole di queste tendenze e in grado di permettersi il premio pagato per l'olio d'oliva biologico, - ha aggiunto Profaci.

Thierry Moyroud, amministratore delegato di Deoleo North America, ha attribuito l'aumento delle vendite di olio d'oliva biologico a Walmart, il più grande rivenditore al dettaglio al mondo.

"Il grande vincitore di tutto ciò che è accaduto in termini di prezzi, oltre all’olio d’oliva, con l’inflazione a cui abbiamo assistito negli ultimi anni è stato Walmart”, ha affermato. "Walmart ha una quota maggiore di vendite di olio d'oliva rispetto a qualsiasi altro rivenditore biologico. Quando le vendite di Walmart crescono, crescono anche le vendite organiche”.

Moyroud ritiene che un altro fattore alla base di questa tendenza sia stata la biforcazione del mercato statunitense dell'olio d'oliva.

"Ciò che è accaduto qui è una polarizzazione dovuta ai prezzi”, ha affermato. "Nella parte inferiore dello spettro, alcune famiglie non acquistano più olio d'oliva ”a causa dell'aumento dei prezzi all'origine e dell'impatto dell'inflazione su altri beni di prima necessità delle famiglie.

"L'olio d'oliva biologico, che tende ad essere più costoso, viene acquistato da persone con maggiore potere d'acquisto. Anche se i prezzi aumentassero, è improbabile che smettano di acquistarlo”, ha aggiunto Moyroud. "La famiglia che acquista prodotti biologici è meno sensibile al prezzo”.

Mentre le importazioni rappresentano circa il 97% del consumo di olio d'oliva negli Stati Uniti, la produzione di olio d'oliva biologico è sempre più popolare in California. Tuttavia, non tutti i coltivatori e i mugnai biologici di Golden State hanno notato la tendenza nazionale più ampia nelle loro vendite.

Tuttavia, Stefanie Wickensheimer, assistente esecutiva e direttrice del progetto presso Ranch Rio Bravo, ha notato un aumento della domanda di olio d'oliva biologico.

"Riceviamo alcuni clienti che chiedono specificatamente se è biologico. Penso che molte persone si stiano rendendo conto che ci sono molti benefici per la salute nel mangiare biologico”, ha detto. "Nell’agricoltura non vengono utilizzati pesticidi, il che si traduce in un prodotto più sicuro”.

pubblicità

Tuttavia, Phil Asquith, il proprietario di Olio di oliva Ojai, ha visto la tendenza opposta.

"Semmai, l'interesse delle persone per il biologico sembra essersi appiattito o addirittura diminuito", ha affermato. "Le persone scelgono in base a quali oli d'oliva preferiscono più di quelli certificati.

Asquith ha affermato che molti dei suoi clienti e altri consumatori di olio d'oliva che conosce sono più preoccupati per la qualità e la provenienza rispetto alle certificazioni biologiche.

"Sono più preoccupati che l’olio sia locale, di alta qualità e proveniente da un’azienda di cui si fidano”, ha affermato. "Tutti i nostri oli sono biologici, ma non tutti sono certificati ed etichettati come tali. Gli standard e i costi di certificazione sono diventati piuttosto gravosi, quindi certifichiamo solo alcuni prodotti, anche se sarebbero tutti idonei”.


pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati