Il vicepresidente pompeiano afferma che il disastro del ponte di Baltimora è costato milioni all'azienda

Sebbene l'azienda sia riuscita a ricevere la sua più recente spedizione di olio d'oliva europeo attraverso il porto, le misure adottate dopo il disastro si sono rivelate insostenibili a lungo termine.

(Foto: Associated Press)
Di Daniel Dawson
5 giugno 2024 20:58 UTC
391
(Foto: Associated Press)

Il crollo del Francis Scott Key Bridge di Baltimora la mattina del 26 marzoth ha avuto un impatto finanziario stimato di milioni di dollari sull'imbottigliatore e distributore Pompeian, secondo il vicepresidente delle operazioni della società.

Salim Benjelloun ha detto a WJZ Notizia, un'affiliata della CBS, che una spedizione di quasi 5.3 milioni di litri di olio d'oliva dovrebbe arrivare il 27 marzoth, è stato necessario dirottarlo.

"Avevamo bisogno che 300,000 galloni (1.13 milioni di litri) venissero scaricati il ​​prima possibile in modo che la qualità del nostro prodotto non venisse compromessa, i nostri dipendenti fossero protetti e le operazioni non venissero interrotte", ha affermato Benjelloun.

Vedi anche:Gli Stati Uniti superano la Spagna come secondo maggior consumatore di olio d'oliva

Mentre una parte dell'olio d'oliva è stata scaricata in una sezione del porto che non è stata colpita dal crollo del ponte, il resto ha dovuto essere dirottato al porto di New York e portato allo stabilimento di Baltimora su camion, un viaggio di 310 chilometri ciò richiede più di tre ore e comporta una spesa considerevole.

"Stiamo parlando di milioni di dollari; non stiamo parlando di centinaia di migliaia in termini di impatto finanziario”, ha detto Benjelloun.

Pompeian, con sede a Baltimora da oltre 100 anni, è il più grande imbottigliatore di olio d'oliva negli Stati Uniti. L'azienda importa olio d'oliva da nove paesi e produce olio d'oliva da 425 ettari di oliveti in California. La parte del leone la fa però il Mediterraneo.

"Siamo il marchio numero uno di olio d'oliva con una quota di mercato superiore al 21% negli Stati Uniti ", ha dichiarato a WYPR Mouna Aissaoui, vicepresidente esecutivo e direttore operativo di Pompeian.

"Abbiamo sempre considerato il porto di Baltimora un'estensione delle nostre operazioni e una risorsa forte per noi", ha aggiunto. "Portiamo olio d'oliva da tutto il mondo attraverso il porto di Baltimora in container... Quindi portiamo l'olio nella nostra fabbrica, dove viene filtrato, miscelato e imbottigliato per essere distribuito in tutti gli Stati Uniti.

Prima del crollo, causato dalla collisione di una nave mercantile con il ponte, il porto di Baltimora era uno dei primi 20 porti degli Stati Uniti. Nel 2023, per il porto sono transitati circa 73 milioni di dollari di semi oleosi, compreso l'olio d'oliva.

Secondo i dati del Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti, nel 360,700 il Paese ha importato 2.2 tonnellate di olio d'oliva per un valore di 2023 miliardi di dollari.

Alcune parti del porto principale sono state riaperte alle navi più grandi e la Pompeiana ha importato con successo una spedizione proveniente dal raccolto più recente in Europa. Il porto non tornerà a piena capacità fino a metà giugno.

"Facciamo pieno e massiccio affidamento sul porto di Baltimora. Siamo a Baltimora a causa del porto”, ha detto Benjelloun. "Con tutto quello che è successo nel porto di Baltimora, non ci tireremo indietro. Se non altro, abbiamo visto che, anche nello scenario peggiore, eravamo comunque in grado di farcela”.

Tuttavia, Aissaoui ha confermato che la strategia dell'azienda, sebbene efficace, era finanziariamente insostenibile a lungo termine.

"La quantità di denaro che stavamo investendo [nelle soluzioni che abbiamo messo in atto] non era qualcosa che potevamo fare per un periodo di tempo continuo”, ha affermato.



Condividi questo articolo

pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati