Certificazione di classe conferita in caso di pubblicità falsa contro Filippo Berio

Un giudice distrettuale degli Stati Uniti ha rilasciato una certificazione di classe a coloro che hanno acquistato qualsiasi olio d'oliva di marca Filippo Berio ad eccezione del loro olio d'oliva biologico, tra maggio 2010 e giugno 2015.

Giu. 26, 2016
Di Sukhsatej Batra

Notizie recenti

In una vittoria per i consumatori della California che hanno presentato un file falso caso pubblicitario contro Salov North America Corp, produttori del marchio di olio d'oliva Filippo Berio, il giudice distrettuale statunitense Yvonne Gonzalez Rogers ha concesso la certificazione di classe a coloro che hanno acquistato olio d'oliva Filippo Berio di marca ad eccezione del loro olio d'oliva biologico, tra maggio 2010 e giugno 2015 .

La sentenza era in risposta alla mozione che richiedeva la certificazione di classe a maggio 2016.
Vedi anche:Copertura completa del caso di azione di classe Nord America di Salov
I consumatori, guidati dall'attore Rohini Kumar, sostengono che il "La dichiarazione importata dall'Italia "sul davanti dell'etichetta del marchio di olio d'oliva Filippo Berio era ingannevole e fuorviante per i consumatori.

Nel loro caso, i ricorrenti hanno affermato che i consumatori acquistano il marchio di olio d'oliva Filippo Berio credendo che sia un prodotto italiano, quando in realtà solo una piccola parte dell'olio proviene dall'Italia.

La maggior parte dell'olio è in realtà una miscela di oli d'oliva prodotti in Tunisia, Grecia e Spagna che viene spedita in Italia. L'olio d'oliva importato viene miscelato con una piccola quantità di olio d'oliva italiano prima di essere imbottigliato in Italia ed etichettato in modo ben visibile sul davanti con la dicitura "Importato dall'Italia. "

A sua difesa, Salov ha affermato che una dichiarazione sul retro delle bottiglie di olio d'oliva vicino al "best by ”date, è un disclaimer che rivela che l'olio d'oliva proviene da diversi paesi. Secondo Salov, Kumar non avrebbe potuto mancare di leggere il suddetto disclaimer che era vicino alla data che ha affermato di aver letto.

Nella sua sentenza, tuttavia, il giudice Gonzalez Rogers, ha affermato che la corte non ha potuto ignorare la testimonianza di Kumar che non aveva letto il disclaimer, come suggerito da Salov.
Vedi anche:Articoli sull'etichettatura dell'olio d'oliva
Il giudice ha anche affrontato le argomentazioni di Salov secondo cui Kumar non era un rappresentante di classe adeguato e domande sull'onestà e la credibilità di Kumar a causa della sua convinzione di guida ubriaca e dell'amicizia personale con un avvocato della ditta che la rappresenta in questo caso.

Il giudice Gonzalez Rogers ha precisato che né le accuse di guida ubriache né la sua amicizia personale con un avvocato erano pertinenti al caso in esame, affermando, "L'amica dell'avvocato di Kumar è uno dei numerosi avvocati di diversi studi legali che la rappresenta nel caso. "

In altri argomenti, Salov ha messo in dubbio la memoria del consumatore per quanto riguarda la prova di acquisto, il prezzo pagato per l'olio d'oliva e ha ricordato se lo ritenevano "Importato dall'Italia ”per significare che l'olio d'oliva era prodotto solo da olive italiane. Il giudice ha affrontato questo problema affermando che i membri della classe potevano presentare la prova di acquisto su un modulo di rivendicazione di azione collettiva Affidavit.

I consumatori della California affermano inoltre che con "Importato dall'Italia "sulla loro etichetta, Salov sta violando la pratica commerciale del 1930 Tariff Act, 19 USC § 1304 (a).


Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti