`Si stima che 33,000 posti di lavoro persi per Xylella Fastidiosa in Puglia - Olive Oil Times

Si stima che siano stati persi 33,000 posti di lavoro per Xylella Fastidiosa in Puglia

Novembre 1, 2021
Ephantus Mukundi

Notizie recenti

Il mese scorso, tre funzionari agricoli della regione meridionale italiana di Puglia ha avvertito che la minaccia al benessere socio-economico dell'area da Xyellela fastidiosa viene sottovalutato.

"Su Xylella fastidiosa c'è ancora una tremenda sottovalutazione del problema perché, ovviamente, non vogliamo cogliere il dramma dei danni economici e sociali che il fenomeno produce», si legge in un comunicato congiunto dei presidenti di Confagricoltura Puglia, Confagricoltura Brindisi e Confagricoltura Lecce, Luca Lazzàro, Antonello Brun e Maurizio Cezzi.

Vedi anche:La Puglia avverte gli agricoltori delle cure inefficaci della Xylella Fastidiosa

Xylella fastidiosa è stata rilevata per la prima volta in Italia nel 2013. Da allora si è diffusa in tutta la regione mediterranea. In Puglia una sottospecie di Xylella fastidiosa, ceppo pauca De Donno, è responsabile di causare una grave malattia portando alla morte e alla distruzione di migliaia di uliveti.

La malattia causata dalla sottospecie De Donno di Xylella fastidiosa si è diffusa rapidamente negli anni a causa dell'elevata popolazione di Philaenus spumarius, comunemente noto come sputacchiera dei prati, un alimentatore di linfa xilematica e vettore primario del batterio nella regione.

Inoltre, l'impianto estensivo di due cultivar di olivo suscettibili - Ogliarola salentina e Cellina di Nardò - e l'elevata densità di ulivi nella regione infetta da Xylella fastidiosa hanno ulteriormente aggravato il problema.

pubblicità

"La prima segnalazione ufficiale dei focolai risale all'ottobre 2013, a Gallipoli e ad Alezio nel leccese”, si legge nel comunicato congiunto. "In otto anni Xylella si è diffusa e, ad oggi, ha interessato circa 150,000 ettari di uliveti nelle province di Lecce, Brindisi e parte del Tarantino».

Considerando il numero medio di ore lavorative che gli ulivi richiedono per mantenere e raccogliere, sono stati persi circa 33,000 posti di lavoro, hanno affermato i tre funzionari.

"A questo punto, per ripristinare questi luoghi e il potenziale olivicolo distrutto, lo Stato e la Regione Puglia dovrebbero investire 3.3 miliardi di euro, mentre solo Sono stati investiti 300 milioni di euro", si legge nel comunicato congiunto. "Quest'ultima somma non basta».



Advertisement

pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti