Le vendite di alimenti biologici in Italia sono più che raddoppiate nell'ultimo decennio

Nello stesso periodo anche il valore delle esportazioni di agricoltura biologica è aumentato del 181%. Il vino faceva da apripista, ma l'olio extravergine d'oliva non era da meno.
Ottobre 17, 2022
Paolo De Andreis

Notizie recenti

La crescente domanda di prodotti alimentari biologici sta alimentando la produzione agricola biologica italiana.

Negli ultimi 10 anni le vendite di alimenti biologici in Italia sono cresciute del 133 per cento. Allo stesso modo, nello stesso periodo le esportazioni di prodotti biologici italiani sono aumentate del 181 per cento in valore.

L'-% di queste esportazioni sono alimentari, mentre la parte restante comprende cosmetici e altri prodotti sanitari legati all'agricoltura.

Vedi anche:Campione dei Premi Europei Agricoltura Biologica

Secondo gli ultimi dati pubblicati da Nomisma, società di consulenza, il valore delle esportazioni di prodotti agricoli biologici è passato da 1.2 miliardi di euro nel 2012 a 3.4 miliardi di euro attesi nel 2022. Il valore delle esportazioni di alimenti biologici nel 2022 supererà i 2.7 miliardi di euro, un 16 per cento di aumento anno su anno.

L'export biologico rappresenta oggi il 6 per cento del valore complessivo dell'export agroalimentare italiano. Secondo Nomisma, l'Italia è il secondo esportatore di alimenti biologici dopo gli Stati Uniti, le cui esportazioni hanno superato i 2.98 miliardi di euro nel 2021.

pubblicità

Il vino è di gran lunga il prodotto alimentare biologico più apprezzato venduto dalle aziende italiane sul mercato internazionale, rappresentando il 19 per cento di tutte le esportazioni biologiche. In confronto, le vendite totali di vino rappresentano il 13 per cento delle esportazioni agricole italiane in valore.

Nomisma stima che l'export italiano di alimenti biologici crescerà nel prossimo triennio, principalmente in Germania (+53%), Paesi del nord Europa (+32%) e Stati Uniti (+25%).

Nei mercati internazionali e nazionali, interesse per il biologico olio extravergine d'oliva sta anche crescendo. In un recente rapporto, l'Istituto dei Servizi per il Mercato Agricolo e Alimentare (Ismea) ha affermato che l'extravergine biologico olive oil prola produzione ha raggiunto le 46,000 tonnellate nel 2019, per un valore di circa 200 milioni di euro.

Ismea ha affermato che le vendite di olio extra vergine di oliva biologico sono state alimentate dalla crescente domanda pubblica e dai prezzi più elevati che i produttori possono addebitare per gli oli biologici, tradizionalmente compresi tra € 0.20 e € 0.40 in più.

Al di fuori dell'Italia, di recente è cresciuto anche l'interesse per l'olio extra vergine di oliva biologico. Gli oli d'oliva biologici hanno vinto circa un premio su tre al 2022 NYIOOC World Olive Oil Competition, il più grande concorso mondiale di qualità dell'olio d'oliva.

Nel suo rapporto, Nomisma ha affermato che il consumo di alimenti biologici è guidato principalmente dal consumo delle famiglie, al contrario del consumo di ristoranti o strutture ricettive, che cresce del 4% tra il 2020 e il 2021 per raggiungere quasi 3.9 miliardi di euro.

Nel 2021 l'89 per cento delle famiglie italiane ha acquistato almeno un prodotto biologico. Nel 2012, circa il 50 per cento delle famiglie ha fatto lo stesso. Oggi il 54 per cento delle famiglie italiane consuma prodotti alimentari biologici almeno una volta alla settimana.

Qualità e benefici alla salute sono i driver più rilevanti degli acquisti di alimenti biologici. Anche il -% dei consumatori intervistati da Nomisma sostenibilità citata e il rispetto della biodiversità in quanto influenzano le loro decisioni. Il 100% dei consumatori chiede che i contenitori per alimenti biologici siano riciclabili al -%.

Secondo Nomisma, la grande distribuzione rappresenta il 56 per cento di tutte le vendite di alimenti biologici a famiglie e ristoranti, per un valore totale di 2.2 miliardi di euro nel 2021.

Tuttavia, il rapporto evidenzia una crescita dell'8% tra il 2020 e il 2021 per le vendite dei rivenditori specializzati di alimenti biologici, che ora rappresentano il 26% del mercato. Si prevede una crescita del -% anche per altri canali di vendita di alimenti biologici, come farmacie, fiere e mercati locali.



pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti