`L'Italia implementa la legge europea che vieta la vendita di olio EVO sottocosto - Olive Oil Times

L'Italia implementa la legge europea che vieta la vendita di EVOO sotto i costi

Dicembre 29, 2021
Ylenia Granitto

Notizie recenti

Il governo italiano ha approvato un disegno di legge attuativo Direttiva Europea 2019/633 sulle pratiche commerciali sleali nei rapporti tra imprese nella filiera agricola e alimentare.

Teso a "razionalizzando e rafforzando l'attuale quadro normativo verso una maggiore tutela di fornitori e operatori”, la legge vieta alle imprese di imporre condizioni contrattuali gravose.

La tendenza a prezzi sempre più bassi può inoltre determinare una graduale diminuzione della redditività degli operatori, rendendo meno conveniente coltivare ulivi, produrre e confezionare olio extra vergine di oliva.- Anna Cane, presidente gruppo olivicolo, Assitol

Vieta inoltre la vendita di prodotti agricoli e alimentari a prezzi inferiori ai costi di produzione, che potrebbe incidere sul settore dell'olio d'oliva.

Vedi anche:Olive Oil Promozioni Aumentano le vendite dei rivenditori, ma con un costo nascosto

"Grazie a questo strumento normativo, i rapporti all'interno della filiera dell'olio d'oliva possono essere più fluidi ", Anna Cane, presidente del gruppo oleario della Associazione Italiana dell'Industria dell'Olio Alimentare (Assitol), ha detto Olive Oil Times. "Questo prepara il terreno per rilanciare la nostra azione contro la vendita sottocosto dell'olio extra vergine di oliva nei grandi canali di distribuzione che il nostro settore cerca da anni di raggiungere”.

Assitol ha già presentato una proposta alle autorità italiane ed europee chiedendo il divieto di vendita sottocosto dell'olio extra vergine di oliva insieme ad adeguate sanzioni amministrative.

pubblicità

"Ci auguriamo che sia le autorità nazionali che quelle europee presteranno presto attenzione a questo problema", ha affermato Cane. "Questo è anche non solo un problema italiano ma coinvolge anche la maggior parte dei grandi canali distributivi a livello globale”.

L'attuale legislazione in Italia consente di vendere l'olio extra vergine di oliva a un prezzo inferiore al suo costo solo una volta all'anno, ma alcuni grandi rivenditori vendono il loro olio extra vergine di oliva sottocosto al di fuori di questo periodo.

"Ciò provoca il degrado del prodotto, trasmettendo l'idea che l'olio extra vergine di oliva sia una merce di modesto valore ", ha affermato Cane. "La tendenza a prezzi sempre più bassi può inoltre determinare una graduale diminuzione della redditività degli operatori, rendendo meno conveniente coltivare ulivi, produrre e confezionare olio extra vergine di oliva”.

"Il rischio è che il prezzo al consumo finale, nella maggior parte dei casi, non copra i costi di produzione", ha aggiunto. "Questo non ha senso poiché l'olio extra vergine di oliva è uno dei nostri prodotti chiave di esportazione ed è molto apprezzato per la sua valore della salute. "

Soddisfazione per il disegno di legge ha espresso il Ministero delle Politiche Agricole, sottolineando che, grazie a tale provvedimento, "i rapporti di forza tra le parti negli scambi commerciali si riequilibrano definitivamente, garantendo una posizione più equa ai produttori e alle aziende agricole lese dalla pratica insostenibile”.

Sul sito del Ministero è disponibile un modulo di denuncia per la segnalazione dei casi. L'Ispettorato centrale per la protezione della qualità e la prevenzione delle frodi dei prodotti agroalimentari (ICQRF) è designato come autorità di controllo.

"In sostanza, il decreto contro le pratiche commerciali sleali può aprire la porta ad altre misure, utili a ridare redditività al mondo dell'olio d'oliva», ha concluso Cane. "Ora chiediamo a tutte le parti interessate della filiera dell'olio d'oliva di condividere il nostro impegno contro le vendite sottocosto ".



Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti