`Le nuove cifre mostrano la crescita delle importazioni e l'aumento dei prezzi per l'olio d'oliva italiano - Olive Oil Times

Nuove cifre mostrano una crescita nelle importazioni e prezzi più elevati per l'olio d'oliva italiano

Marzo 11, 2011
Olive Oil Times STAFF

Notizie recenti

Il Consiglio oleicolo internazionale ha pubblicato oggi i dati che mostrano che le importazioni di olio d'oliva in Cina sono aumentate del 60% per la stagione 2009/2010 per un totale di tonnellate 20,565, l'89% proveniente dall'Europa. La Spagna è stata il principale fornitore (42%), seguita da Italia (39%), Grecia (7%) e Portogallo (1%). Altri esportatori in Cina sono stati Siria (4%), Australia (3%) e Turchia (2%).

L'olio extra vergine di oliva ha rappresentato l'76 percento del volume delle importazioni cinesi nel periodo, seguito dall'olio di oliva raffinato e dall'olio di sansa di oliva con quote uguali dell'12%.

La Russia ha importato quasi 25,000 tonnellate di olio d'oliva nel 2009/10, con un aumento del 50% rispetto alla stagione precedente. Il 93 percento delle importazioni proveniva da paesi dell'UE, i principali fornitori erano Spagna (62 percento), Italia (25 percento) e Grecia (6 percento). Le quote di Tunisia e Turchia erano rispettivamente del 4% e del 3%. La suddivisione per categoria di prodotti per il 2009/10 mostra quote del 62 percento per extra vergine, 28 percento per raffinato e 10 percento per l'olio di sansa di oliva.

L'India ha importato solo 3,374 tonnellate di olio d'oliva, con un aumento del 26%. La maggior parte (60%) è stata fornita dalla Spagna, mentre il 34% dall'Italia. La Turchia rappresentava il 5% delle importazioni dell'India. L'extravergine rappresentava solo il 19 percento; il restante 81% era olio d'oliva raffinato.

pubblicità

Durante i primi tre mesi cumulativi della stagione (ottobre-dicembre) le importazioni di olio d'oliva sono aumentate del 20% in Australia e dell'11% negli Stati Uniti. In Giappone le importazioni sono diminuite del 7% rispetto allo stesso periodo di un anno fa.

I prezzi dell'olio d'oliva sono diminuiti dell'8% in Spagna rispetto all'anno precedente a 2.01 € / kg e del 4% in Grecia (1.95 € / kg) mentre in Italia si sono mossi nella direzione opposta, salendo del 14% a 3.07 € / kg. . Le ultime settimane hanno visto un forte aumento dei prezzi in Italia a conferma, ha detto il CIO, della crescente distanza tra i prezzi pagati ai produttori in Italia e quelli pagati in Spagna e Grecia.



Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti