Il futuro è nella produzione specializzata e sostenibile, afferma il CEO di Deoleo

Secondo Ignacio Silva, la specializzazione è la chiave per la sopravvivenza dei produttori tradizionali e l'intero settore deve modernizzarsi per prosperare.

Dicembre 1, 2021
Di Daniel Dawson

Notizie recenti

Da quando è stato nominato amministratore delegato di Deoleo, Ignacio Silva è riuscito a ribaltare le sorti del più grande imbottigliatore di olio d'oliva del mondo.

Con un portafoglio che include alcuni dei marchi di olio d'oliva più famosi al mondo - Bertolli, Carapelli e Carbonell - Deoleo è stato gravato di debiti e ha lottato per ripagarlo quando Silva è arrivato nell'aprile 2019.

Il problema con l'olio d'oliva è che c'è un anno che alcuni guadagnano e un altro anno che guadagnano altri, ma la filiera non genera valore in modo sostenibile e dobbiamo risolverlo.- Ignacio Silva, CEO, Deoleo

Tuttavia, nei due anni e mezzo dal suo arrivo, Silva ha guidato gli sforzi che hanno ridotto significativamente i deficit e aumentato le vendite di Deoleo.

Vedi anche:Il CEO della più grande azienda di olio d'oliva afferma che il modello di business del settore è rotto

La rinascita dell'azienda ha consentito all'ex dirigente di Unilever e Schweppes Suntory di iniziare a tracciare la traiettoria futura di Deoleo, affrontando alcune delle questioni più urgenti che il settore globale dell'olio d'oliva deve affrontare.

Una delle strategie impiegate da Silva è stata quella di smettere di considerare Deleo come un'unica azienda globale e iniziare a concentrarsi sui singoli mercati.

"La maggior parte delle decisioni vengono prese nei mercati locali, a livello di prezzo, a livello di promozione e il livello di posizionamento del marchio", ha detto Silva Olive Oil Times.

mondo-di-produzione-aziendale-futuro-risiede-nella-produzione-specializzata-sostenibile-deoleo-ceo-dice-i-tempi-dell'olio-d'oliva

Ignacio Silva

Adottare approcci su misura per ogni mercato sta diventando sempre più importante man mano che il settore è a pochi centimetri da raccolta tradizionale delle olive in Grecia, Italia e Spagna ad alta densità e super-alta densità raccolta in Nord Africa, Turchia, Sud America, Australia e California.

"La mappa della produzione sta cambiando", ha detto Silva. "I costi di raccolta e produzione con il metodo tradizionale, che è la maggior parte della produzione che esiste in Spagna e in altri paesi come la Grecia, sono infinitamente superiori al costo di produzione delle colture superintensive o irrigue».

In poche parole, Silva crede che aziende come Deoleo debbano adattarsi a questo cambiamento.

È più facile a dirsi che a farsi. In tutta l'Europa meridionale, c'è stata molta resistenza alla modernizzazione degli uliveti.

Il lobbismo dalla Spagna ha aiutato sancire l'agricoltura tradizionale produzione come uno dei tre principali inquilini dell'ultima iterazione del Politica agricola comune.

Mentre il futuro di olive oil produzione sarà guidata dal trasformazione in moderni uliveti, Silva ritiene che la raccolta tradizionale effettuata in modo sostenibile rimarrà una parte essenziale del mercato globale dell'olio d'oliva.

"Producono una serie di varietà che sono molto importanti nelle nostre miscele", ha affermato Silva. "Abbiamo bisogno di varietà che non vivono bene nel sistema intensivo, nel sistema irriguo, che sono varietà che hanno molta meno stabilità e quindi hanno una durata di conservazione molto più breve".

"Dobbiamo continuare a sostenere la diversificazione e la specializzazione nella coltivazione di alta montagna... in paesi come Spagna, Italia e Grecia", ha aggiunto. "Dobbiamo aiutarli a migliorare la loro produttività; dobbiamo aiutarli a modernizzarsi, a sviluppare nuove varietà, varietà diverse e quindi speciali e con un valore differenziale. Dobbiamo pagarli di più per quella produzione".

Silva ha affermato che la promozione della produzione tradizionale e della sostenibilità vanno di pari passo. A gennaio, l'azienda annuncerà la sua ultima strategia sostenibile. Tra i suoi obiettivi c'è quello di aiutare i produttori tradizionali a diventare più redditizi seguendo le migliori pratiche agricole.

"Ci sono due soluzioni", ha detto Silva. "Uno è passare a un modello simile a quello che ha fatto il Portogallo, una soluzione parziale. Ma credo che ci sia un'altra soluzione che ha a che fare con la sostenibilità e che i due debbano andare insieme".

"Cioè per difendere i piccoli produttori, purché siano in grado di modernizzarsi, digitalizzare e soprattutto diversificare", ha aggiunto.

Indipendentemente dal tipo di produzione, Silva vede la mancanza di modernizzazione tecnologica come un'altra cosa che trattiene il settore dell'olio d'oliva a tutti i livelli.

"Ritengo che il settore, in generale, sia un settore abbastanza antiquato, con pratiche superate e quindi che utilizza la digitalizzazione, ad esempio, per controllare il processo produttivo e controllo tracciabilità, sono aspetti molto rilevanti", ha detto.

Silva ha citato l'uso della tecnologia per anticipare i raccolti come qualcosa che aiuterebbe a rivoluzionare il settore.

Ha detto che Deoleo sta lavorando con l'Università di Córdoba sulla tecnologia per aiutare i produttori ad anticipare la quantità di olio d'oliva che produrranno all'inizio dell'anno del raccolto invece di scoprirlo a dicembre o gennaio.

Silva sostiene che ciò aiuterebbe i produttori a pianificare il futuro anticipando i prezzi all'origine e la qualità.

Oltre a migliorare la redditività per gli agricoltori, Silva sostiene che il settore deve aggiungere valore all'intera filiera dell'olio d'oliva. Ha detto che questo fermerebbe la mercificazione dell'olio d'oliva, che enfatizza la produzione ai costi più bassi possibili e spesso vede la qualità come un danno collaterale.

mondo-di-produzione-aziendale-futuro-risiede-nella-produzione-specializzata-sostenibile-deoleo-ceo-dice-i-tempi-dell'olio-d'oliva

Jaén, Spagna (Foto: Hannah Howard per Olive Oil Times)

Tuttavia, fare ciò richiede alle aziende di concentrarsi maggiormente sui consumatori e meno sui loro preconcetti su ciò che le persone dovrebbero desiderare in un olio d'oliva.

"Quello che l'azienda deve fare è mettere il consumatore al centro di tutte le nostre decisioni e cercare di soddisfare le sue esigenze", ha affermato. "In questo modo, credo che otterremo uno sviluppo più sostenibile della categoria rispetto a quello che abbiamo finora”.

Silva ha ripetuto cosa? olive oil produttori di tutte le taglie da tutto il mondo hanno raccontato Olive Oil Times, che è la necessità di educare i consumatori sulle differenze tra "buono” olio d'oliva e "cattivo” olio d'oliva e perché uno vale più dell'altro.

"Penso che ci sia molto lavoro da fare lì", ha detto Silva. "Credo che uno degli errori che la categoria ha avuto negli ultimi anni è che non è stata trasparente con il consumatore, e questo è qualcosa che ora stiamo pagando in paesi come la Spagna".

Silva ha detto che nuova legislazione in Spagna disciplinare la qualità e gli standard dell'olio d'oliva è un passo nella giusta direzione, ma avrebbe potuto essere più forte.

La legislazione include una serie di requisiti di tracciabilità per le spedizioni di olio d'oliva sfuso, un controllo più stretto su come i termini "vergine ”e "extra vergine” e un giro di vite sulla miscelazione di oli di oliva di diverse annate.

Un elemento dell'attuale mercato dell'olio d'oliva che la nuova legislazione non è riuscita ad affrontare, ma che Silva insiste che deve essere riformato, è stato il ruolo dei panel di degustazione nel determinare qualità dell'olio d'oliva.

"Il panel di degustazione è stato creato per dare sicurezza ai consumatori, per garantire che il prodotto che consumano sia un prodotto di alta qualità e, soprattutto, è un prodotto che è esattamente quello che dice la bottiglia", ha affermato Silva.

"Ora, penso che non sia lo strumento migliore", ha aggiunto. "È uno strumento che mette insicurezza legale gli imbottigliatori perché controlliamo solo una parte della filiera”.

"La qualità dell'olio ha a che fare con il metodo di raccolta, con il modo in cui il prodotto viene curato alla fonte, come lo imbottigliamo e, soprattutto, come viene conservato e curato nel punto vendita”, ha proseguito Silva. . "Pertanto, non possiamo essere ritenuti responsabili dell'intera filiera, essendo responsabili solo in parte di una parte”.

La polemica sul ruolo dei panel di degustazione ha è stato a lungo un problema in Spagna. I sostenitori del panel di degustazione hanno detto di sì "uno strumento fondamentale” per garantire la qualità.

I detrattori sostengono che si tratta di un metodo antiquato che accumula rischi legali su imbottigliatori, esportatori e rivenditori. Nel 2018, an audit di PricewaterhouseCoopers chiamate valutazioni del pannello sensoriale "un meccanismo di controllo della qualità inappropriato che viola i principi più elementari del sistema giuridico spagnolo e danneggia gravemente il pubblico e l'industria dell'olio d'oliva ".

Da parte sua, Silva ha affermato che la mancanza di coerenza dei panel di degustazione genera insicurezza nel settore. Vuole vedere più agenzia in ogni fase del settore dell'olio d'oliva, dagli agricoltori ai rivenditori.

"Credo che il panel di degustazione debba essere sostituito da qualcosa che gli stessi imbottigliatori devono fare un passo avanti, offrire, anticipare e regolamentare", ha affermato. "Dobbiamo mettere un metodo alternativo al panel di degustazione che assicuri che garantisca la qualità ai consumatori, ma che non utilizzi sistemi soggettivi”.

Sebbene Silva riconosca molte sfide che devono affrontare il settore dell'olio d'oliva, è ottimista sul fatto che il raccolto millenario possa continuare a fornire una vita dignitosa a tutti coloro che sono coinvolti nella sua produzione e commercializzazione.

Nonostante gli avvertimenti che i prezzi alti danneggiano gli esportatori, Silva ha affermato che l'olio d'oliva è prezioso quanto la gente crede che sia. Affinché tutti nel settore possano prosperare, devono adottare questo approccio.

"Penso che il problema del margine [di profitto] abbia a che fare con il valore che diamo al prodotto", ha affermato. "Se non valutiamo il prodotto e troviamo oli extra vergini di dubbia qualità a 3 euro, è impossibile per la filiera e tutti i suoi agenti guadagnare”.

"Il problema con l'olio d'oliva è che c'è un anno in cui alcuni guadagnano e un altro anno in cui altri guadagnano, ma la catena non genera valore in modo sostenibile e dobbiamo risolverlo ", ha concluso.


Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti