Le fiamme avvolgono l'antico uliveto di Amfissa

Secondo le stime iniziali, da 30,000 a 40,000 alberi sono stati distrutti negli incendi che hanno colpito alcuni dei più antichi uliveti della Grecia.
Foto: vigili del fuoco ellenici via Facebook
Giu. 11, 2022
Costas Vasilopoulos

Notizie recenti

Decine di incendi sono scoppiati in Grecia la scorsa settimana in uno schema che ricorda in modo allarmante il incendi distruttivi che hanno colpito il Paese quasi un anno fa.

Le regioni dell'Acaia e dell'Argolide nel Peloponneso, l'isola di Zante nel Mar Ionio e il Monte Athos nel nord sono state tra le aree del paese colpite dai dilaganti incendi.

L'incendio ha inferto un duro colpo ad altri produttori che avevano subito gravi danni nell'incendio del 2013. La loro lotta decennale per far rivivere i loro uliveti è stata resa inutile dal nuovo disastro.- Panayiotis Delis, produttore locale di olive e vigile del fuoco volontario

Nella provincia di Fokida, nella Grecia centrale, a la fiamma ha squarciato l'oliveto più antico e più grande del paese, coltivato ininterrottamente, comprende circa 1.2 milioni di ulivi.

Sospinto da forti venti, l'incendio si è diviso in tre fronti, radendo al suolo ampie fasce di terreno agricolo, tra cui migliaia di ulivi. Più di 150 vigili del fuoco supportati da 11 velivoli da bombardamento d'acqua e sette elicotteri hanno combattuto per contenere l'incendio, ha riferito l'agenzia di stampa Atene-Macedone.

Vedi anche:Gli incendi stanno diventando più frequenti e intensi a livello globale, scoprono i ricercatori

"L'incendio è scoppiato vicino all'insediamento di Sernikaki, lo stesso punto del 2013 ", ha detto Panayiotis Delis, un produttore di olive che ha partecipato con altri agricoltori locali alle operazioni per arginare l'incendio Olive Oil Times.

"Ci sono alcuni boschetti lasciati incustoditi che tendono a prendere fuoco”, ha aggiunto. "All'epoca c'era un forte vento e l'incendio si è diffuso rapidamente, ma ci siamo immediatamente mobilitati per spegnere le fiamme insieme ai vigili del fuoco".

"Nella zona sono presenti migliaia di ulivi centenari; alcuni addirittura stanno lì per millenni, con tronchi cavi con il fuoco che brucia all'interno dell'albero rendendolo estremamente difficile da spegnere", ha continuato Delis. "Un vicino convento è stato evacuato. Tuttavia, gli impianti di confezionamento delle olive che operano nella zona non sono stati minacciati dall'incendio".

business-europe-flames-engulf-the-antico-oliveto-di-amfissa-olive-times

Incendio di Amfissa (Foto: NASA)

L'oliveto di Amfissa si estende dalla città di Amfissa alla città costiera di Itea nel Golfo di Corinto, che separa la penisola del Peloponneso dalla Grecia continentale occidentale.

Il boschetto è costituito principalmente da alberi commestibili varietà di olive tra cui la locale Konservolia Amfissis, certificata a Denominazione di Origine Protetta, che produce drupe di oliva grandi e rotonde e carnose che possono rimanere a lungo in salamoia senza degradarsi.

La coltivazione dell'olivo nella zona è favorita principalmente dal microclima caldo e relativamente secco, che sopprime eventuali manifestazioni gravi del mosca di frutta d'oliva, un parassita significativo.

Caratteristico del paesaggio di Delfi è l'oliveto dell'Amfissa, dove sorge l'omonimo sito archeologico del tempio e oracolo di Apollo, Patrimonio dell'UNESCO dal 1987.

Secondo il sistema di gestione delle emergenze Copernicus dell'Unione europea, il fuoco consumato per un totale di 1,127 ettari nell'area più ampia.

business-europe-flames-engulf-the-antico-oliveto-di-amfissa-olive-times

Veduta dell'oliveto di Amfissa (Foto: Dennis Jarvis tramite Wikimedia Commons)

I funzionari locali hanno stimato che circa 30,000-40,000 mila ulivi dell'oliveto di Amfissa sono stati danneggiati o ridotti in cenere.

"Ci sono alcuni piccoli focolai ancora in fiamme che verranno presto spenti", ha affermato Panayiotis Tagkalis, sindaco di Delfi. "Tuttavia, le ferite dell'ennesimo incendio che ha colpito il nostro tradizionale uliveto rimarranno non rimarginate".

In precedenza, gli uliveti dell'Amfissa erano bruciati nel 2013 quando un incendio ha devastato 4,000 ettari di terreno e distrutto 50,000 ulivi.

Delis ha trasmesso una situazione difficile per molti agricoltori locali che dipendono esclusivamente dalla produzione di olive per il reddito.

"L'agricoltura nella nostra zona è quasi esclusivamente a base di olive ", ha affermato. "I miei ulivi vicino al villaggio di Chrisso non sono stati colpiti, ma l'incendio ha inferto un duro colpo ad altri produttori che avevano subito gravi danni nell'incendio del 2013. La loro lotta decennale per far rivivere i loro uliveti è stata resa inutile dal nuovo disastro.



Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti