Il commissario europeo ascolterà le preoccupazioni del settore dell'olio d'oliva su Nutri-Score

I funzionari europei lavoreranno con il settore per promuovere la cultura dell'olio d'oliva extravergine e i benefici per la salute prima della potenziale introduzione di Nutr-Score.
Stella Kyriakides
Di Paolo DeAndreis
Maggio. 9, 2022 16:58 UTC

La commissaria europea per la salute e la sicurezza alimentare Stella Kyriakides incontrerà i membri del settore europeo dell'olio d'oliva per discutere la loro opposizione a punteggio Nutri nelle prossime settimane.

I rappresentanti dell'organo direttivo dell'Unione Europea hanno già discusso la questione con il Consiglio oleicolo internazionale (CIO) in vista della possibile adozione a livello europeo del sistema di etichettatura anteriore della confezione (FOPL) di origine francese.

Occorre promuovere gli oli d'oliva e fare tutto il possibile per evitare confusione e penalizzare questo prodotto come nel caso dell'attuale sistema Nutri-Score.- Abdellatif Ghedira, direttore esecutivo, CIO

QV Extra!, l'associazione internazionale dei produttori di olio d'oliva con sede in Spagna, ha appena annunciato che si incontrerà a Madrid con il CIO il 20 maggio per discutere l'etichettatura nutrizionale e il profilo sanitario dei prodotti dell'Unione Europea olio extravergine d'oliva. E' prevista anche la partecipazione di Kyriakides, il commissario europeo per la salute e la sicurezza alimentare.

L'ufficio di Kyriakides è direttamente coinvolto nel lavoro in corso della Commissione Europea per quanto riguarda l'attuazione di uno schema armonizzato di etichettatura degli alimenti.

Vedi anche:Il Parlamento europeo raccomanda l'adozione di etichette alimentari a livello europeo

Nelle ultime settimane, Kyriakides ha assicurato al CIO che le critiche del settore dell'olio d'oliva a Nutri-Score e etichette alimentari simili erano state prese in considerazione.

Da parte sua, i funzionari del CIO hanno affermato che l'organizzazione era dedita alla promozione dell'extra vergine cultura dell'olio d'oliva e consumo basato su una pletora di ricerche scientifiche in merito proprietà salutari.

Il CIO ha anche sottolineato il ruolo dell'Unione Europea in questi sforzi, poiché sette paesi dell'UE sono responsabili di circa il 65% della produzione globale.

Nutri-Score, un FOPL in stile semaforo con cinque gradi di colore delle lettere che vanno dal più sano "Verde A” ai meno sani "E rossa,” è considerato il favorito diventare un'etichetta per la salute alimentare a livello europeo. La Commissione Europea dovrebbe prendere la sua decisione finale entro la fine dell'anno.

affari-europa-olive-times

Il dibattito in corso arriva sulla scia di forte opposizione al Nutri-Score dai produttori di olio d’oliva in Europa negli ultimi due anni. Molte organizzazioni diverse hanno ripetutamente criticato il fatto che Nutri-Score assegni a "C gialla” a tutti gradi di olio d'oliva.

I produttori di olio d'oliva sono particolarmente critici nei confronti del fatto che il sistema di classificazione non tiene conto dell'olio d'oliva contenuto di polifenoli in considerazione, solo la sua composizione grassa.

"Al contrario, la sua classificazione semplicistica potrebbe persino allontanare i clienti dal cibo che ha così tanti benefici per la salute scientificamente provati ", ha detto Anna Cane, presidente dell'Associazione italiana dell'industria olearia (Assitol). Olive Oil Times in una Intervista di novembre 2020.

Fin dal suo inizio, c'è stata una forte opposizione a Nutri-Score in Italia. Tuttavia, la resistenza è cresciuta anche in Spagna, spingendo il ministro del Consumo Alberto Garzón ad annunciare che produttori e distributori nel più grande paese produttore di olio d'oliva del mondo sarebbe esentato dall'etichettare i loro prodotti con Nutri-Score.

"Abbiamo raggiunto un accordo con i distributori in modo che Nutri-Score non sia richiesto per l'olio d'oliva ", ha affermato Garzón in quel momento. "Nel frattempo, stiamo cercando di cambiarne la valutazione. L'olio d'oliva fa bene alla salute e non può avere un'etichetta che dice che fa male.

Anche l'Associazione degli Esportatori di Creta ha rifiutato il punteggio nutritivo. I funzionari dell'isola greca imbevuta di olio d'oliva, responsabile di circa un terzo della produzione totale annuale del paese, hanno accusato la FOPL di "clienti fuorvianti” prendendo in considerazione solo i macronutrienti dell'olio d'oliva nel suo algoritmo.

Il creatore di Nutri-Score Serge Hercberg detto Olive Oil Times in 2020 che l'UFPL ha lo scopo di consentire ai consumatori di confrontare i prodotti appartenenti alla stessa categoria alimentare. Ha aggiunto che il "Yellow C" è la valutazione più salutare possibile per un olio vegetale o di semi.

Di ritorno a Madrid, Abdellatif Ghedira, direttore esecutivo del CIO, ha detto a Kyriakides che il settore dell'olio d'oliva è interessato a promuovere un'etichetta in grado di "spiegare adeguatamente ai consumatori le proprietà nutrizionali e i benefici per la salute dell'olio d'oliva.

"Gli oli d'oliva devono essere promossi e tutto il possibile deve essere fatto per evitare confusione e penalizzare questo prodotto come nel caso dell'attuale sistema Nutri-Score ", ha aggiunto.

Insieme al settore dell'olio d'oliva, Nutri-Score è stato ampiamente criticato da altri gruppi di produttori alimentari. Cresce anche l'opposizione tra i produttori di specialità tradizionali nell'UE, in particolare produttori di formaggio.



pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati